Come realizzare la finitura a cera del legno

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Generalmente la cera in pasta viene utilizzata per proteggere e rendere più bello il legno. Per secoli la cera d'api veniva impiegata per le rifiniture, prima che arrivassero le finiture moderne. La finitura a cera rende meravigliose le superfici in legno ed è facile da applicare. Tutte le cere sono originariamente allo stato solido poi, con l'aggiunta del solvente, ottengono la consistenza di una pasta. Anni fa, per questo lavoro veniva utilizzata la trementina, ma al giorno d'oggi per sciogliere le cere son più diffusi i distillati di petrolio, come la ragia ed il toluene. I passi di questa guida vi spiegheranno come realizzare la finitura a cera del legno.

26

Occorrente

  • Cera d'api specifica per mobili
  • Panno pulito in cotone morbido
  • Sapone delicato
36

Pulire con cura il legno

Assicuratevi che la superficie da trattare sia pulita e priva di ogni traccia di sporco, magari usando un sapone delicato, di quelli che si usano per fare il bagnetto ai neonati. Prendete un panno di cotone morbido che non lasci residui e metteteci un pezzo di cera. Questo limiterà la quantità di cera che applicherete sulla superficie e non ci sarà bisogno di continuare ad attingere dal recipiente.

46

Applicare la cera

Formate una palla con il panno e riscaldatela in mano in modo da fare ammorbidire un po' la cera. Applicatela dappertutto, utilizzando movimenti dritti, circolari e, soprattutto seguendo le venature del legno. Generalmente quando la cera si stende risulta lucida a causa del solvente in essa contenuto. Appena il solvente evapora, ricomincerà a tornare allo stato solido e, la superficie diventerà piuttosto opaca. Se si attende troppo a lungo, sarà difficile rimuoverla, per cui se si dovesse verificare questo problema, prendetene un po' dal barattolo, applicatela sopra quella solidificata e ripulitela subito. Il solvente presente nella cera fresca ammorbidirà di nuovo quella che si è indurita e sarà possibile rimuoverla.

Continua la lettura
56

Rimuovere la cera

Se invece rimuoverete la cera troppo presto, essa non avrà il tempo di agire, di conseguenza passando il panno la rimuoverete tutta e, la superficie rimarrà opaca. È meglio lavorare con piccole aree alla volta finché prenderete dimestichezza col tempo necessario, dal momento in cui la applicate a quello in cui occorre rimuovere quella di troppo. Pulite l'eccesso con un panno pulito di cotone morbido che non lasci pelucchi. Lucidate la superficie con il panno fino a raggiungere la massima lucentezza. È bene ricordare di non usare cere a base di solvente sulle superfici che son state rifinite con prodotti a base d'acqua, poiché il solvente contenuto potrebbe danneggiare seriamente la finitura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Intervenire Sulle Fessure Del Legno Con Lo Stucco E La Cera

Il legno è un materiale che si presta per la creazione di innumerevoli lavori, ma quando questo si fessura a causa dei suoi naturali movimenti, conviene intervenire per evitare danni maggiori. In questa guida, come avrete sicuramente già capito dal...
Bricolage

Come Realizzare Candele Con Frutti E Fiori Di Cera

In questa guida vedremo come realizzare delle candele con frutti e fiori di cera. Prima di tutto vedremo come realizzare delle candele con frutti di cera e poi con una piccola variante vedremo anche come realizzare fiori di cera su delle candele per...
Bricolage

Come realizzare la finitura a straccio

In questa semplice ed esauriente guida vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a riuscire a comprendere come poter realizzare la finitura a straccio. Non tutti sanno che grazie al metodo del fai da te, anche noi potremo creare e realizzare tutto quello...
Bricolage

Come realizzare una candela con cera di soia

Gli amanti delle candele non possono che prepararne una con la cera di soia. Quest'ultima risulta essere una valida alternativa alle classiche candele, perché è totalmente ecologica, in quanto è completamente biodegradabile. Inoltre può essere un...
Bricolage

Come Realizzare Delle Sculture In Cera Modellabile

L'arte è una forma di espressione che consente di esprimere il proprio estro creativo. Sono diverse le tecniche che si possono utilizzare; una di esse è la scultura. Qualche tempo fa si utlizzavano materiali che difficilmente una persona poco esperta...
Bricolage

Come realizzare candele con fogli di cera d'api

La prima materia utilizzata per la produzione delle candele è stata la cera d'api. Attualmente la maggior parte delle candele che sono in commercio sono fatte con la paraffina che è un derivato del petrolio. Le candele realizzate con la cera d'api hanno...
Bricolage

Come realizzare una rosa di cera

Se sei una persona creativa ed ami trovare nuove destinazioni d'uso per gli oggetti che hai intorno, questo tutorial ti aiuta ad imparare a riciclare anche un materiale inconsueto come la cera di protezione ai formaggi. Con questo elemento, colorato e...
Bricolage

Come Realizzare Gelatine Con La Cera

In questa guida vedremo come realizzare delle gelatine decorative con la cera. Queste gelatine sono davvero molto belle e particolari si possono comperare nei vari negozi di bricolage o del fai da te, in barattoli di vetro o in bustine di plastica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.