Come realizzare la zincatura a freddo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa avete proprio bisogno di realizzare una zincatura a freddo, ovvero una pulitura di un piano di un tavolo, di un mobile accanto alla cucina o di fregi e modanature di altri oggetti costituiti da zinco, potete certamente farlo facilmente utilizzando semplici materiali, e seguendo alcune tecniche specifiche. Vediamo quindi insieme in questa breve guida tutte le istruzioni su come fare la zincatura a freddo.

26

Occorrente

  • Lastra di zinco
  • Recipiente di lastica
  • Sale grosso
  • Grafite
  • Batteria per auto o alimentatore
36

Pulire una lastra di zinco

Innanzitutto procuratevi una lastra di zinco e pulitela accuratamente su tutta la superficie prima con acqua e sapone, poi utilizzando dell'acqua insieme al sale, per creare una sorta di decapaggio preliminare. Il sale infatti, per reazione chimica, tende a sciogliere le particelle di zinco, e quindi se è particolarmente sporco, otterrete uno strato sottostante lucido e senza ossidazione. A questo punto, dopo averlo asciugato definitivamente con un panno e poi con un phon, immergete la lastra diventata lucida e pulita, in un recipiente di plastica con all'interno la soluzione, la stessa che avete utilizzato precedentemente per la pulizia delle scorie presenti sull'intera superficie.

46

Utilizzare degli elettrodi inerti

Adesso prendete degli elettrodi inerti, come ad esempio dei pezzi di grafite, e se non riuscite a trovarli potete ricavarli assemblando tra loro un buon quantitativo di quelli presenti nelle matite, che diventano quindi gli elettrodi di cui avete bisogno. Ovviamente più ne sono e minore sarà l'effetto Joule, per cui è importante evitare di fare errori di calcolo, e ritrovarvi con una cicatrice lungo la mano, soltanto perché avete sbagliato a valutare il surriscaldamento della grafite. A questo punto prendete la lastra e gli elettrodi, collegateli ad una batteria, tipo quella delle auto, e iniziate il processo di zincatura a freddo che avviene gradatamente, in base a delle tabelle specifiche che riguardano la riduzione dell'ossido.

Continua la lettura
56

Regolare il voltaggio

Adesso, in base al colore che intendete dare alla lastra di zinco, regolate il voltaggio. Per questa operazione, in alternativa alla batteria, utilizzate un alimentatore da zero a venti volt, in modo che gradualmente regolate la manopola che vi consente di effettuare l'operazione desiderata in poco tempo, ovvero fin quando la superficie appare compatta, zincata e con uno strato ben definito di lucido. La zincatura ottenuta vi regala quindi una lastra pronta per essere posizionata sul mobile o sul ripiano del tavolo, senza alcuna presenza di ossidi naturali dello zinco. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come Verniciare Lo Zinco E I Metalli Leggeri

Non tutti conoscono le difficoltà legate alla verniciatura dello zinco e dei metalli leggeri, che spesso vengono trattati come il ferro o l'acciaio, ma che sono estremamente diversi. Ad esempio non si possono verniciare una lamiera od una ringhiera...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare una superficie zincata

Molto spesso cancelli e porte metalliche necessitano di protezioni particolari. Nel caso di profilati in acciaio e lamiera, per esempio, la zincatura offre un alto livello di schermatura. Una superficie zincata previene la diffusione della ruggine e protegge...
Casa

Come rimuovere la ruggine

La ruggine è provocata da un processo chimico che porta alla corrosione di oggetti in ferro o in acciaio che vengono a contatto diretto con l'acqua per un tempo relativamente prolungato. È, comunque, possibile rimuovere la ruggine dagli oggetti o dalle...
Casa

Come togliere la ruggine dalla vasca da bagno

La ruggine è prodotta da una combinazione di acqua, anidride carbonica e ossigeno i quali, se accidentalmente vengono a contatto con una superficie ferrosa, possono corrodere e compromettere esteticamente e funzionalmente un oggetto. Prima di affrontare...
Bricolage

Come usare la matita litografica

La tecnica più indicata per chi vuole ottenere una vasta gamma di tonalità di grigi ed anche il bianco e il nero puri, è quella che fa uso della matita litografica. Pur essendo un po' laboriosa, questa tecnica consente di ottenere tali effetti con...
Bricolage

Come ricavare corrente da un limone

Se possedete uno spirito innovativo e creativo e cercate sempre di cimentarvi nel realizzare piccoli esperimenti casalinghi, ecco che allora potrebbe esservi utile conoscere alcune particolari proprietà del limone. Non tutti sanno che da un semplice...
Materiali e Attrezzi

Come fare un crogiolo di grafite

Abbiamo tutti sentito parlare della grafite, specialmente quale componente essenziale delle matite. Ma spesso anche in qualità di elemento atto alla produzione di lubrificanti, coloranti, refrattari o elettrodi. Si tratta di un minerale allotropo del...
Materiali e Attrezzi

Come saldare la ghisa sferoidale

I metalli presenti in natura sono molteplici e, grazie all'intervento dell'uomo e allo sviluppo delle tecnologie industriali, sono variamente combinati per ottenere materiali di particolare qualità. La ghisa sferoidale ne è un esempio, con le sue caratteristiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.