Come pulire gli atomizzatori

Tramite: O2O 13/10/2018
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Ormai fumare non è più un tabù, e chiunque sia abbastanza grande e maggiorenne ha accesso facile ad ogni tipo di sigarette, sia che si tratti di normali sigarette con tabacco, sia che si tratti delle nuove sigarette elettroniche, ormai divenute una tendenza. Ma le sigarette elettroniche, come molte cose, richiedono un minimo di manutenzione per poter continuare ad essere usate al meglio. Per combattere la dannosa dipendenza da nicotina, sempre più persone scelgono di affidarsi alla sigaretta elettronica. In questo modo la dipendenza psicologica che il fumo crea negli individui, viene "raggirata" dall'utilizzo di un surrogato. Ovviamente la scelta migliore resta quella di liberarsi da qualsiasi dipendenza inutile! Ciò nonostante è bene sapere che scegliendo la sigaretta elettronica è necessario mantenerla sempre in ottimo stato. Dopo circa un paio di settimane di utilizzo infatti, le prestazioni iniziali tendono a calare. Il motivo è l'accumulo di residui sulla resistenza. Andiamo allora a scoprire insieme come pulire gli atomizzatori. Attraverso pochi e semplici passaggi daremo utili suggerimenti che vi aiuteranno in questo piccolo lavoro di manutenzione. Mettiamoci quindi all'opera e puliamo la nostra amata sigaretta elettronica.

27

Occorrente

  • Scottex
  • Microonde
  • Ciotola
  • Phon
  • Acqua corrente
37

Pulire la resistenza

Gli atomizzatori hanno un a resistenza del valore di un ohm, o anche meno, che surriscaldandosi rapidamente produce l'evaporazione del glicole in ciui sono diluiti gli aromi ed i principi attivi della così detta sigaretta elettronica, che più tecnicamente si chiama "atomizzatore". Polvere e residui di aromi tendono a depositarsi sulla resistenza provocando un calo nel riscaldamento di quest'ultima. La conseguenza è quella di notare una funzionalità ridotta e un cattivo sapore dell'atomizzatore che inizia a sapere di bruciacchiato. Per mantenere quindi in perfetta salute l'atomizzatore della nostra sigaretta elettronica è necessario soffiare dal lato della cartuccia direttamente nell'atomizzatore. In questo modo andremo a favorire la fuoriuscita di residui liquidi. Il secondo passo per pulire gli atomizzatori, prevede di procedere inserendo sempre nel lato aperto dell'atomizzatore un pezzetto di scottex arrotolato perché non si pieghi. A questo punto si pone l'atomizzatore a testa in giù e si lascia a drenare per una notte intera in modo che il poco di liquido rimasto esca e porti con se una parte dei residui, quella cioè che si è staccata per effetto meccanico. Nonostante questo intervento è comunque inevitabile riscontrare un calo di prestazione della sigaretta. È quindi il caso di decidere se cambiare la resistenza dell'atomizzatore, oppure provare ad intervenire con un lavaggio, sempre che il problema non risieda nella batteria esausta.

47

Lavare l'atomizzatore

Per intervenire su un atomizzatore poco sporco e che non necessiti di una pulizia profonda, possiamo procedere con un lavaggio con della normalissima acqua corrente. Una volta aperto il rubinetto dell'acqua calda, sistemiamo sotto il flusso diretto il lato aperto dell'atomizzatore. Lasciamo quindi che l'acqua scorra al suo interno per circa due minuti tenendo la batteria il più in alto possibile perché non ci siano cortocircuiti, o ancor meglio dopo averla tolta. Terminiamo l'operazione soffiando all'interno dell'atomizzatore per aiutare l'espulsione dei residui. Ora lasciamo asciugare l'atomizzatore su un calorifero o aiutiamoci con un phon, meglio se uno di quelli potenti per sverniciare, in modo che non restino residui di umidità.

Continua la lettura
57

Usare il microonde

Per una pulizia più profonda dell'atomizzatore, possiamo invece procedere utilizzando il microonde. Questo metodo assicura una buona pulizia dell'atomizzatore, escludendo rischi che possano danneggiarlo. Sistemiamo in una ciotola l'atomizzatore e procediamo coprendolo di acqua. Non dimentichiamo di assicurarci che sia immerso totalmente. Questo per evitare che possa danneggiarsi e bruciarsi. Avviamo quindi il microonde impostandolo alla massima temperatura per cinque minuti. A operazione ultimata, asciughiamo l'atomizzatore con il phon. Questa operazione deve essere fatta solo con la parte che produce l'evaporazione, quindi assolutamente senza batteria o parti elettriche o elettroniche che si danneggerebbero in maniera irreparabile.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Asciughiamo sempre completamente l'atomizzatore prima di riutilizzarlo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come pulire i mobili di vimini

I mobili di vimini sono dei componenti d'arredo perfetti per l'ambiente esterno. In particolare, sono molto adatti per giardini o verande. Questa loro particolarità, li rende quindi molto soggetti allo sporco, umidità e polvere. Chi possiede mobili...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il gres smaltato

La casa, rappresenta il luogo dove ci sentimo sempre a proprio agio. Questo perché cerchiamo di abbinare i mobili e lo stile delle stanze a nostro piacimento. Per la sistemazione della casa, non puù assolutamente mancare una bella tenda da montare in...
Materiali e Attrezzi

Come pulire i connettori elettrici corrosi

Per connettore, si intende un componente elettrico che serve a collegare uno o più componenti elettrici, tutti a un dispositivo. Per questo troviamo i cosiddetti connettori Maschio e Femmina che, una volta collegati, combaciano perfettamente in modo...
Materiali e Attrezzi

Come pulire i cerchi in alluminio ossidati

Se anche la vostra auto ha i cerchi in alluminio, allora conoscete benissimo il fastidioso problema dell'ossidazione. Succede, infatti, periodicamente che sulla superficie metallica dei cerchi della vostra auto si manifesti il fenomeno dell'ossidazione,...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il legno grezzo

Il legno continua ad essere, ancora oggi, il grande protagonista dell'arredamento; per quanto le abitazioni possano apparire futuristiche, la maggior parte presenta mobili, tavoli, sedie e librerie realizzate in legno. Nella maggior parte dei casi il...
Materiali e Attrezzi

Come pulire l'impianto fotovoltaico

Lo sfruttamento delle energie rinnovabili è uno dei grani traguardi dell'umanità contemporanea. Il nostro mondo, fortemente inquinato, ha bisogno di rivitalizzarsi. In quest'ottica, noi umani possiamo fare tanto per ristabilire gli equilibri naturali....
Materiali e Attrezzi

Come pulire l'argento ossidato dallo zolfo

L'argento rappresenta un metallo che si apprezza maggiormente quando è pulito, dal momento che in questa maniera si valorizza notevolmente la sua lucentezza ed il suo splendore. Questo genere di metallo viene generalmente utilizzato per realizzare dei...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il filtro aria della motosega

La motosega è un modello di sega motorizzata tra i più utilizzati nel giardinaggio: ve ne sono diverse tipologie, dai modelli per l'abbattimento ai modelli per la potatura, ma tutte funzionano in modo pressoché uguale. Di conseguenza, anche i problemi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.