Come propagare una pianta di malva

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La malva è una bellissima pianta dai fiori violetti che cresce spontaneamente in diversi tipi di climi ed è considerata molto utile in campo erboristico e fitoterapico. Oltre ad essere molto piacevole esteticamente, la malva ha numerose proprietà benefiche per l'organismo, tra cui quella di "ammorbidire" (da qui l'origine del suo nome) l'intestino e ripristinarne le sue regolari funzionalità. È inoltre utilizzata in moltissime lozioni e creme grazie alle proprietà idratanti e lenitive. Se volete provare la coltivazione della malva, questa guida potrebbe fare al caso vostro: nel testo di seguito vi illustreremo infatti come propagare una pianta di malva in modo semplice e rapido.

27

Occorrente

  • Terriccio
  • Sabbia
  • Torba
  • Semi di malva
  • Attrezzi da lavoro
  • Vasi di varie dimensioni
  • Letame
  • Ghiaia
37

Avere una pianta di malva in terrazzo o giardino può essere molto utile, soprattutto se amate dilettarvi con la produzione di cosmetici biologici e naturali in casa (in questo caso, ricordate sempre di seguire alla lettera le istruzioni di un esperto o studiare bene le reazioni della combinazione di diversi ingredienti, per evitare spiacevoli imprevisti). La prima cosa da sapere se siete interessati alla propogazione di una pianta di malva è che essa avviene per semina e non per talea, come accade invece per altri tipi di piante. La moltiplicazione della malva per talea può anche essere effettuata, ma è molto più difficile e complicata.

47

Per propagare una pianta di malva procedete quindi per semina, il metodo più semplice, rapido ed efficace. La cosa da ricordare è che dovrete iniziare a preparare il terreno alcuni mesi prima, per renderlo ideale alla semina ed agevolare la crescita delle piantine. Il periodo perfetto per seminare la malva è tra marzo e aprile, quando il clima rigido è ormai alle porte e nevicate e gelate non dovrebbero più essere frequenti. La cosa fondamentale per portare a compimento la propagazione di una pianta di malva è quella di fare attenzione al terreno: che seminiate in campo oppure in vaso, esso deve essere ben bilanciato tra terriccio, sabbia e torba, non dimenticando il letame ed aggiungendo anche pochissima ghiaia.

Continua la lettura
57

Quando il campo o il terriccio del vaso sarà ben spianato, potete passare all'operazione di semina. Ricordate di distanziare i semi l'uno dall'altro e di ricoprirli con un sottile strato di terriccio. La malva non richiede annaffiature abbondanti ma, per le prime volte, ricordate di essere molto delicati con l'annaffiatoio, per non "scoprire" troppo i semi smuovendo il terriccio. La germinazione avviene in tempi brevi e il vostro giardino sarà presto pieno di deliziose piantine di malva. In bocca al lupo!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Preparate il letto di semina della malva diverso tempo prima della semina effettiva
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come propagare la pianta del fico d'India

Il fico d'India, il cui nome scientifico è Opuntia ficus indica, è una pianta succulenta che ha origini nel Messico, ma è oramai diffussissima in tutto il bacino mediterraneo, in America, Africa e Asia. La peculiarità è rappresentata dall'aspetto:...
Giardinaggio

Come propagare le piante di caprifoglio

Le piante di caprifoglio sono dei rampicanti facilmente riconoscibili per la loro folta presenza di foglie. Essendo dei generi di pianta che crescono spontaneamente, è possibile trovarle nelle siepi di tutto il nostro paese. Queste piante sono originarie...
Giardinaggio

Come coltivare e utilizzare la malva

Curarsi in maniera naturale è una delle cose più antiche del mondo, ma noi presi dal processo di industrializzazione stiamo perdendo ogni contatto con le cose naturali. Non solo non conosciamo più cosa ci sta intorno, pur volendo tornare ai vecchi...
Giardinaggio

Come propagare il papiro

Il Cyperus papyrus, chiamato comunemente papiro, è un'affascinante pianta erbacea perenne dall'aspetto esotico. Amante del caldo e dell'acqua, può essere coltivata in casa senza troppe difficoltà, a patto che si rispettino le sue esigenze peculiari...
Giardinaggio

Come propagare la salvia russa

In molti saranno appassionati di giardinaggio e, tutti coloro che amano questa attività o che, in altri casi, la praticano, soprano quali è quanti sono le migliori maniere per coltivare, piantare, seminare e propagare. Chi ha il pollice verde sarà...
Giardinaggio

Come coltivare e propagare le peonie

Originarie della Cina, le piante Peonie hanno una crescita spontanea, con dei fiori stupendi che sbocciano in colori differenti, dal rosa, al rosso, fino al bianco. Esse crescono in arbusti e i loro fiori non sono profumati, hanno petali che possono variare...
Giardinaggio

Come propagare il rosmarino

Nella cucina italiana, il rosmarino è un aroma molto utilizzato. Profumato e dagli effetti curativi, arricchisce di sapore patate, arrosti, carni in umido, anatra, coniglio, pasta e fagioli e quant'altro suggerisce la fantasia. L'arbusto spontaneo è...
Giardinaggio

Come propagare il cipresso

Il cipresso fa parte della famiglia delle Cupressaceae, di cui fanno parte tantissime altre specie. In particolare si tratta di una conifera sempreverde. Nella nostra tradizione il cipresso è conosciuto per il suo significato simbolico, che associa questi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.