Come raccogliere il mais

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il mais è una delle colture più diffuse a livello mondiale, occupando una superficie di circa 800 milioni di ettari, per la maggior parte situati in America e, più nello specifico nel Nord del continente. Tuttavia è una pianta diffusa in varie zone del mondo a clima temperato e con buona disponibilità idrica. L'ultimo passaggio del ciclo colturale del mais è ovviamente la raccolta, operazione che però può presentare tempistiche e modalità differenti a seconda della tipologia di prodotto che si vuole ottenere, della varietà e dei mezzi a disposizione. Vediamo quindi come raccogliere il mais tenendo conto di tutte queste variabili.

26

Possibili usi

La parte edibile del mais per quanto riguarda l'alimentazione umana è costituita dalla granella situata sulla spiga, più comunemente nota come pannocchia. Tuttavia il mais è una pianta che presenta grande variabilità di utilizzo, oltre la granella si può utilizzare anche la spiga o l'intera pianta, queste però sono utilizzate esclusivamente per l'alimentazione animale che, d'altro canto, è la principale destinazione d'uso del mais.

36

Destinazione d'uso

A seconda della destinazione d'uso della pianta, cambieranno gli organi da raccogliere. Per l'alimentazione umana si raccoglieranno solamente le spighe dalle quali, tramite sgranatura, si separeranno le cariossidi. Per l'alimentazione animale si possono raccogliere solo le cariossidi, avendo però cura che la loro umidità non sia troppo elevata, o l'intera spiga per la produzione di un pastone integrale. Si può però anche mietere l'intera pianta e ottenere un trinciato.

Continua la lettura
46

Varietà

Ai fini della raccolta un ruolo fondamentale è svolto dalla varietà o meglio l'ibrido di mais. L'ibrido infatti, insieme alle condizioni ambientali andrà a determinare il momento della raccolta: gli ibridi sono divisi in classi che vengono identificate da un numero che va da 200 a 800. Gli ibridi di classe 200 si caratterizzano per essere particolarmente precoci mentre quelli di classe 800 sono molto tardivi.

56

Metodologie di raccolta

Il mais è una pianta che viene coltivata principalmente su grandissime estensioni in aziende specializzate mentre è molto più difficile trovare questa pianta in orti o giardini. Naturalmente i mezzi utilizzati per la raccolta non sono gli stessi in entrambi i casi. Nella prima situazione devono essere utilizzate macchine specifiche, in particolare mietitrebbie, che permettano di ridurre i tempi di raccolta e di aumentarne l'efficienza. Se però si è interessati a coltivare il mais nel proprio giardino, e quindi si ha a che fare con un numero limitato di piante, si può procedere con una semplice raccolta manuale: le spighe sono due e sono collocate all'altezza della quinta e sesta foglia e collegate al fusto dal quale possono essere facilmente staccate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il mais

Il mais è una pianta annuale molto facile da coltivare in qualsiasi giardino. Inoltre, a differenza dei pomodori o della maggior parte degli altri ortaggi, che impiegano un lungo periodo di tempo per crescere, il mais cresce molto più rapidamente. La...
Giardinaggio

Come riconoscere il momento giusto per raccogliere le patate

La coltivazione delle patate è una delle colture più facili. Infatti, non prevede grandi cure e crescono in maniera naturale. Pertanto, si possono anche coltivare sul balcone utilizzano vasi e terriccio universale. L'importante è sistemare e riporre...
Giardinaggio

Come Raccogliere La Frutta

L'amore per la campagna e per i suoi frutti freschi e genuini, negli ultimi tempi, è sempre più diffuso. Soprattutto per chi è amante delle tradizioni e delle coltivazioni biologiche senza pesticidi, che invece possiamo trovare sempre più spesso in...
Giardinaggio

Come raccogliere il peperoncino

Il peperoncino è una pianta originaria delle Americhe, ma oggi diffusa praticamente in tutto il mondo. Esistono varie specie piccanti, dolci ed ornamentali. Tutte le varietà di peperoncino possono essere coltivate in Italia, seminando nei mesi di febbraio...
Giardinaggio

Come e quando raccogliere le olive

Una delle attività più svolte dai contadini, la raccolta delle olive è quella meno stressante rispetto alle altre. Essa può certamente iniziare nei mesi autunnali, protraendosi anche fino al mese di febbraio inoltrato. Questa variazione può dipendere...
Giardinaggio

Come raccogliere il rosmarino

Il rosmarino è una pianta erbacea perenne. Con il suo stelo legnoso e le foglie ad ago sempreverde, rappresenta un ottimo paesaggio vegetale. Le sue foglie vengono utilizzate fresche o secche per la cucina e l'artigianato, in quanto forniscono un'erba...
Giardinaggio

Come raccogliere le ciliege

Siamo quasi giunti all'estate, ma il caldo inizia subito a farsi sentire. È il periodo perfetto per le ciliegie, un frutto dolce molto usato per la preparazione dei dolci o delle classiche marmellate. Come ogni altro frutto, anche le ciliegie hanno bisogno...
Giardinaggio

Come raccogliere le fragole

Le fragole sono frutti davvero ricchi di sostanze nutrienti e benefiche per il nostro organismo e per la nostra forma fisica. Ecco perché è bene raccoglierne e mangiarne molte, anche se in maniera moderata. Le fragole sono un frutto stagionale molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.