Come realizzare il nodo savoia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Saper realizzare alcuni nodi fondamentali può essere utile in molte occasioni. Uno dei conosciuti è il nodo savoia, che fa parte dei cosiddetti "nodi di arresto". È piuttosto veloce da eseguire e si scioglie abbastanza agevolmente. Esso ha la forma di un "otto" e risulta essere comodo perché non stringe eccessivamente e non logora il cavo. Il nodo savoia può essere realizzato con qualsiasi tipo di materiale, anche se può presentare alcuni problemi se realizzato con corde elastiche. È un nodo che ha una buona tenuta sotto carico, ma presenta problemi su sollecitazioni cicliche. È particolarmente indicato come modo d'arresto su cime di grosso diametro. Vediamo quindi, nella guida che segue, come realizzare questa tipologia di nodo.

26

Occorrente

  • Corda
36

Formate un occhiello

Solitamente si utilizza il nodo savoia per evitare che le cime si sfilino dai bozzelli, come appesantimento per le cime da lancio, nella nautica, oppure per collegare la corda all'imbragatura o per manovre di assicurazione, in alpinismo. Può anche essere utilizzato per unire due corde o addirittura due capi della stessa cima. Per realizzare, al meglio, questo nodo, è bene prima calcolare la corretta lunghezza della cima da lasciare libera. Come prima cosa prendete la corda e formate un occhiello con il corrente (il filo che si muove) che passa dietro al dormiente (ovvero il filo fermo). Portate adesso il corrente in avanti ed incrociatelo all'indietro sopra il dormiente.

46

Tirate in sù il corrente

Se le procedure sono state realizzate in modo corretto, potrete intravedere la forma di un otto già nell'esecuzione. Procedendo in questo modo portate il corrente al centro dell'occhiello. Tirando in sù il corrente si potrà vedere che si formerà una vera e propria figura di "otto". A questo punto, dopo avere controllato bene i passaggi, dovrete stringere il nodo in questa maniera: tirando per bene l'estremità del corrente.

Continua la lettura
56

Mantenete il dormiente fermo

Il corrente dovrà essere abbondante per evitare che il nodo si possa sciogliere, altrimenti si rischierà che si snodi facilmente, perdendo la sua utilità. Quando viene tirato il nodo, si dovrà tirare il corrente e nello stesso tempo si dovrà mantenere il dormiente fermo con l'altra mano. Dovrà necessariamente essere attaccato da qualche parte per poterlo tenere fermo. La maggior parte delle scotte, delle dritte e dei ricci che si trovano in una vela sono fermati da un nodo da bloccaggio come appunto il nodo ad otto, resistente ma facile da sciogliere per ogni emergenza o manovra rapida. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La maggior parte delle scotte, delle dritte e dei ricci che si trovano in una vela sono fermati da un nodo da bloccaggio come appunto il nodo ad otto, resistente ma facile da sciogliere per ogni emergenza o manovra rapida.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Fissare Grossi Cavi Da Ormeggio Con Il Nodo Vaccaio Con Cime Opposte E Con Cime Adiacenti

Il nodo consiste in uno o più avvolgimenti e ripiegature successive di una spira di corda sulla corda stessa, o intorno ad un'altra corda, oppure intorno ad un oggetto. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a fissare cavi grossi...
Altri Hobby

Come fare i principali nodi marinari

Come fare i principali nodi marinari è nella vita di un marinaio indispensabile. I nodi sia che siano su corda o fili da pesca sono importantissimi, anche per la sicurezza del marinaio, della nave o barca che sia. Se per disgrazia un nodo è erroneamente...
Materiali e Attrezzi

Come eseguire l'impalmatura Sailmaker

Per quanto venga eseguita bene, dopo un lungo uso e a seguito delle continue lacerazioni, anche la migliore impalmatura finisce per logorarsi e sciogliersi. Ora, per le corde soggette all'azione del vento (come, ad esempio, le drizze di bandiera), si...
Bricolage

Come fare l'intugliatura gemella con le corde

Questa guida si pone l'obiettivo di spiegare come fare l'intugliatura gemella con le corde, per realizzare un nodo resistente all'usura e alla frizione, che limita i rischi di scioglimento. L'esecuzione semplice, perché attraverso i passi che troverete...
Materiali e Attrezzi

Come Fare Il Nodo Dello Stivatore

Il nodo è un avvolgimento composto da una successione di piegature di una corda su sè stessa, oppure su un'altra corda o un oggetto al quale attacarla per fissarla. Esistono svariati tipi di nodi utili in diversi campi e contesti, ad esempio nell'arrampicata,...
Bricolage

Come realizzare il nodo di costrizione per giuntare una corda

Il nodo di costrizione è tra i migliori nodi di giunzione. È una tecnica che si adatta anche ad usi bizzarri: pensate che gli antichi greci lo usavano durante gli interventi chirurgici! È consigliabile utilizzare questo tipo di nodo quando l'estremità...
Bricolage

Come fare il nodo a piè di pollo

L'arte dei nodi è qualcosa che può rivelarsi utili in diverse situazioni quotidiane. Imparare quest'arte è molto semplice ma richiede una buona manualità e una buona dose di pazienza. Solo con un'intensa pratica riuscirete a migliorare la qualità...
Bricolage

Come realizzare il nodo collo mezzo marinaio

Il nodo che impareremo a realizzare attraverso l'attenta lettura della presente guida viene denominato "nodo collo mezzo marinaio". Esso appartiene al sottogruppo dei nodi marinai composto solitamente da dieci nodi differenti tra loro. Rispetto alle ulteriori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.