Come pulire il pressostato di un'autoclave

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siete interessati a conoscere il procedimento di pulizia di un'autoclave ed in particolare del pressostato, questa guida potrebbe fare al caso vostro. Infatti, troverete alcuni utili consigli su come pulirlo senza ricorrere ad un tecnico specializzato, e con l'utilizzo di alcuni attrezzi di uso comune.

25

Occorrente

  • Chiave a brigola
  • Cacciaviti
  • Filo di acciaio sottilissimo
  • Acido citrico
35

Smontare il pressostato

Un problema che può capitare di riscontrare in maniera ricorrente nel sistema autoclave, è rappresentato dal blocco del pressostato che non permette o che ritarda l'accensione (e in certe occasioni lo spegnimento), dell'elettropompa. Questo fenomeno si nota quando da un rubinetto l'acqua va e viene, o meglio, inizialmente esce regolarmente un getto d'acqua per poi diminuire all'improvviso oppure fermarsi completamente. La situazione può regolarizzarsi per qualche tempo per poi ripetersi sistematicamente. Bisogna certamente ricorrere alla pulizia del pressostato che va quindi smontato.

45

Usare un filo d'acciao sottile

Il problema è principalmente causato da piccoli frammenti di residui di calcare trasportati dell'acqua che, giorno dopo giorno vanno a depositarsi nella tubatura e nell'attacco dell'elemento in questione, per cui occorre pulirlo accuratamente. Per fare questo bisogna portare l'interruttore generale su OFF (quindi spegnerlo completamente), quindi bisogna aprire il rubinetto che si trova più in basso per diminuire la pressione all'impianto. Togliendo il coperchio, noterete dei fili elettrici che dovete disconnetterli ricordando bene le loro rispettive posizioni. Per eseguire questo lavoro potete usare una chiave a brugola, che vi serve per allentare il dado e svitate il corpo del pressostato. In quest'ultimo noterete una sostanza di colore marrone che ostruisce il condotto, inseritevi un cacciavite per eliminare i detriti, e poi proseguite la pulizia usando un filo di acciaio sottilissimo da inserire delicatamente nell'apertura centrale, ma evitando di premere troppo per non provocare danni alla membrana che si trova all'interno.

Continua la lettura
55

Mettere il pressostato in acido citrico

Il pressostato di un autoclave se una volta aperta la cover presenta evidenti pietre generate dal calcare, vi conviene smontarlo definitivamente, e tutte le parti non elettriche metterle in ammollo in un recipiente con acido citrico. Lasciandolo in questa condizione per circa un paio d'ore lo otterrete di nuovo pulito e privo di calcare. Dopo un buon risciacquo basta asciugarlo accuratamente con un panno e poi riposizionarlo nella sua calettatura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come pulire le punte del saldatore

Se utilizzate un saldatore a stagno, sappiate che le punte possono ossidarsi. In tal caso avrete un cattivo funzionamento dello strumento. Per ovviare a questo inconveniente, dopo ogni uso, pulite le punte. Così eviterete a priori di imbattervi in tale...
Materiali e Attrezzi

Come pulire una centrifuga

Tra i vari tipi di elettrodomestici, uno dei più utili è, senza ombra di dubbio, la centrifuga (utile per pulire le verdure, la frutta ed estrarne dei succhi davvero ricchi di gusto). Se tuttavia la utilizziamo spesso, una buona pulizia, per favorire...
Materiali e Attrezzi

Come pulire i mobili di vimini

I mobili di vimini sono dei componenti d'arredo perfetti per l'ambiente esterno. In particolare, sono molto adatti per giardini o verande. Questa loro particolarità, li rende quindi molto soggetti allo sporco, umidità e polvere. Chi possiede mobili...
Materiali e Attrezzi

Come pulire una caldaia a olio

Arriva l'inverno e con lui anche il freddo che molti odiano e molti amano. Ma a tutti piace fare una bella doccia calda, quindi tutti hanno bisogno di una bella caldaia che riscaldi l'acqua. La caldaia, però, come ogni elettrodomestico ha bisogno di...
Materiali e Attrezzi

Come pulire gli attrezzi da giardino

Se si possiedono degli attrezzi da giardino in ottime condizioni, è un peccato lasciarli deteriorare per la poca attenzione cui si presta. La manutenzione di questi oggetti è davvero semplicissima. Di norma, per avere degli attrezzi sempre pronti all'uso,...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il gres smaltato

La casa, rappresenta il luogo dove ci sentimo sempre a proprio agio. Questo perché cerchiamo di abbinare i mobili e lo stile delle stanze a nostro piacimento. Per la sistemazione della casa, non puù assolutamente mancare una bella tenda da montare in...
Materiali e Attrezzi

Come pulire i connettori elettrici corrosi

Per connettore, si intende un componente elettrico che serve a collegare uno o più componenti elettrici, tutti a un dispositivo. Per questo troviamo i cosiddetti connettori Maschio e Femmina che, una volta collegati, combaciano perfettamente in modo...
Materiali e Attrezzi

Come pulire i cerchi in alluminio ossidati

Se anche la vostra auto ha i cerchi in alluminio, allora conoscete benissimo il fastidioso problema dell'ossidazione. Succede, infatti, periodicamente che sulla superficie metallica dei cerchi della vostra auto si manifesti il fenomeno dell'ossidazione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.