Come realizzare un diserbante biologico con sale e aceto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se avete una casa in campagna oppure possedete un ampio giardino, avrete sicuramente il problema dell'erba infestante. Per risolverlo, è importante sapere che in commercio ci sono numerosi prodotti chimici che però danneggiano l'ambiente, mentre in alternativa ne potete realizzare uno naturale, soprattutto se avete degli animali o dei bambini piccoli. In riferimento a ciò, ecco una guida su come preparare un diserbante biologico con sale ed aceto.

25

Occorrente

  • Ingredienti:
  • 1 kg di sale
  • 5 lt di acqua
  • Aceto 1 litro
35

Reperire gli ingredienti

Per realizzare un diserbante biologico, avete bisogno di alcuni ingredienti facilmente reperibili in un supermercato; infatti, vi servirà l'acqua preferibilmente calda, del sale grosso e dell'aceto. Per ottenere un buon risultato ed al tempo stesso soddisfacente, occorre che nell'aceto ci sia una concentrazione del 30%, altrimenti non riuscirete a distruggere l'erba infestante che danneggia il prato o le aiuole.

45

Mescolare acqua e sale

Preparare il diserbante biologico con sale e aceto è davvero semplice, e non bisogna avere il pollice verde o essere degli esperti giardinieri. Innanzitutto dovrete procurarvi un secchio piuttosto grande che dovrà contenere 5 litri di acqua in cui versate 1 kg di sale, dopodichè mescolate bene con una paletta per farlo sciogliere, ma per facilitare l'operazione vi conviene utilizzare dell'acqua calda. Una volta sciolto tutto il sale, aggiungete poi l'aceto e continuate a girare il tutto. A questo punto, il diserbante biologico è pronto per essere utilizzato nel giardino. La sua efficacia è nell'aceto che distruggerà tutte le erbe infestanti, ed essendo biologico avrà effetto solo dopo qualche settimana, ma con un po' di pazienza e costanza i risultati arriveranno sicuramente. Un ulteriore consiglio è di metterlo sull'erba a giorni alterni, per massimizzare il risultato.

Continua la lettura
55

Aggiungere l'aceto

Un ulteriore consiglio è di preparare l'aceto in casa, per avere la certezza della sua elevata concentrazione e della sua efficacia. In questo caso bisogna prendere del vino di ottima qualità e che contenga pochi solfiti, ed aggiungere all'interno due 2 litri di aceto bianco. Con il passar del tempo il vino assorbirà pian piano l'aceto, così da averne sempre un buon quantitativo disponibile, e con la certezza che si tratti di un prodotto veramente naturale. Il diserbante biologico realizzato con il fai da te quindi con sale e aceto è senza dubbio un prodotto che rispetta l'ambiente, ma soprattutto è stato creato con ingredienti che solitamente sono presenti già in casa, quindi ad un costo veramente irrisorio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come realizzare un orto biologico

La genuinità, se acquistata, ormai non esiste più. Quindi, non resta altro da fare che coltivare da se i prodotti primari, così da mangiare in modo sano e con gusto. In questa guida infatti, vi verranno date alcune dritte sul come realizzare un orto...
Giardinaggio

Come usare il diserbante

Il diserbante rappresenta un modo drastico per tenere sotto controllo le incontrollabili erbe infestanti che invadono il vostro giardino o il vostro orto. Tali sostanze sono solitamente di due tipi: ad azione selettiva e ad azione totale. Va sempre tenuto...
Giardinaggio

Come distribuire il diserbante selettivo

Per avere un prato bello, verde ed omogeneo serve molto tempo e moltissima attenzione. Un bel prato infatti necessita di moltissima cura ed attenzione. In questa guida vi insegnerò come distribuire correttamente il diserbante selettivo. Questo tipo di...
Giardinaggio

Come Utilizzare Un Diserbante

Il diserbante, noto anche come erbicida, combatte la malerba. Utilizzato dopo gli anni Cinquanta, sostituisce egregiamente l'estirpazione manuale o la pacciamatura. Agisce per assorbimento fogliare o direttamente sulle radici. Tuttavia, quest'ultima tipologia...
Giardinaggio

Diserbante: le controindicazioni

I diserbanti sono dei prodotti o sostanze utilizzati sulle piante infettate e malate. Sono, quindi, dei composti chimici che si distinguono in pre e post. I pre-emergenza, sono usati sulle piante prima che germoglino, quelli post- emergenza, invece, agiscono...
Giardinaggio

Come togliere le erbacce con il diserbante termico

Il giardinaggio è un hobby che richiede parecchia competenza e soprattutto parecchia dedizione. Infatti quando ci prende cura del verde non bisogna mai trascurare le proprie piante. Questo potrebbe compromettere in maniera più o meno grave la salute...
Giardinaggio

come curare l'orto biologico con la paglia

Negli ultimi anni si sente sempre di più l'esigenza di acquistare e consumare prodotti biologici. Per contrastare l'inquinamento e tutti i danni che da esso derivano si cerca di riscoprire un modo di vita differente, più autentico e naturale. Per tutti...
Giardinaggio

Orto biologico: gli insetticidi adatti

Mantenere l’orto biologico sano e produttivo non è cosa facile se non si adottano le misure necessarie. L’agricoltura biologica non prevede l’uso di insetticidi chimici ma soltanto l’utilizzo di insetticidi bio-naturali più adatti, composti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.