Come propagare una pianta di mirtilli

Tramite: O2O 26/05/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Nero, rosso, selvatico, terapeutico, il mirtillo è, tra i piccoli frutti, quello sicuramente più conosciuto, di cui ne esistono numerose varietà. Oltre che per i gustosi frutti, la pianta dei mirtilli è particolarmente adatta anche per adornare gli interni, ma la sua propagazione, nonché la sua coltivazione, richiede di mettere in pratica particolari accorgimenti. È bene sottolineare che per propagazione di una pianta, in generale, intendiamo la sua capacità naturale di riprodursi o clonarsi. La clonazione, in natura, avviene mediante la trasformazione e lo sviluppo di una parte della stessa pianta. Tuttavia, la propagazione delle piante può essere anche artificiale, ovvero indotta dall'uomo mediante l'applicazione di specifiche tecniche: alcuni metodi usati per propagare le piante sono la talea, l'innesto, la margotta e la propaggine. Andiamo quindi a vedere come propagare una pianta di mirtilli in maniera efficace.

29

Occorrente

  • Piantine di mirtillo
  • Terriccio
  • Vaso
39

La talea

Cominciamo subito col dire che tra le tecniche di propagazione delle pianta, la più semplice e conosciuta è sicuramente la talea. La pianta di mirtillo si presta ad essere clonata mediante questo metodo. Il processo in questione non richiede di avere speciali competenze, ma necessita di un po' di tempo e di pazienza. Per fare in modo che la vostra talea dia luogo a una magnifica pianta, è necessario preparare il terreno su cui farla crescere. Alla fine i risultati saranno soddisfacenti. La talea del mirtillo può essere attuata mediante l'utilizzo di piccoli rami o delle radici della pianta stessa.

49

La talea con i rami

Anche se l'orto è il posto migliore dove far crescere questa pianta, per la talea del mirtillo in vaso, è sufficiente utilizzarne uno piccolo con del terreno dal pH acido e ben nutrito. A questo punto, bisogna, prima di tutto, staccare i ramoscelli mantenendo, al piede di esso, una porzione della pianta principale o pianta madre. I piccoli rametti andranno inseriti nel terreno, non troppo in profondità e ben distanziati l'uno dall'altro: in questo modo eviteranno di avviticchiarsi durante la crescita. È molto importante irrigare il terreno per lo meno una volta ogni due giorni, in modo da tenerlo sempre umido. Quando le piantine avranno raggiunto una media dimensione avranno bisogno di un nuovo contenitore, possibilmente più ampio, così da fare in modo che le radici possano crescere in larghezza e in profondità.

Continua la lettura
59

Manutenzione della pianta

La pianta di mirtillo, specie nel primo anno di vita, ha bisogno di un'irrigazione costante, basta che il terreno si mantenga sempre umido. Invece, dare troppa acqua impedisce le radici di crescere e ramificarsi. È opportuno, anche, togliere le erbacce che si formano nei pressi della pianta. Si può fertilizzare il terreno per aiutare la crescita del mirtillo appena innestato, quando cominciano a spuntare i boccioli e quando si vedono le prime bacche. Questa pianta comincia a dare i suoi frutti solo dopo tre anni, e, per questo motivo, non bisogna scoraggiarsi: il lavoro e la pazienza saranno ricompensati.

69

L'inverno del mirtillo

È importante raccogliere i frutti del mirtillo in autunno, prima del freddo invernale, quando avranno la giusta maturazione. Quando si appresta l'inverno, è sempre meglio proteggere la pianta dal freddo rigido e dal gelo, per evitare che si secchi. Si può coprire il terreno con molte foglie, come una coperta, da scoprire solo quando tornerà il caldo. Evitare assolutamente di impacchettare la pianta con la plastica altrimenti morirà comunque.

79

I benefici del mirtillo

Infine, è bene sapere che il mirtillo è un frutto particolarmente ricco di zuccheri e di numerosi acidi, grazie ai quali si possono ottenere molti benefici. Fra gli acidi più importanti ricordiamo quello citrico, che svolge un'azione protettiva nei confronti delle cellule. Ha anche degli elementi che eliminano i grassi. Il mirtillo rosso è ricco di antiossidanti, quindi può essere utile contro l'invecchiamento della pelle. Ha delle sostanze che possono essere usate contro i batteri, quindi è utile per alleviare le infezioni. La caratteristica più importante del mirtillo nero, e sicuramente quella più conosciuta, è quella di aiutare il sistema vascolare e, quindi, la circolazione del sangue. Infatti, tale requisito del frutto, rinforza la struttura dei piccoli vasi capillari. Una volta coltivato e poi propagato il mirtillo, può essere utilizzato, per esempio, per la creazione di succhi, dolci gustosi oppure consumato semplicemente come frutta fresca per preservare tutti i suoi benefici.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Piantare il mirtillo durante il periodo primaverile o autunnale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come propagare le piante di caprifoglio

Le piante di caprifoglio sono dei rampicanti facilmente riconoscibili per la loro folta presenza di foglie. Essendo dei generi di pianta che crescono spontaneamente, è possibile trovarle nelle siepi di tutto il nostro paese. Queste piante sono originarie...
Giardinaggio

Come propagare la salvia russa

In molti saranno appassionati di giardinaggio e, tutti coloro che amano questa attività o che, in altri casi, la praticano, soprano quali è quanti sono le migliori maniere per coltivare, piantare, seminare e propagare. Chi ha il pollice verde sarà...
Giardinaggio

Come propagare il rosmarino

Nella cucina italiana, il rosmarino è un aroma molto utilizzato. Profumato e dagli effetti curativi, arricchisce di sapore patate, arrosti, carni in umido, anatra, coniglio, pasta e fagioli e quant'altro suggerisce la fantasia. L'arbusto spontaneo è...
Giardinaggio

Come propagare il cipresso

Il cipresso fa parte della famiglia delle Cupressaceae, di cui fanno parte tantissime altre specie. In particolare si tratta di una conifera sempreverde. Nella nostra tradizione il cipresso è conosciuto per il suo significato simbolico, che associa questi...
Giardinaggio

Come propagare gli oleandri

L'oleandro è una pianta sempreverde molto elegante e che, fortunatamente, può vivere con molta facilità nei giardini, anche grazie alla sua adattabilità al clima presente qui in Italia (soprattutto nelle regioni del Sud). In particolar modo, l'oleandro...
Giardinaggio

Come propagare le rose rampicanti

In questa guida, pratica e veloce, che abbiamo deciso di proporre a tutti i nostri cari lettori che amano le piante, ed in particolar modo le rose, vogliamo proporre appunto il modo per capire come e cosa dover fare, per propagare, nella maniera più...
Giardinaggio

Come propagare la calendula

Sia che si tratti di fiori gialli, arancioni o rossastri, la calendula è una delle piante più essenziali da coltivare nel proprio giardino. Le teste aromatiche di questi fiori primaverili, infatti, possono essere raccolte e trasformate in oli e sali...
Giardinaggio

Come Coltivare I Mirtilli

I mirtilli sono i frutti di un genere di piante appartenenti alla famiglia delle Ericacee, chiamato Vaccinium. Si presentano come delle bacche nere o rosse, ma in realtà sono delle false bacche. In genere i clima ideale per il Vaccinium è di tipo temperato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.