Come realizzare dei coprisedia con materiali di recupero

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I coprisedia vengono utilizzati per non far rovinare la seduta della sedia. A volte, vengono anche acquistati o realizzati per dare un tocco in più all'arredamento. I coprisedia, sono presenti in commercio di forme differenti (quadrati, rettangolari o rotondi) e possono essere a fantasia (a pois, a righe, aerografati oppure a quadretti) o a tinta unita. Se si è bravi nel cucito, è possibile realizzarli autonomamente, donando così un tocco personale, rendendo i coprisedia dei pezzi unici. Realizzare autonomamente i coprisedia non comporta nessuna spesa eccessiva, soprattutto se si utilizzeranno dei tessuti riciclati da tende, copridivano, copriletto o quant'altro si ha a disposizione. Ecco dunque come realizzare dei coprisedia con materiali di recupero.

26

Numero di coprisedia

Probabilmente nei vostri armadi sono presenti copriletti, tende, lenzuola, pezzi di tessuto ecc. Che non usate più perché sono in parte logori, sbiaditi o altro: bene, è arrivato il momento di dar loro nuova vita. Innanzitutto decidete quanti coprisedia volete preparare e stabilitene correttamente le misure, quindi iniziate a cercare in casa i vecchi tessuti che ritenete più adatti per confezionarli.

36

Tele

Fatto ciò, tagliate via le parti eventualmente non buone e recuperate il resto, ovviamente accertandovi che la stoffa ricavata sia sufficiente per l'impiego che intendete farne, poi lavatela e stiratela. Per la cucina o il tinello, potete anche usare tele di due fantasie o colori differenti, alternando le sedie otterrete un effetto sicuramente gradevole. Per il soggiorno oppure per lo studio, se avete qualche vecchio gilè o dei calzoni di pelle, scuciteli, ritagliate dei quadrati e uniteli come si fa per i cuscini.

Continua la lettura
46

Gommapiuma

Adesso vi occorre uno strato di gommapiuma alto circa due centimetri, che troverete in merceria o nei punti vendita di accessori per arredamenti (la potete eventualmente sostituire con un vecchio trapuntino, anche strappato o macchiato, quindi se lo avete, lavatelo e adoperatelo).

56

Sagome

Ricavate quindi le forme di gommapiuma, poi quelle delle fodere su tessuto doppio, che lascerete più abbondanti di circa cm.1,5 per le cuciture. Unitele le sagome a macchina dal rovescio con filo in tinta e lasciate un lato aperto, eseguendo però un piccolo orlo. Inserite quindi l'imbottitura nelle federe e chiudete l'apertura con piccoli punti a mano. Volendo, è possibile ricoprire facilmente anche lo schienale nello stesso modo, basterà tagliare la stoffa su misura e utilizzare due cerniere laterali oppure dei laccetti di stoffa come chiusura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come Realizzare Un Coprisedia Di Lana Lavorato Sia Ai Ferri Che All'Uncinetto

L'utilizzo della fantasia e dell'inventiva gioca un ruolo molto importante nel fai da te, anzi, possiamo affermare che è un aspetto fondamentale per quella che è la buona riuscita del proprio lavoro: per il resto non vi è limite, con la giusta ispirazione,...
Cucito

Come realizzare un coprisedia con schienale

Se desiderate rinnovare il look delle vostre sedie ed evitare di acquistarne di nuove, potete modificarne l'aspetto spendendo relativamente poco. A tal proposito, il cambio di stagione è il momento perfetto per conferire un nuovo look ai differenti ambienti...
Cucito

Come realizzare un coprisedia per cucina

Ecco qualche consiglio su come realizzare dei coprisedia originali, rendendole più particolari e vivaci, servendoti di un po' di stoffa, ago e filo, e qualche nastrino. Vedrai sarà un'operazione semplicissima e sarai orgogliosa della tua creazione....
Cucito

Come realizzare un cuscino coprisedia

Spesso molte sedie sono scomode o semplicemente un po' vecchiotte. Il modo più smplice per risolvere questo problema è realizzare un cuscino come coprisedia. Vi dimostrerò come questa piccola impresa potrà essere semplice e divertente. Seguendo le...
Cucito

Come cucire un coprisedia

Il cambio di stagione è il periodo ideale per dare un tocco nuovo ai diversi ambienti della casa. Tra le molte attività che possono essere compiute è possibile procedere a rinnovare anche le sedie, rivestendole con tessuti di diverso colore a seconda...
Cucito

Come creare un sacco a pelo con materiali riciclati

Il sacco a pelo non è altro che uno “scalda sonno” da utilizzare quando non si è a casa. Sostanzialmente è il giaciglio che ci si porta appresso se si rimane a dormire in un rifugio, se si desidera passare una notte da qualche amico, oppure se...
Cucito

Come realizzare un costume da demone

Vestirsi in maschera per Carnevale, Halloween o per una festa a tema è un'occasione non solo per divertirsi, ma anche per mostrare la propria creatività interpretando le pose e le caratteristiche del personaggio che si rappresenta. Per molte persone,...
Cucito

Come fare dei coprisedie con una vecchia trapunta

Se in casa avete una vecchia trapunta che non utilizzate più, potete riciclarla in modo creativo realizzando ad esempio dei coprisedie imbottiti. Il lavoro non è affatto difficile, e richiede soltanto alcuni utensili da sarto ed un minimo di praticità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.