Come rammendare e rattoppare

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Rammendare significa riparare o rinforzare un tessuto. Si agisce su una trama strappata, scucita oppure logora. Inoltre, si potranno sostituire facilmente i fili indeboliti. Qualora il danno fosse più grande, converrà rattoppare. Gli strappi sui vestiti, come sulle lenzuola o altri tessuti si possono molte volte recuperare. Tuttavia, per non danneggiare i capi d'abbigliamento, prevenire sempre. Prendersi cura dei vestiti durante i lavaggi. In particolare, in lavatrice, chiudere i bottoni e le cerniere. Inoltre, seguire sempre le istruzioni sulle etichette. Preferibilmente, per i lavori in casa o di riparazione, utilizzare vecchi vestiti. In questo modo, non verranno rovinati gli abiti nuovi o in buono stato.

28

Occorrente

  • Per rammendare: fili dello stesso tessuto
  • Rattoppo ribattuto: tessuto nuovo, ago, filo da cucito, forbici
38

Per rammendare correttamente un taglio, lavorare sul rovescio del tessuto. Per facilitare la lavorazione, utilizzare un telaio. In questo modo, la stoffa tesa evidenzierà maggiormente la trama. Sfilare da entrambi i lati tutti i fili e piegarli lateralmente. Per rammendare, occorrono fili dello stesso tessuto e colore. Ora, ricostruire la trama filo per filo. Rinforzarla, partendo a circa 1 o 2 centimetri dal taglio. Procedere cucendo a mano o a macchina.

48

Per rammendare strappi oppure buchi sul tessuto, ricostruire l'intero intreccio d'ordito e trama.
Eseguire un taglio netto intorno al buco. In questa maniera, verranno eliminate le sfilacciature. Recuperare i fili necessari da un orlo interno dello stesso colore. Iniziare a rammendare a 1 o 2 centimetri dal buco. Sfilare sul rovescio un filo per volta. Fare passare prima i fili di ordito (verticali) e poi quelli di trama (orizzontali). Pertanto, rafforzare la cucitura con punti a mano o a macchina.

Continua la lettura
58

Il rattoppo ribattuto si effettua con un tessuto nuovo sullo strappo. Tagliare "a dritto filo" un pezzo di stoffa. Considerare 1 oppure 2 centimetri di margine in più. Per rattoppare la superficie danneggiata, piegare i lati della pezza ed ottenere la grandezza necessaria. Appoggiare il tessuto nuovo sul buco o lo strappo. Quindi, stirarlo con le mani ed eseguire l'imbastitura. Effettuare la cucitura definitiva con i piccoli punti indietro. In questa maniera risulteranno invisibili sul diritto del lavoro.

68

Rivoltare la zona e rifilare con le forbici la parte sottostante. Ripiegare il bordo, fermare l'orlo ed imbastirlo. Infine, ribattere la ripiegatura con punti invisibili. Se il tessuto presenta disegni o trame varie, tagliare la nuova toppa per far combaciare il "verso". Rattoppare come rammendare non è assolutamente difficoltoso. Richiede un po' di tempo ed attenzione. Un buon lavoro sarà anche duraturo.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come rammendare con la macchina da cucire

Rammendare è un termine che si riferisce a qualcosa di stracciato, di strappato, di bucato e di consumato che, per poter utilizzare di nuovo, è necessario riparare nel migliore dei modi. Che si tratti di abbigliamento, di corredo da letto (lenzuola,...
Cucito

Come rammendare una maglietta di seta

Rammendare un abito non è certamente facile, specie se si tratta di capi pregiati come ad esempio la seta. Un indumento quando si presenta con una vistosa smagliatura orizzontale o verticale, deve essere riparato seguendo delle specifiche linee guida,...
Cucito

Come rammendare i calzini

I calzini sono un vero e proprio incubo; a volte sono spaiati, ma abbastanza frequentemente compaiono dei buchi. Questo problema può essere risolto imparando a rammendare. Riuscire a fare qualche piccola riparazione con ago e filo è sicuramente utile...
Cucito

Come rattoppare un buco

A volte capita di rovinare un capo di abbigliamento appena comprato. Altre volte si tratta di un capo di ottima qualità, ma datato. Magari possiamo bucare proprio quel pantalone che ci sta divinamente bene. In questi casi, prima di eliminare dal nostro...
Cucito

Come rammendare il pile

Il pile è un tessuto caldo e morbido, molto utilizzato durante la stagione invernale per la realizzazione di coperte, pigiami, felpe, giacche e tanti altri accessori utili e originali. I diversi modi in cui può essere utilizzato rendono il pile un tessuto...
Cucito

Come rammendare un buco sui pantaloni

Molte volte vi sarà capitato di bucare i vostri pantaloni preferiti, forse perché vi piacciono così tanto e li indossate spesso; senza accorgervene, il tessuto sarà diventato sempre più sottile fino ad arrivare alla rottura. Altre volte succede invece,...
Cucito

Come rammendare i buchi nelle magliette di cotone

Purtroppo tutti i capi di abbigliamento sono soggetti ad usura. Soprattutto in quelli che indossiamo più spesso, c'è il rischio che compaiano dei buchi. Non c'è da preoccuparsi però, esistono varie soluzioni che possono esserci utili in questi casi....
Cucito

Come rattoppare il cavallo dei jeans

Un determinato capo d'abbigliamento potrebbe essere per noi, particolarmente importante, tanto da metterlo spesso e non volerlo buttare anche se si dovesse rovinare, considerando che per il troppo uso potrebbe sbrindellarsi, soprattutto in punti strategici,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.