Come realizzare i principali nodi del macramè

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il macramè è una tecnica di origine araba che consiste nell'intrecciare i nodi con finalità decorative. Attraverso questo tipo di lavoro si possono realizzare dei merletti intrecciati, delle orlature preziose per asciugamani, degli abbassamenti di tende e le finiture per le tovaglie. Come accade in tutte le tecniche, l’approccio iniziale parte dai nodi di base più semplici, così da prendere una graduale confidenza con questo tipo di lavoro ricercato e divertente. Attraverso i passaggi successivi ci occuperemo di spiegarvi come bisogna procedere per realizzare i principali nodi del macramè.

28

Occorrente

  • Filo
  • Portanodi
  • Uncinetto
38

Vediamo, innanzitutto, come realizzare il nodo semplice. Come abbaimo già detto, si tratta di quello base, in assoluto il più semplice da realizzare, nonchè il nodo fondamentale del macramè. Si definisce il portanodi e lo si fissa in modo ben disteso perché dovrà servire come ancoraggio per tutti i nodi che si andranno a fare. Come prima cosa, bisogna prendere il filo annodatore, piegarlo a metà e farlo passare sotto il portanodi. A questo punto si dovrà inserire il filo nell'asola che si è venuta a creare in questo modo. Si può decidere di farlo verso destra o verso sinistra indifferentemente.

48

Passiamo ora al nodo cordoncino. E’ un tipo di nodo un po’ più articolato, ma sostanzialmente si tratta si un derivato di quello semplice. Si utilizzano due fili annodatori: si dovranno incrociare i due fili e procedere in questo modo realizzando due nodi semplici. Il punto, in tal caso, risulterà essere decisamente più consistente e spesso. L’orientamento sarà indifferente anche per questo nodo.

Continua la lettura
58

Vediamo ora il nodo piatto. In questo caso la complessità aumenta, poiché si dovranno lavorare quattro fili e due di questi avranno funzione i portanodi. Gli spostamenti del filo in sé sono abbastanza semplici, in quanto si devono tenere fermi di due fili centrali e trasferire l’annodatore che si trova sulla sinistra sotto le due cordicelle, mentre quello di destra dovrà essere trasferito al lato opposto passando sopra (tendere bene i fili). Nel secondo step, invece, si svolgerà il medesimo movimento dando la precedenza al filo di destra. Osservando le varie realizzazioni in macramè, si potrà costatare come questo nodo sia in assoluto uno tra quelli più utilizzati.

68

Per concludere, vediamo il nodo perla. Questo intreccio viene denominato anche pallino, per la forma caratteristica e, per realizzarlo si ha bisogno di 4 fili da lavorare e quattro o cinque nodi piatti già creati in precedenza. Si prendono i due fili che si trovano al centro dei quattro cordoncini in lavorazione e si portano sopra ai nodi piatti già formati (afferrarli è un’impresa abbastanza complessa, per cui si consiglia l’uso di un uncinetto). Una volta presi. Si dovrà arrotolare “la pallina” verso l’alto. Per fermare il lavoro si potrà eseguire un altro nodo piatto e in questo modo si sarà ottenuta la perla.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitatevi innanzitutto con i nodi semplici
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un bracciale con nodi marinari

Per fare un regalo speciale ad un persona a cui volete molto bene o semplicemente per realizzare un accessorio fatto a mano per completare un look di vostra scelta i bracciali sono sempre una soluzione economica, creativa e divertente. In particolare...
Bricolage

La tecnica del macramè

Il macramè rappresenta una tecnica dove un insieme di filamenti vengono annodati e intrecciati a mano, allo scopo di creare un merletto dal disegno geometrico. Essa è meglio famosa come "pizzo a nodi", ha origine araba e arrivò in Italia verso il 1500...
Bricolage

Come Fare I Sette Nodi Fondamentali

I nodi sono degli avvolgimenti molto particolari con la corda, che andrà collegata a vari oggetti oppure ad un'altra corda. Si potrà ottenere il nodo ripiegandolo, ed anche avvolgendolo usando tecniche particolari, in base al nodo che deciderete di...
Bricolage

Come lavorare a chiacchierino i nodi con una navetta

Il chiacchierino è una tecnica di lavorazione particolare che permette di realizzare pizzi che si articolano in una serie di nodi e pioppini, i quali poi andranno a formare una serie di cerchi e semicerchi. L’applicazione di questo tipo di pizzo era...
Bricolage

Come sciogliere i nodi di stress con i massaggi

In questo articolo vedremo come sciogliere i nodi di stress con i massaggi. La quotidiana routine fatta di movimenti che si ripetono, seduti in macchina oppure davanti ad una scrivania, stress, sforzi improvvisi, potrebbero portare a contrazioni forti...
Bricolage

Come realizzare il nodo savoia

Saper realizzare alcuni nodi fondamentali può essere utile in molte occasioni. Uno dei conosciuti è il nodo savoia, che fa parte dei cosiddetti "nodi di arresto". È piuttosto veloce da eseguire e si scioglie abbastanza agevolmente. Esso ha la forma...
Bricolage

Come realizzare il nodo collo mezzo marinaio

Il nodo che impareremo a realizzare attraverso l'attenta lettura della presente guida viene denominato "nodo collo mezzo marinaio". Esso appartiene al sottogruppo dei nodi marinai composto solitamente da dieci nodi differenti tra loro. Rispetto alle ulteriori...
Bricolage

Come realizzare una striscia di pizzo

Per abbellire i capi di corredo, è possibile realizzare strisce di pizzo ai ferri oppure all'uncinetto ed utilizzarle come tramezzi per una tenda, al centro di una tovaglia, per impreziosire un copriletto importante oppure semplicemente per rifinire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.