Come realizzare la tecnica dell'idrocoltura

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando ci si appresta a realizzare una coltivazione servendosi del metodo dell'idrocoltura chiaramente, come prima cosa, ci si deve fare un'idea di cos'è. Essa è la coltivazione delle piante senza terra ed ha notevoli vantaggi: permette, infatti, di lasciare la pianta anche per un mese senza assistenza, assicurando solo una buona illuminazione naturale. La particolarità di questo tipologia di coltivazione, sta appunto nel fatto che le piante non ricevono nutrimento dalla terra, ma dall'acqua stessa, che sarà arricchita con i sali minerali. Ma andiamo a vedere in maniera più approfondita, come realizzare la tecnica dell'idrocoltura, tramite una semplicissima e rapidissima guida.

27

Occorrente

  • Vasi in vetro
  • argilla espansa
  • sassolini
  • conchiglie
  • piantine
  • fertilizzante
37

Procurarsi un vaso trasparente

Tutti possiamo fare del giardinaggio in idrocoltura, ci basta un vaso trasparente su cui deporre uno strato di argilla per sostenere la pianta e l'acqua. Se vogliamo rendere originale la nostra composizione, possiamo aggiungere sassolini conchiglie o altro ancora per valorizzarne il tutto: come detto in precedenza, è l'acqua che porta il nutrimento alla pianta e per questo esistono dei fertilizzanti le cui dosi sono scritte sulla confezione e che sono in grado di fornire tutti i nutrimenti necessari.

47

Inserire qualsiasi tipo di pianta

Per l'idrocultura si può usare anche qualsiasi contenitore stagno, escludendo il metallo, anche se smaltato. È preferibile, come già detto, usare vasi trasparenti perché in questo modo si può controllare la crescita delle radici e la quantità d'acqua contenuta in modo da poterne aggiungere al bisogno. È importante sapere che i fertilizzanti in granuli non sempre si sciolgono totalmente nell'acqua e, a volte, si deve aggiungerne ancora per mantenere in salute la piantina. Da notare che tutte le piante si possono coltivare con l'idrocoltura, anche quelle che hanno meno bisogno di acqua e che, in genere, c'è un particolare listello di vetro all'interno del vaso che indica il livello giusto del liquido.

Continua la lettura
57

Mettere le piantine nel vaso

In commercio possiamo trovare granuli che assorbendo maggiormente l'acqua si trasformano in gel che, colorati, formano una originale base su cui sistemare le piantine. Il periodo migliore per iniziare l'idrocoltura è la primavera, le piantine dovranno essere giovani e le loro radici ripulite dalla terra, prima di essere depositate nell'acqua. In fondo si mette il materiale desiderato: argilla espansa, sassolini, conchiglie o altro e poi si sistemano le radici, private delle parte secca ed adagiate possibilmente in modo che possano assorbire il nutrimento. Si completa quindi con l'acqua ed il fertilizzante.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come trasferire una pianta dalla terra all’idrocoltura

La natura ci regala delle piante che possono coesistere sia nel terrapieno che in acqua, e contrariamente a quelle solo acquatiche, le terrestri non sono molte e prettamente di tipo bulbose. Tra queste vale la pena analizzare forse una delle più belle...
Giardinaggio

Come fare coltivazioni in acqua

La “coltura idroponica” (chiamata anche “idrocoltura”) è un particolare tipo di coltivazione eseguita “fuori dal suolo” e quindi senza l’utilizzo di terra o terriccio. Grazie a questo modo di procedere, è possibile eseguire delle vere...
Giardinaggio

Come adottare la tecnica della consociazione di ortaggi

Per consociazione si intende la coltivazione contemporanea sullo stesso terreno di due o più ortaggi diversi. La determinazione nasce da una semplicissima constatazione: in natura nessuna pianta cresce da sola ma al contrario deve condividere lo spazio...
Giardinaggio

Come annaffiare le piante con la tecnica della fettuccia

Basta regalare piante e fiori a parenti e amici, assoldare vicini e conoscenti per l'innaffiatura o lasciare, con senso di colpa, i nostri vasi soli e incustoditi quando partiamo per le vacanze! La soluzione fai da te economica è una e semplice: ecco...
Giardinaggio

Come prendersi cura del potos

Oggi parleremo di una delle piante più diffuse nei nostri appartamenti: il Potos. Questa pianta pur essendo tanto diffusa, molti non ne conoscono le tecniche corrette per prendersene cura. Tra le varie specie, quello più diffuso è sicuramente il Potos...
Giardinaggio

Come far crescere un bulbo in acqua

La casa di ogni singolo essere umano, viene abbellita in base ai propri gusti personali. Infatti troviamo persone che preferiscono costruirsi da sé degli oggetti per le stanze. Per esempio come uno specchio, una sedia a dondola particolare, un semplice...
Giardinaggio

Come realizzare un innesto su pianta da frutto

L'innesto è una tecnica molto utilizzata dagli agricoltori e dai giardinieri, in quanto grazie ad essa è possibile scegliere diverse combinazioni o replicare numerose volte lo stesso frutto mantenendo inalterata comunque la caratteristica della pianta...
Giardinaggio

Come realizzare un innesto

Con l'avvicinarsi della primavera arriva anche il periodo in cui è possibile realizzare gli innesti delle piante di agrumi. L'Innesto infatti è una pratica molto diffusa per la moltiplicazione delle piante, specialmente degli agrumi. Il periodo perfetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.