Come realizzare dei deumidificatori

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se qualche stanza della vostra casa si presenta particolarmente umida, potete risolvere il problema creando dei deumidificatori, ed usando alcuni semplici prodotti di uso comune come ad esempio il sale. Il lavoro è piuttosto semplice e richiede soltanto alcuni materiali tra cui un sacchetto di tela, una scatola di plastica con coperchio oppure una bottiglia della stessa natura. Detto ciò, ecco le istruzioni su come realizzare un funzionale deumidificatore fai da te.

25

Occorrente

  • Sacchetto di tela
  • Scatola di plastica
  • Bottiglia di plastica vuota
  • Sale grosso da cucina
35

Introdurre il sale nel sacchetto di tela

Il sale è un ottimo deumidificante, poiché ha il potere di assorbire l'umidità e rilasciarla poi sotto forma di liquido. Tutto ciò che serve per realizzare un deumidificatore è quindi una scatola di sale, un sacchetto di tela ed un contenitore di plastica. È opportuno tuttavia che quest'ultimo abbia un coperchio, su cui praticare dei fori per far tracimare l'acqua. Una volta procurato l'occorrente necessario, il sale va introdotto nel sacchetto di tela ed appoggiato sul contenitore. In tal modo assorbirà l'umidità, rilasciandola poi sul fondo di esso.

45

Utilizzare una bottiglia di plastica

Un altro modo più semplice e veloce per realizzare un deumidificatore, consiste nell'utilizzare una bottiglia di plastica. In tal caso è necessario tagliarla a metà, ed usare solo il collo con il tappo. Fatto ciò, potete inserire il sale creando nel contempo dei fori sul tappo. Adesso posizionatela nel contenitore che avete scelto per raccogliere l'acqua, e fissatela poi con del nastro adesivo. La quantità di sale necessaria per deumidificare la stanza, è sempre proporzionale alla grandezza dell'ambiente dove il deumidificatore va posizionato. In genere 150 grammi di sale sono più che sufficienti per deumidificare una camera con una quadratura di circa 15 metri. Infine è importante aggiungere che il sale da usare è quello di tipo grosso anzichè fino, altrimenti il risultato finale potrebbe non essere del tutto soddisfacente.

Continua la lettura
55

Lasciare il deumidificatore nella stanza

Il deumidificatore dovrà essere sempre lasciato nella stanza con porte e finestre ben chiuse, e per un determinato periodo di tempo. Ciò dipenderà dalla quantità di umidità presente nell'ambiente, ma volendo fare una stima, possiamo dire che dodici ore sono più che sufficienti per notarne il corretto funzionamento. Il sale bagnato si può successivamente utilizzare ancora asciugandolo al sole, o per fare prima in un forno elettrico per una decina di minuti, oppure nel microonde per circa una cinquantina di secondi ad una temperatura impostata sui 300 gradi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come eliminare l'umido dalla cantina

Senza dubbio l'umidità è uno dei problemi che maggiormente riscontriamo in casa. Certo le cause possono essere tante e diverse: case vecchie o ubicate vicino a fonti di acqua o anche da attribuire a materiali scadenti usati durante un rifacimento. Naturalmente...
Altri Hobby

Come realizzare un deumidificatore con sale profumato

Nel caso di un ambiente domestico piuttosto umido, se si vuole eliminare questo inconveniente, lo si può fare in modo semplice e poco dispendioso, approfittandone per creare un ambiente profumato, rispetto al tanfo generato dall'umidità. A tale proposito...
Bricolage

Come costruire un deumidificatore per armadio

Con i mesi invernali capita che le nostre case si riempiano di umidità. Anche se aeriamo gli ambienti con la giusta frequenza purtroppo capita che si formi della condensa. Gli armadi, anche se chiusi, non sono del tutto esenti dal fenomeno. L'umidità...
Casa

Come Riparare Il Deumidificatore

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di dover eseguire alcuni interventi di manutenzione su alcuni elettrodomestici presenti nella nostra abitazione. La maggior parte delle volte, in questi casi, preferiamo rivolgerci ad esperti del settore,...
Giardinaggio

Come coltivare la kenzia

La Kenzia è una pianta coltivata a scopo ornamentale molto diffusa nelle abitazioni italiane. Questa appartiene alla famiglia delle Palmae e, più precisamente, al genere Howae. Le sue origini però non sono italiane ma bensì deriva dalle zone boreali....
Casa

Come purificare l’aria in casa

Una casa ben ventilata, senza dubbio, diminuisce la quantità di agenti inquinanti, specie per chi soffre di asma o chi ha problemi respiratori. Provvedendo con metodi più o meno naturali a purificare l'aria della nostra casa, avremo modo di apprendere...
Giardinaggio

Come fare il miglior substrato per i cactus

Siete sempre alla ricerca di nuove tecniche e di nuovi metodi di lavoro per occuparvi in modo efficace delle vostre piante? Oppure volete mettere alla prova il vostro pollice verde ma non sapete da che parte iniziare? Niente paura, ci sono tante soluzioni...
Casa

Umidità in casa: rimedi naturali per liberarsene

Ogni volta è sempre la stessa storia. Si parte con il pensiero di rinnovare e fare pulizie e spesso si ci ritrova con problemi di muffa. Causa di tutto questo è l'umidità che si va a creare. E non è cosa da poco, perché sappiamo perché il lungo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.