Come propagare la dalia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La dalia, nome scientifico Dahlia pinnata, fu chiamata così in onore di un discepolo dello scienziato Linneo che si chiamava Dahl. È una delle poche piante che trova nel nostro paese un gran favore, anche se viene maggiormente coltivata in altre parti d'Europa e negli Stati Uniti. La Dalia appartiene alla famiglia delle Asteraceae, è originaria del Messico, e si pensi sia stata importata in Europa verso la fine del 1700. È una pianta sana, che non si ammala mai, non è rustica, ma cade in letargo non appena si annuncia il tempo cattivo, immagazzinando nel tubero nutrimento e umidità bastanti per tutto l'inverno. In questa guida spieghiamo come propagare la Dalia.

26

Occorrente

  • buon terriccio
  • vasetti di terracotta
  • vaso basso o ciotola
36

La moltiplicazione della pianta per talea è fatta in serra calda: dissotterrare i tuberi e porli su dei vassoi, tra la fine di dicembre e l'inizio di gennaio; si noterà che ce ne sono diversi, attaccati tutti l'uno all'altro in un unico gruppo; porre l'intero gruppo (senza dividere i bulbi) in un vaso piatto e coprirli interamente con del buon terriccio: ricordare che il vaso deve essere abbastanza grande dato che la dalia può raggiungere dimensioni di 40-50 cm; mettere il vaso in un luogo riscaldato e ben esposto al sole.

46

Quando si noterà che dalla terra stanno spuntando delle foglioline, vorrà dire che la pianta sta germogliando: quando i germogli saranno lunghi una decina di centimetri si potrà, aiutandosi con un coltellino, staccarne qualcuno e ripiantarlo in un vasetto di terracotta contenente della torba. Le dalie hanno bisogno di molta luce e sole, per il resto vogliono molta acqua e che arrivi in profondità, e concimature abbondanti sopratutto con letame, quando si prepara il terreno per mettervi i tuberi. Le concimature liquide durante la crescita rischiano di rendere i tuberi molli e acili a marcire durante l'inverno. Se si vuole ricorrere alle concimature liquide, sarà opportuno prima bagnare il terreno, poi dare il concime, senza esagerare con quelli azotati perché aumentano la produzione delle foglie. Lavorare il terreno per 3 o 4 settimane prima di piantare e aggiungi anche farina d'ossa, un concime lento.

Continua la lettura
56

La distanza da tenere tra pianta e pianta è di circa 75 cm mentre i buchi per i tuberi avranno una profondità di cm 15 circa. Le dalie coltivate in serra andranno piantate, secondo i luoghi, appena la temperatura invernale accenna a mitigarsi: non appena i getti abbiano raggiunto un'altezza di cm 8-10, si sfoltiscono, lasciando i 3 più robusti di ogni pianta e tagliando gli altri al livello del terreno: quando i getti prescelti avranno raggiunto un'altezza di cm 15-20, si potranno cimare per rendere la pianta più robusta. Dopo la cimatura, la dalia formerà alla sommità un gruppetto di bottoni: quello centrale va conservato, mentre vanno tolti i 2 sottostanti, così tutta la linfa andrà a nutrire il bocciolo centrale e si otterranno fiori giganti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se possiedi i semi, piantali verso la fine di febbraio!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare una dalia

La dalia è un fiore di origine messicana appartenente alla famiglia delle composite. Possiede uno stelo lungo e lineare, mentre i fiori sembrano formati da tante margherite concentriche. Le dalie presentano fiori colorati ed appuntiti che, generalmente...
Giardinaggio

Come coltivare la dalia

Appartiene alla famiglia delle "bulbose", e nel linguaggio dei fiori, regalare una dalia è come dire di essere grati. Perciò oltre ad essere molto bella, è gratificante riceverla in dono, e viceversa adatta da regalare, accompagnata da un biglietto...
Giardinaggio

Come propagare le piante di caprifoglio

Le piante di caprifoglio sono dei rampicanti facilmente riconoscibili per la loro folta presenza di foglie. Essendo dei generi di pianta che crescono spontaneamente, è possibile trovarle nelle siepi di tutto il nostro paese. Queste piante sono originarie...
Giardinaggio

Come propagare la salvia russa

In molti saranno appassionati di giardinaggio e, tutti coloro che amano questa attività o che, in altri casi, la praticano, soprano quali è quanti sono le migliori maniere per coltivare, piantare, seminare e propagare. Chi ha il pollice verde sarà...
Giardinaggio

Come coltivare e propagare le peonie

Originarie della Cina, le piante Peonie hanno una crescita spontanea, con dei fiori stupendi che sbocciano in colori differenti, dal rosa, al rosso, fino al bianco. Esse crescono in arbusti e i loro fiori non sono profumati, hanno petali che possono variare...
Giardinaggio

Come propagare il papiro

Il Cyperus papyrus, chiamato comunemente papiro, è un'affascinante pianta erbacea perenne dall'aspetto esotico. Amante del caldo e dell'acqua, può essere coltivata in casa senza troppe difficoltà, a patto che si rispettino le sue esigenze peculiari...
Giardinaggio

Come propagare il cipresso

Il cipresso fa parte della famiglia delle Cupressaceae, di cui fanno parte tantissime altre specie. In particolare si tratta di una conifera sempreverde. Nella nostra tradizione il cipresso è conosciuto per il suo significato simbolico, che associa questi...
Giardinaggio

Come propagare le rose rampicanti

In questa guida, pratica e veloce, che abbiamo deciso di proporre a tutti i nostri cari lettori che amano le piante, ed in particolar modo le rose, vogliamo proporre appunto il modo per capire come e cosa dover fare, per propagare, nella maniera più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.