Come realizzare grembiuli per il lavoro o gioco

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Uno degli indumenti "da lavoro" (o per il gioco) più usati, e adatti a svariate situazioni, è il grembiule. Si possono infatti contare un'infinità di casi in cui ci si serve di questo capo, utile in cucina ma anche per riparare gli abiti da colori, pittura e altri materiali usati per il fai-da-te, ovvero per i giochi creativi dedicati ai più piccini. Senza contare, poi, che un bel grembiule, colorato e ben fatto, può rappresentare una bella idea regalo. In questa guida vedremo come realizzare dei grembiuli con le proprie mani, partendo da materiali semplici che si possono reperire anche in casa.

29

Occorrente

  • strofinacci di cotone
  • forbici, ago e filo, spilli
  • centimetro o righello
  • gessetto o matita
  • fettuccia o nastro
  • fazzoletti o vecchi tessuti
39

Guardando nel cassetto dove riponete la biancheria per la casa, è molto probabile che troviate degli strofinacci con fantasie splendide che, però, vengono usati poco perché non asciugano un granché e, di conseguenza, sono nuovi di zecca. Questa è l'occasione buona per riciclarli. Prendete uno strofinaccio con misura standard (solitamente, equivale a circa 50 cm di base e 70 cm di altezza). Scegliete la fantasia che preferite, o che più si presta all'occasione, armatevi di spilli, righello, gessetto (anche una matita può andare bene), e l'occorrente per il cucito.

49

Stendete il vostro strofinaccio su un tavolo, tenendo il rovescio verso di voi, con la base di 50 cm verso il basso. Ora, posizionate il righello sul lato alto del canovaccio e misurate 10 cm dal bordo esterno. Ruotate il righello su quest'ultimo bordo laterale e, partendo sempre dalla parte alta, misurate 21 cm; quindi tracciate una linea in diagonale per unire i due punti. Ripetete lo stesso procedimento sull'altro lato. A questo punto, girate lo strofinaccio dal lato del dritto e ripiegate gli angoli appena tracciati verso il rovescio, seguendo la linea che avete marcato; fissate i due triangoli che andrete a formare con degli spilli. Cucite la punta del triangolo con ago e filo, segnando diversi passaggi in maniera da fissarlo bene.
Se la stoffa ha un disegno fantasia, i punti non si noteranno; in alternativa, potete nasconderli con un piccolo bottone colorato.

Continua la lettura
59

Come potrete vedere, il vostro strofinaccio ha l'aspetto di un grembiule con tanto di pettorina; ora è necessario confezionare i lacci che serviranno per legarlo al collo e alla vita. Prendete una striscia di fettuccia (va bene anche un nastro qualsiasi che trovate in casa), tagliatene un pezzo di 60 cm circa e inseritene un capo nella parte alta della pettorina, nel punto in cui il triangolo forma una piccola sacca (come mostrato nell'immagine qui a lato); fissate il tutto con uno spillo e cucite saldamente.
Ripetete il procedimento dall'altro lato, con un'altra striscia di fettuccia di uguale misura.
La cucitura servirà anche a fissare il risvolto nella parte alta della pettorina.

69

Per realizzare la cinta del vostro grembiule, tagliate altri due pezzi di fettuccia (o di nastro) pari a circa 60 cm l'uno, inserite il capo del primo pezzo sul risvolto dell'angolo inferiore dei due triangoli che formano la pettorina (come mostrato nella foto allegata a questo passo). Ora, ripiegate la fettuccia verso l'esterno, perpendicolarmente al lato del grembiule, e fermatela con uno spillo. Fissate il tutto con diversi punti di cucitura e ripetete il procedimento sull'altro lato del grembiule.

79

Per finire, riutilizzando un altro strofinaccio o un vecchio fazzoletto in tinta con la stoffa usata finora, potete realizzare una comoda tasca anteriore per il vostro grembiule. A tale scopo, ritagliate un rettangolo, con dimensioni tali che siano in proporzione al capo che avete confezionato, e cucitene i tre lati sul davanti dello stesso. In alternativa, se lo strofinaccio è abbastanza lungo, potete creare una tasca seguendo i passaggi che illustriamo di seguito:- ponete il canovaccio con il dritto rivolto verso di voi e con il lato più stretto verso il basso;- prendete il bordo inferiore dello strofinaccio e ripiegatelo, dal basso verso l'alto, di circa 20 cm;- rigirate la piega appena effettuata su se stessa, all'altezza di 10 cm, creando così un risvolto che mostri il lato diritto della fantasia del tessuto. Cucite i due bordi laterali della tasca così creata sul davanti del grembiule.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per rendere il vostro grembiule ancora più colorato, potete rifinirne i bordi con delle fettucce di passamaneria in tinta con la stoffa.
  • Se riutilizzate degli strofinacci di cotone nuovi, ricordatevi di bagnarli, prima di iniziare il lavoro di cucito.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come creare una tenda da gioco per bambini

Quando iniziano le belle giornate, i bambini amano stare all'aria aperta e... Giocare, giocare, giocare! La creatività dei bambini è davvero infinita: basterà solo incentivarla ed assecondarla aiutandoli a costruire ciò di cui hanno bisogno. Se c'è...
Cucito

Come aggiungere una frangia a un lavoro a macramè

Il macramè è un tipo di pizzo elegante e molto delicato, viene utilizzato soprattutto per la rifinitura di capi importanti come copertine, centrotavola oppure asciugamani da corredo. Realizzare una frangia in macramè richiede delle conoscenze di base...
Cucito

Come chiudere un lavoro a chiacchierino

Il chiacchierino è un'antica tecnica mediante la quale è possibile realizzare pizzi e merletti. Negli ultimi anni sta ritornando in voga poiché tale arte, a differenza di quanto erroneamente supposto, è molto facile da imparare grazie anche alla presenza...
Cucito

Come fare i bordi nel lavoro a maglia

Il lavoro a maglia è tra gli hobby preferiti di molte persone, in quanto attraverso questa grande passione si possono creare numerosi capi di abbigliamento e accessori alla moda. Realizzare qualcosa con le proprie mani è sempre una bella soddisfazione...
Cucito

Regole per rimpicciolire un lavoro a punto croce

Il punto croce, è un'arte del ricamo che si tramanda ormai da anni, da generazioni e da madre in figlia. La tradizione dei disegni a punto croce, è sempre ammirata e apprezzata da tutti perché è possibile creare delle meravigliose decorazioni per...
Cucito

Come rimediare agli errori del lavoro ad uncinetto

Lavorare all'uncinetto è divertente e rilassante, e ci consente di esprimere il nostro potenziale creativo ottenendo alla fine del lavoro qualcosa di utile. Con l'uncinetto infatti si possono creare molti tipi di oggetti, come ad esempio dalle più...
Cucito

Come eseguire gli aumenti esterni e interni nel lavoro a maglia

Il lavorare a maglia è un hobby praticato fin dai tempi antichi in tutto il mondo; lo si attribuisce solitamente al sesso femminile, ma trova campo anche per quello maschile. Pur non riuscendo a risalire alla data esatta in cui sono stati fatti i primi...
Cucito

Come aggiungere una frangia a un lavoro a uncinetto

Le creazioni handmade sono molto apprezzate in ogni angolo della terra, poiché sono frutto di lavoro, dedizione e grande maestria. In questo settore sono moltissime le tecniche ed i materiali impiegati, ma quella più diffusa richiede l'uso di un particolare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.