Come realizzare guanti medievali in cotta di maglia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nel Medioevo insieme alle armature venivano indossati anche degli indumenti realizzati in cotta di maglia, ovvero usa sorta di rete metallica protettiva. In riferimento a ciò, se intendiamo realizzare dei guanti medievali della stessa natura, ecco allora una guida in cui ci sono le istruzioni su come procedere.

25

Occorrente

  • Fil di ferro modellabile
  • Pinza adatta
  • Forbici da lamiera
  • Guanti di cotone
  • Tondino di ferro da 1 cm
  • Ago e filo
35

Prendere una bobina di filo di ferro

La cotta di maglia è costituita da tanti piccoli anelli agganciati l’uno all’altro. Il metodo più comunemente utilizzato per costruire questi anelli è mediante l’utilizzo del fil di ferro. Innanzitutto bisogna prendere una bobina di filo di ferro e, aiutandoci con delle pinze, la attorcigliamo intorno ad un tondino di ferro del diametro di almeno 1 centimetro, costruendo una forma simile ad una molla. Il diametro del fil di ferro dovrebbe aggirarsi attorno ad 1,3 millimetri ed è acquistabile in matasse da 10 metri in ferramenta.

45

Chiudere gli anelli

Ora che ci siamo procurati gli anelli basterà tagliare, con una forbice apposita per la lamiera, la molla in maniera verticale in modo di ottenere tanti anellini aperti. Con una matassa da 10 metri più o meno si otterranno 300 anelli. La cotta sarà costituita da numerosi motivi formati da un anello centrale attorno al quale ne vengono inseriti 4 chiusi. Poi il motivo viene posto con l’anello centrale al centro, ed i quattro tutti intorno simmetricamente, formando una specie di fiore immaginario. La struttura risultante sarà abbastanza resistente e gradevole alla vista. Formato il primo motivo, bisogna chiudere chiudere gli anelli partendo da quello centrale, dopodiché prendiamo un anello aperto: inseriamoci due anelli del nostro primo motivo e due nuovi anelli dall'altro lato.

Continua la lettura
55

Completare il guanto

Continuando in questa maniera andiamo adesso a completare il guanto a cotta di maglia. Importante è prendere dei guanti di cotone del colore che più ci piace, che faranno da base ai nostri guanti in cotta di maglia. Infatti sarebbe impossibile indossare un guanto interamente costruito con la cotta di maglia. Perciò quando abbiamo formato un discreto tessuto, cominciamo ad adagiarlo sui guanti in cotone seguendone la forma. Una volta completamente rivestito il guanto, sulla parte che andrà a rivestire dorsalmente la mano, andremo ad affrancare gli anelli che si trovano sul perimetro del guanto utilizzando ago e filo. Il filo deve essere dello stesso colore dei guanti di cotone. Con molta pazienza avremo realizzato dei guanti in cotta di maglia utilizzabili anche dai bambini, avendo un rivestimento interno di cotone, bisognerà solo variare le misure ogni volta che andremo a confezionare il paio di guanti!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come fare una rosa in lana cotta

Se amate i lavoretti manuali non potete non cimentarvi con la lavorazione di uno dei materiali più versatili e di semplice utilizzo di tutti: la lana cotta. La lana cotta si può ottenere in modo semplice, da vecchi maglioni o sciarpe che non utilizzate...
Altri Hobby

Come iniziare a lavorare a maglia

Saper realizzare dei piccoli accessori lavorando ai ferri è davvero un passatempo utile oltre che divertente e distensivo. Lavorare a maglia infatti vi permetterà di rilassarvi e al tempo stesso creare degli indumenti utili per tutta la famiglia. Inoltre,...
Altri Hobby

Come lavorare a maglia con la tecnica Entrelac

L'Entrelac è una tecnica di lavorazione utilizzata per creare ai ferri un modello di diamante o rombo ben strutturato. Mentre il risultato assomiglia a delle strisce con tessuto a maglia, il materiale utilizzato comprende delle piazze interconnesse su...
Altri Hobby

Come fare una mantellina a maglia

Il lavoro a maglia permette di creare degli orginali capi di abbigliamento, come sciarpe, cappelli e maglioncini. Chi è abile in quest'arte può realizzare soprattutto per il periodo invernale indumenti personalizzati spendendo pochi soldi. Una volta...
Altri Hobby

Come usare il metodo Zimmermann per chiudere i lavori a maglia

Il mondo della maglia non è solo costellato da soffici gomitoli e interminabili fili di morbida lana da intrecciare, ma è anche il frutto di un lavoro accurato e minuzioso reso possibile dall'utilizzo di tecniche ben precise. Molto spesso il primo metodo...
Altri Hobby

Come lavorare a maglia jacquard con i ferri

Esistono diversi tipi di lavori eseguibili attraverso l'utilizzo dei ferri. Un tipo di lavorazione in particolare permette di realizzare maglioncini, maglioni, cardigan o quello che più vi piace da indossare in qualsiasi occasione. La tipologia di tessitura...
Altri Hobby

Come lavorare a maglia tricot

I lavori a maglia sono tornati molto di moda in questi ultimi anni. Danno la possibilità di creare qualsiasi tipo di indumento. Partendo da un semplice paio di calze per arrivare sino a complicati vestiti da sera passando per maglie di tutti i tipi,...
Altri Hobby

Come fare dei calzettoni a maglia

La lavorazione a maglia è un'arte molto antica e non esclusiva del genere femminile. Infatti fino al XIX secolo erano gli uomini a eseguire questo tipo di lavoro. Essa si realizza con strumenti detti "ferri" che possono essere di diverso materiale (alluminio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.