Come Propagare Una Rosa Recisa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Con l'arrivo della primavera e dei giorni caldi e soleggiati trascorriamo più volentieri il nostro tempo libero occupandoci del nostro terrazzo o del giardino, per arricchirlo di fiori e piante e moltiplicare quando è possibile quelli che più amiamo. Questo fiore, tra tutti gli altri, emana un profumo così intenso e avvolgente che è impossibile non desiderare di conservarlo intatto e di prolungare la gioia di vederlo ornare la nostra casa! Ecco quindi che vi spiego in questi passi come propagare una pianta da una rosa recisa!

26

Occorrente

  • Guanti, cesoie da giardinaggio, vasi di coccio, terriccio, sabbia, ormone radicante per piante, acqua e pazienza!
36

Innanzitutto è necessario che lo stelo della rosa sia sufficientemente lungo, da poter ottenere diverse parti da interrare. Bisogna tagliare quindi lo stelo nel punto appena sopra la prima fioritura rivolta verso l'esterno, eliminando la maggior parte delle foglie e dei ramoscelli cresciuti lungo il fiore e, facendo attenzione a non pungersi, anche tutte le spine. Sarà sufficiente dividerlo in 6 pezzi, cercando di assicurarsi che il fondo di ogni pezzo sia il più possibile prossimo ad un nodo foglia e che non siano capovolti: il verso in cui li invaseremo deve essere quello di crescita del fiore.

46

Sono disponibili in commercio degli ormoni naturali che servono a favorire e velocizzare la crescita delle radici nel terreno e si possono acquistare nei vivai e nei negozi specializzati. Dopo aver immerso la base delle talee in acqua per una notte, possiamo immergerne le estremità nel liquido rinforzante, e successivamente piantare le talee in vasi, preferibilmente di coccio, con un terriccio di buona qualità, mettendo un po' di sabbia sul fondo della buca, per facilitare il drenaggio dell'umidità da parte delle future nuove nate. Secondo la dimensione del recipiente possiamo prevedere di tenerne più insieme o un singolo innesto.

Continua la lettura
56

Questa operazione può essere svolta in qualunque periodo dell'anno, a patto che si abbia cura di bagnare il terreno e l'arbusto di frequente, che i vasi siano riposti in un ambiente abbastanza soleggiato, ma non esposti alla luce diretta solare, e che durante i periodi freddi siano riparati dal vento e dalle gelate, se poste all'aperto.
Il tempo necessario affinché le radici siano sufficientemente forti per poter dare vita ad una pianta sana e robusta è di circa 12 mesi almeno. Solo al termine di questo periodo sarà possibile trapiantare le nostre rose in un luogo al riparo dal sole delle ore calde e attendere la crescita dei nostri amati boccioli dai meravigliosi colori!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tagliare lo stelo in maniera decisa e netta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come propagare le rose rampicanti

In questa guida, pratica e veloce, che abbiamo deciso di proporre a tutti i nostri cari lettori che amano le piante, ed in particolar modo le rose, vogliamo proporre appunto il modo per capire come e cosa dover fare, per propagare, nella maniera più...
Giardinaggio

Come coltivare e propagare le peonie

Originarie della Cina, le piante Peonie hanno una crescita spontanea, con dei fiori stupendi che sbocciano in colori differenti, dal rosa, al rosso, fino al bianco. Esse crescono in arbusti e i loro fiori non sono profumati, hanno petali che possono variare...
Giardinaggio

Come propagare la salvia russa

In molti saranno appassionati di giardinaggio e, tutti coloro che amano questa attività o che, in altri casi, la praticano, soprano quali è quanti sono le migliori maniere per coltivare, piantare, seminare e propagare. Chi ha il pollice verde sarà...
Giardinaggio

Come propagare il papiro

Il Cyperus papyrus, chiamato comunemente papiro, è un'affascinante pianta erbacea perenne dall'aspetto esotico. Amante del caldo e dell'acqua, può essere coltivata in casa senza troppe difficoltà, a patto che si rispettino le sue esigenze peculiari...
Giardinaggio

Come propagare il cipresso

Il cipresso fa parte della famiglia delle Cupressaceae, di cui fanno parte tantissime altre specie. In particolare si tratta di una conifera sempreverde. Nella nostra tradizione il cipresso è conosciuto per il suo significato simbolico, che associa questi...
Giardinaggio

Come propagare la calendula

Sia che si tratti di fiori gialli, arancioni o rossastri, la calendula è una delle piante più essenziali da coltivare nel proprio giardino. Le teste aromatiche di questi fiori primaverili, infatti, possono essere raccolte e trasformate in oli e sali...
Giardinaggio

Come propagare una pianta di malva

La malva è una bellissima pianta dai fiori violetti che cresce spontaneamente in diversi tipi di climi ed è considerata molto utile in campo erboristico e fitoterapico. Oltre ad essere molto piacevole esteticamente, la malva ha numerose proprietà benefiche...
Giardinaggio

Come propagare il rosmarino

Nella cucina italiana, il rosmarino è un aroma molto utilizzato. Profumato e dagli effetti curativi, arricchisce di sapore patate, arrosti, carni in umido, anatra, coniglio, pasta e fagioli e quant'altro suggerisce la fantasia. L'arbusto spontaneo è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.