Come ravvivare il terreno del nostro giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Chi ha la fortuna di possedere un giardino, si sarà accorto che con l'alternarsi delle stagioni e con il passare degli anni il terreno perde molte delle sostanze nutritive in esso contenute, che portano ad un minore resa dello stesso. In questa una guida, a tal proposito, vi sarà spiegato come ravvivare il terreno del vostro giardino, in maniera tale da poterlo sfruttare al pieno delle sue potenzialità. Vediamo insieme come fare.

25

Modificate il pH del terreno

Uno sfruttamento intensivo del terreno può portarlo a perdere gradualmente le sostanze organiche che sono di vitale importanza per il nutrimento di piante, fiori e arbusti. Ogni terreno ha una propria composizione chimica e può essere suddiviso in base agli elementi contenuti e alle caratteristiche. I terreni più adatti alla coltivazione sono quelli di colore scuro, molto ricchi di humus, un nutrimento essenziale per i vegetali. Un parametro di primaria importanza è il pH del terreno, che dipende dalla sua composizione e influenza la crescita delle piante: i suoli ottimali per la fertilità dei microrganismi hanno un pH neutro o leggermente alcalino (valori compresi tra 6,4 e 7,2).

35

Realizzate un ottimo compostaggio con gli scarti alimentari

Per modificare il pH di un terreno si può ricorre all'uso di molteplici sostanze. Se desiderate rendere il terreno più acido, dovrete ricorrere all'uso della torba o dello zolfo in polvere, se invece volete renderlo più alcalino, usate un composto vegetale ricco di azoto, carbonato di calcio o magnesio. Nulla vi vieta di produrre voi stessi un ottimo fertilizzante, utilizzando tutti gli scarti organici che producete in cucina. Per fare un ottimo compostaggio procuratevi un apposito contenitore e gettate al suo interno i vari scarti alimentari e qualche secchio di terra. Dopo un periodo di circa 5 o 6 mesi, tutti gli scarti raccolti si trasformeranno in un ricco compostaggio che potete utilizzare come fertilizzante per il vostro terreno, senza spendere neanche un centesimo.

Continua la lettura
45

Ricorrete il meno possibile a sostanze tossiche

Un altro semplice accorgimento per prendervi cura del suolo è adottare misure in sintonia con le leggi della natura: gli insetti, che possono essere fastidiosi per l'uomo, possono risultare utili alle piante, così come le api sono indispensabili per la riproduzione di molti fiori e i lombrichi presenti nel sottosuolo velocizzano i processi di decomposizione. Ricorrete il meno possibile a sostanze tossiche per l'eliminazione della fauna. Per curare al meglio la salute del terreno è inoltre consigliabile dissodarlo periodicamente e rivangarlo con una zappetta; dopo averlo accuratamente ripulito dalle erbacce e dal muschio potrete provvedere ad irrigarlo ed eventualmente a coprirlo con un telo traspirante in caso di temperature invernali insostenibili.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per curare al meglio la salute del terreno è consigliabile dissodarlo periodicamente e rivangarlo con una zappetta.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come rendere più drenante un terreno

Un terreno con problemi di drenaggio, risulta bagnato e con molte pozze di acqua stagnante. Dopo un temporale o semplicemente dopo una piccola pioggia, alcuni terreni tendono a trattenere l'acqua, causando dei ristagni difficili da prosciugare. La maggior...
Giardinaggio

Come far crescere l'erba in un terreno argilloso

Per ottenere i migliori risultati, sia nell'orto sia i giardino, è necessario conoscere la situazione fisico-chimica del terreno. Vi sono, in natura, terreni più o meno spiccatamente acidi, neutri, alcalini; possono anche essere argillosi, sabbiosi,...
Giardinaggio

Come rastrellare un terreno

Prendersi cura del proprio prato, è molto importante se si vuole avere un giardino florido, specialmente nei mesi estivi. Infatti, lo strato di detriti, foglie e sporcizia che si forma col passare dei mesi, potrebbe bloccare il passaggio di sali minerali...
Giardinaggio

Come lavorare il terreno

Come saprete, il terreno prima di poter essere utilizzato per qualsivoglia coltivazione, ha bisogno di essere lavorato e preparato per accogliere semi o piante. L'obiettivo di questa guida sarà quello di illustrarvi i principali sistemi di lavorazione...
Giardinaggio

Come livellare il terreno

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se il terreno è relativamente livellato, degrada più lentamente e non occorre poi livellare eventuali strutture che verranno...
Giardinaggio

Come favorire il drenaggio del terreno

Se intendiamo coltivare un orto oppure allestire un giardino con una fioritura rigogliosa, oltre agli attrezzi per il giardinaggio ed una buona conoscenza delle tecniche di coltivazione, di fondamentale importanza è tuttavia la scelta del terriccio....
Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
Giardinaggio

Come coltivare piante acidofile nel terreno calcareo

Possedete un giardino o un bel balcone dove sono posizionate diverse piante ma molte di queste nonostante tutta la nostra cura ed amore nell'innaffiarle regolarmente, tendono a morire vanificando i nostri sforzi? Nessun problema perché allora questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.