Come realizzare la carta di papiro

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Se intendiamo dipingere o disegnare su un tipo di carta particolare e che nel contempo risulti anche raffinata, possiamo cimentarci nella realizzazione del papiro. Si tratta di una tecnica molto antica utilizzata soprattutto dagli egiziani, che tra l'altro ci regala una carta robusta e dello spessore giusto per poter colorare un disegno con delle tempere. A tale proposito, ecco una guida con le istruzioni dettagliate su come realizzare un papiro.

25

Occorrente

  • Cortecce verdastre
  • Cutter
  • Sali da bagno
  • Matterello
  • Panno bianco
  • Asciugamano
35

Trovare delle cortecce verdastre

Il lavoro per essere eseguito a regola d'arte e secondo i crismi tradizionali, va svolto in varie fasi la cui sequenza è da rispettare rigorosamente al fine di ottenere il risultato prefissato. La prima cosa da fare, consiste nel trovare alcuni fusti di piante che presentano una corteccia di un colore verdastro. Una volta raccolto un buon quantitativo, con una spugna umida e un cutter provvediamo a ripulirli e ad asciugarli con un phon.

45

Dividere le cortecce in listelli

Terminata la fase di pulizia del fusto che presenta una corteccia liscia e setosa, prendiamo di nuovo un cutter dividendola in vari listelli tutti della stessa larghezza e lunghezza. Fatto ciò, li immergiamo in un recipiente con all'interno dell'acqua ed alcuni sali, come ad esempio quelli che si usano per il bagno. L'ammollo deve durare almeno 24 ore, affinché le cortecce diventino facilmente lavorabili. Trascorso tale tempo le preleviamo dall'acqua, e le facciamo scolare appendendole a dei fili per almeno un paio di ore, per poi finalmente procedere con la realizzazione della carta di papiro. Per fare ciò, prendiamo un panno umido e liscio e lo adagiamo sul ripiano di un mobile, dopodichè posiamo dei listelli gli uni accanto agli altri ed in verticale, e ripetiamo l'operazione adagiandone degli altri in orizzontale.

Continua la lettura
55

Compattare la carta di papiro

A questo punto una volta che ci siamo assicurati della compattezza del papiro, prendiamo un matterello ed esercitiamo una pressione identica a quando stendiamo l'impasto. Questo rullo in pratica viene a sostituire quello tradizionale che usavano i tipografi per i loro lavori alla linotype. Una volta compattato il foglio realizzato con i listelli di corteccia, sulla superficie appoggiamo un panno pulito in modo che possa assorbire l'acqua fuoriuscita a seguito della suddetta pressione. Adesso ricopriamo il papiro con un asciugamano bianco e pulito, lasciandolo in posa sulla sua superficie ed appoggiando poi una tavoletta che teniamo in pressione con il ferro da stiro. Il giorno dopo basta sollevare il tutto, per notare con somma soddisfazione che la carta di papiro è perfettamente compattata e pronta per essere dipinta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Coltivare Piante Di Papiro

Il papiro appartiene alla famiglia delle Ciperacee (piante acquatiche). Cresceva anticamente sulle rive del Nilo e in alcune zone del Mediterraneo e veniva utilizzato nell'antico Egitto per produrre fogli per la scrittura, ma anche farmaci, cordami e...
Giardinaggio

Come coltivare il papiro

Il papiro è originario dell'Africa tropicale. Era molto diffuso nel delta del Nilo, dove ha avuto origine il suo impiego come materiale di supporto alla scrittura. Oggi vi è ancora presente seppure in quantità piuttosto ridotte. In Europa cresce spontaneamente...
Giardinaggio

Come coltivare e riprodurre il cyperus alternifolius (falso papiro)

All'interno di questa guida andremo a occuparci di coltivazioni. Nello specifico, come avrete già letto nel titolo di questa guida, ci dedicheremo a spiegare come coltivare e riprodurre il cyperus alternifolius (falso papiro). La guida sarà composta...
Giardinaggio

10 piante acquatiche ideali per il giardino

Se avete la fortuna di possedere un giardino, allora vi sarete certamente resi conto che la presenza di una piccola fonte d'acqua, contribuirà a creare un'atmosfera ancora più rilassata all'interno della vostra oasi verde. Ma le piante acquatiche non...
Giardinaggio

10 piante da inserire in un giardino con laghetto

Avere un giardino ben curato è un lusso che pochi di noi possono permettersi. Tuttavia, se si ha la possibilità di farlo, è preferibile arricchire il proprio giardino con delle piante idonee. A maggior ragione se all'interno vi è un grazioso laghetto....
Bricolage

Come preparare la pasta di carta

La carta rappresenta uno strumento piuttosto lavorabile e soltanto le persone che hanno poca fantasia la adoperano con l'esclusivo obiettivo finale di scriverci sopra. Con la carta si possono fare dei giochi oppure realizzare degli origami (come i pesci...
Giardinaggio

10 piante adatte per uno stagno in giardino

Uno stagno artificiale è un buon modo per personalizzare il proprio giardino. A differenza di un laghetto, uno stagno avrà generalmente l'acqua ferma e più torbida, piante palustri che ricoprono gran parte della superficie sopra e sotto l'acqua, non...
Bricolage

Come creare dei segnalibri

Nonostante la tecnologia, soprattutto grazie agli ebook, stia facendo passi da gigante andandosi pian piano a sostituire al caro vecchio libro cartaceo, quest'ultimo rimane da sempre un immancabile compagno di tutti gli appassionati di letteratura e lettura....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.