Come realizzare dei gufi decorativi con le pigne

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le pigne secche sono ormai diventate apprezzatissime per realizzare svariati oggetti decorativi; infatti, ritornano utili per creare dei centrotavola classici o di tipo natalizio, oppure per realizzare ad esempio dei gufi. In riferimento a questi ultimi, ecco una guida su come procedere per la loro creazione utilizzando proprio le pigne.

25

Occorrente

  • Pigna
  • Spray acrilico bianco
  • Pennarelli indelebili
  • Cartoncino Bristol
  • Colla e spago
  • Nastrino
  • Filo di metallo per piante
35

Una pigna di media grandezza è dunque l'ideale per creare il corpo del gufo; infatti, avendo una tipica sagoma ovoidale, si presta per questa funzionalità. Premesso ciò, prendiamo una bomboletta spray di tipo acrilico di colore bianco e la dipingiamo totalmente, attendendone poi l'essiccazione. Successivamente soltanto sul lato posteriore della pigna, creiamo delle sfumature nere e grigie, in modo da realizzare il classico chiaroscuro tipico del mantello di questi tipici volatili notturni.

45

Una volta completata la decorazione di base della pigna, ed ottenuta quindi la sagoma ben delineata del corpo del gufo, possiamo sbizzarrirci per ottimizzare il risultato, ed aggiungere le zampe ed i classici occhi cerchiati. Per le prime, possiamo prendere del filo di colore arancio che in genere si usa per fissare le piante alle fioriere, e crearle con le caratteristiche quattro dita. Alla fine le unghie le possiamo poi dipingere con dello smalto bianco perlato. A questo punto passiamo alla descrizione degli occhi, che come vedremo qui di seguito, è possibile creare sfruttando diversi materiali di recupero. Tra questi troviamo dei cartoncini Bristol che possiamo ritagliare di qualsiasi diametro, e poi colorarli con dei pennarelli indelebili oppure per rendere gli occhi più simili a quelli naturali di un gufo, procedere come descritto nel passo successivo della guida.

Continua la lettura
55

In questo caso partendo sempre da un dischetto ricavato da un cartoncino, sulla sua superficie applichiamo con la colla, dello spago partendo dal centro e arrotolandolo man mano a spirale, fino a raggiungere l'estremità del cerchio. In tal modo, l'effetto sarà tipico delle occhiaie che caratterizzano il gufo. La pupilla centrale possiamo invece crearla, incollando un bottone oppure semplicemente delle paillettes dorate o argentate, in modo che essendo luccicanti risaltano maggiormente sul corpo del gufo. A lavoro ultimato, questo originale animaletto lo possiamo corredare di un nastrino in prossimità della testa, in modo che funge da orecchie e nel contempo ritorna utile per appenderlo su una parete.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come fare un gufetto di legno

Se siete amanti del fai da te e volete cimentarvi in creazioni originali, simpatiche e divertenti da realizzare, potreste crearne di vostre, totalmente nuove e personalizzate. Chi di voi non adora le favolose creazioni in legno che si trovano spesso in...
Bricolage

Come realizzare dei gufi decorativi con ghiande, noci e castagne

Si avvicina la stagione autunnale e con essa il periodo delle festività e di una nuova stagione. Da sempre l’autunno è rappresentato da simboli che possiamo ritenere caratteristici di questo periodo, quali zucche, foglie di acero, noci, ghiande, gufi,...
Altri Hobby

Come realizzare dei gufi con il feltro

Se amate le lavorazioni realizzate con il feltro, in questa guida vi illustrerò un progetto davvero particolare e divertente che, a prima occhiata, può sembrare difficile, ma dopo un po' di pratica risulterà sempre più semplice. Nei passi a seguire...
Cucito

Come realizzare un porta pigiama a forma di gufo

Il "porta pigiama" è un'idea molto carina da tenere in camera da letto. Infatti, riesce a dare quel particolare tocco in più al vostro arredamento, rispecchiando lo stile della camera dei vostri bambini. La sua realizzazione risulta essere piuttosto...
Bricolage

Come realizzare un gufo di gesso

In questa bella guida, che abbiamo deciso di scrivere per tutti i inostri cari lettori, vogliamo proporre il metodo per capire come poter realizzare, con le nostre mani e la nostra buona volontà, un gufo di gesso, del tutto originale e fuori dal comune.Gli...
Bricolage

Come realizzare dei porta oggetti a forma di gufo

Nelle tradizioni popolari ebraiche, romane e Maya il gufo simboleggiava cattivi presagi, morte e desolazione. Nelle leggende nordiche invece la ragione, l'intelligenza, la saggezza e l'intuizione. Pertanto, rappresenta un ottimo portafortuna per laureandi...
Bricolage

10 idee per decorare le pigne

Le pigne sono delle strutture legnose tipiche di alcune piante. Solitamente si trovano in autunno ma è possibile reperirle anche finte in alcuni negozi di bricolage. Decorare le pigne può essere un'ottima attività da fare insieme ai vostri bambini....
Altri Hobby

5 lavoretti da fare con le pigne

La pigna è la struttura vegetale che meglio di ogni altra ricorda e fa venire in mente il clima autunnale o invernale. Ecco perché può davvero essere simpatico creare, con le pigne, degli oggetti che possono abbellire gli ambienti di casa proprio in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.