Come propagare la calendula

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sia che si tratti di fiori gialli, arancioni o rossastri, la calendula è una delle piante più essenziali da coltivare nel proprio giardino. Le teste aromatiche di questi fiori primaverili, infatti, possono essere raccolte e trasformate in oli e sali per aiutare a guarire diversi tipi di ferite della pelle. I petali del fiore di calendula sono stati utilizzati in cucina come coloranti gialli nei formaggi e nei burri nei secoli scorsi; oggi, invece, vengono utilizzati in stufati, brodi ed insalate. In particolare, i petali di calendula possono aggiungere a diversi piatti un gusto speziato simile allo zafferano. Per questi motivi, potrebbe essere necessario propagarla per averne a disposizione una quantità maggiore. Vediamo come propagare la calendula.

26

Occorrente

  • Vanga
  • Forbici
  • Pacciame
  • Fertilizzante
36

Periodo e zone

Normalmente è meglio propagare la calendula verso la fine della stagione autunnale, ovvero dopo la caduta dei fiori, oppure all'inizio della primavera, e cioè prima che la pianta sia cresciuta abbastanza da produrre i fiori. Innanzitutto è necessario scegliere delle aree ombreggiate dove far crescere la pianta: la calendula crescerà meglio nelle zone d'ombra e non sopporta la luce solare diretta.

46

Scavo e divisione della pianta

Utilizzare una piccola vanga da giardino per scavare con cura intorno alle piante di calendula, le quali dovranno essere successivamente divise. Assicurarsi di iniziare a scavare intorno alla linea di gocciolamento approssimativa della pianta, in quanto probabilmente questo sarà il punto verso il quale le radici si estenderanno. Dopo aver estratto delicatamente la pianta dal terreno, rimuovere con cura i resti di terra e i detriti aderenti alla zolla, dopodiché usare le dita per separare delicatamente la sezione della corona e la radice della pianta. Se possibile, dividere la radice principale in quattro parti utilizzando un piccolo paio di forbici da giardinaggio.

Continua la lettura
56

Fertilizzazione e innaffiatura

Aggiungere 5-6 centimetri di pacciamatura organica intorno all'area di propagazione della pianta, assicurandosi di lasciare abbastanza spazio intorno allo stelo per consentire alle nuove piante di crescere correttamente. Applicare del fertilizzante universale in tutta l'area di propagazione della calendula ed innaffiare con cura le nuove piantine, facendo però attenzione a non bagnare troppo il terreno. Anche se l'innaffiatura deve essere costante, è necessario consentire all'acqua di essere assorbita bene dal terreno prima di aggiungerne dell'altra. I fiori dovrebbero sbocciare entro metà primavera.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come propagare le piante di caprifoglio

Le piante di caprifoglio sono dei rampicanti facilmente riconoscibili per la loro folta presenza di foglie. Essendo dei generi di pianta che crescono spontaneamente, è possibile trovarle nelle siepi di tutto il nostro paese. Queste piante sono originarie...
Giardinaggio

Come propagare la salvia russa

In molti saranno appassionati di giardinaggio e, tutti coloro che amano questa attività o che, in altri casi, la praticano, soprano quali è quanti sono le migliori maniere per coltivare, piantare, seminare e propagare. Chi ha il pollice verde sarà...
Giardinaggio

Come propagare il cipresso

Il cipresso fa parte della famiglia delle Cupressaceae, di cui fanno parte tantissime altre specie. In particolare si tratta di una conifera sempreverde. Nella nostra tradizione il cipresso è conosciuto per il suo significato simbolico, che associa questi...
Giardinaggio

Come Propagare Una Rosa Recisa

Con l'arrivo della primavera e dei giorni caldi e soleggiati trascorriamo più volentieri il nostro tempo libero occupandoci del terrazzo o del giardino, per arricchirlo di fiori e moltiplicare quando è possibile quelli che più amiamo. Tra questi vi...
Giardinaggio

Come propagare le rose rampicanti

In questa guida, pratica e veloce, che abbiamo deciso di proporre a tutti i nostri cari lettori che amano le piante, ed in particolar modo le rose, vogliamo proporre appunto il modo per capire come e cosa dover fare, per propagare, nella maniera più...
Giardinaggio

Come propagare il rosmarino

Nella cucina italiana, il rosmarino è un aroma molto utilizzato. Profumato e dagli effetti curativi, arricchisce di sapore patate, arrosti, carni in umido, anatra, coniglio, pasta e fagioli e quant'altro suggerisce la fantasia. L'arbusto spontaneo è...
Giardinaggio

Come propagare la pianta del fico d'India

Il fico d'India, nome scientifico Opuntia ficus indica, è una pianta Succulenta frugale. Originaria del Messico, è presente anche nel bacino del Mediterraneo, in America, Africa, Australia ed Asia. Si contraddistingue per il suo aspetto un po' curioso....
Giardinaggio

Come propagare gli alberi sempreverdi

Olivi, tassi, magnolie, conifere, corbezzoli ed eucalipti, sono solo alcune delle tante specie di piante sempreverdi che ingentiliscono i giardini delle nostre città. Piuttosto esigenti in fatto di terreno ed esposizione alla luce diretta, questi alberi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.