Come Realizzare L'Impasto Della Porcellana

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La porcellana è una ceramica che si realizza con l’impasto di tre ingredienti che poi devono essere cotti ad una temperatura che va dai 1300 fino ai 1400 gradi. La porcellana è la ceramica fine per eccellenza e quando arrivò in Europa (proveniente dalla Cina), incantò tutti per la sua eleganza, tanto che venne valutata quanto l' oro. In questa guida vi sarà dunque spiegato come realizzare l'impasto di questo prezioso materiale da modellare.

25

Occorrente

  • Caolino
  • Quarzo
  • Fondente
  • Pentola in acciaio
  • Fornetto per ceramiche
35

Per realizzare la porcellana è relativamente semplice, in quanto vi serviranno semplicemente tre ingredienti. Infatti l'impasto della porcellana è sempre composto da caolino, che è un legante e deve rappresentare ben il 50% dell'intera amalgama. Inoltre è necessario aggiungere del quarzo che dovrà essere presente in percentuale per almeno il 25% dell'impasto. Infine l'ultimo 25% deve essere occupato da un fondente e generalmente è usato un feldspato.

45

Se quindi intendete ottenere un tipo di porcellana traslucido dovete anche controllare che l'impasto sia costituito per il 60% da sostanze vetrose e per il 40% da cristalli. Ricordate tuttavia chedi solito per realizzare un oggetto in porcellana deve essere effettuata una prima cottura a biscotto. Questo perché l'oggetto crudo ha poca resistenza e si rompe facilmente. Durante la seconda cottura potrete poi far diventare lo smalto un tutt'uno con l'impasto. Per quanto riguarda invece il rivestimento ricordate che si realizza nello stesso identico modo dell'impasto per la porcellana. A questo punto non vi resta che decidere il tipo di impasto che meglio si sposa con i vostri gusti e realizzare cosi' le prime piccole opere d'arte. Per spiegare velocemente come avviene la miscela dei suddetti componenti base, prendete innanzitutto un tegame di acciaio inox e poco per volta versateli allo stesso modo di come si fanno gli impasti con la farina.

Continua la lettura
55

Importante anche in questo caso è evitare la formazione di grumi, in quanto alla fine il composto risulterà granuloso e poco malleabile, oltre che a regalare un effetto decisamente opaco anziché brillante e trasparente come la vera porcellana. I prodotti sono disponibili in commercio già pronti, ma se tuttavia notate che risultano troppo spessi, potete frullarli e ridurli ulteriormente in polvere come fate in genere con lo zucchero per ottenerlo a velo. Dopo aver mescolato energicamente il tutto, potete finalmente iniziare a modellare la porcellana e procedere quindi alla realizzazione di oggetti che avete in mente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come creare un fiore di porcellana

I fiori di porcellana sono un elemento decorativo di gran pregio in quanto sono un segno di eleganza e di gusto. Questi oggetti si possono realizzare anche utilizzando il metodo fai da te; in questo modo si ha la possibilità di risparmiare notevoli somme...
Bricolage

Come fare un disegno su porcellana

L'arte può essere espressa in moltissime maniere. Sia con disegni su carta, tela, tavole di legno o altri supporti, sia su ceramica, come facevano in antichità. Ancora oggi è possibile trovare splendide opere d'arte realizzate su porcellana, un'arte...
Bricolage

Come imitare la porcellana con il gesso

La storia dei popoli è intrisa di manufatti creati per rispondere a necessità quotidiane o a scopo decorativo e artistico. Composti da materiali di fango ed erba, dai popoli primitivi, fino ad arrivare a lavorazioni complesse come ceramica, porcellana...
Bricolage

Come decorare la porcellana

La porcellana è una tipologia particolare di ceramica ed è abbastanza pregiata: per riuscire ad ottenere degli oggetti dal classico aspetto vetrificato, essa viene prodotta utilizzando il caolino, il quarzo ed il feldspato. Ad inventare la porcellana...
Bricolage

Come decorare una targhetta in porcellana

Per gli amanti del fai da te, della modellistica e della pittura non vi è modo migliore di svolgere delle decorazioni autonomamente per oggetti che possono decorare la propria abitazione, oppure divenire un'ottima idea regalo. Con la tecnica che verrà...
Bricolage

Come riparare un vaso di porcellana con la colla

Vi sarà capitato sicuramente, magari per distrazione oppure durante il normale svolgimento dei lavori domestici, di rompere un vaso o un qualsiasi altro oggetto di porcellana a voi caro. È inutile, come sentenzia giustamente il proverbio, piangere sul...
Bricolage

Come ricostruire oggetti di porcellana o vetro

In tutte le abitazioni sono presenti numerosi suppellettili, spesso ricordi di cerimonie di amici e parenti. Si tratta di oggetti in vetro o porcellana, cristallo, vetro soffiato, terracotta, argento, acciaio, resina, pasta al sale e dei più disparati...
Bricolage

Come decorare una terrina in porcellana con motivi a rombi

Per rendere i vostri pranzi o cene uniche e stupire i commensali la prima cosa da fare è presentare in tavola un servizio di piatti davvero elegante. Non bisogna dimenticare, però, anche gli altri componenti ad esempio le terrine. Esse sono molto pratiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.