Come realizzare un finto gesso per il braccio

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Anche quando il tempo di carnevale è oramai trascorso da un pezzo, ci sono sempre i più burloni e tutti quelli che amano fare gli scherzi goliardici e che magari avranno ancora una certa voglia di stupire e, perché no, far preoccupare gli amici e i conoscenti con uno scherzo abbastanza fuori dal comune. Se è vero che a carnevale ogni scherzo vale, allora potremo anche realizzare un bellissimo e realistico gesso finto per il braccio, fingendo così di aver subito un infortunio più o meno grave. In questo caso, però, dobbiamo tenere presente che lo scherzo è bello finché dura poco, e che in determinate situazioni e contesti, potrebbe apparire di cattivo gusto scherzare e giocare in questo modo. Ad ogni modo, si tratta di uno scherzetto che è possibile mettere in pratica abbastanza facilmente, utilizzando dei materiali facilmente reperibili. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come realizzare un finto gesso per il braccio.

27

Occorrente

  • Polvere di gesso
  • Spugna o panni da cucina
  • Nastro adesivo
  • Carta e cartoncino
  • Colla vinilica
  • Paglietta da cucina
37

Metodo del gesso vero

Innanzitutto c'è da dire che esistono diverse metodologie per poter realizzare un gesso finto, ma che non sembri tale. Il primo metodo consiste nel creare un gesso "vero", senza avere la fastidiosa controindicazione della rottura dell'arto. Questa tecnica a prima vista potrebbe sembrare abbastanza complicata da mettere in pratica, ma ingessare un braccio è in realtà una procedura molto semplice, soprattutto se quest'ultimo non è veramente rotto. Partiamo quindi avvolgendo il braccio con delle spugne abbastanza morbide e traspirante, onde evitare che il braccio possa sudare eccessivamente; in alternativa alla spugna, è possibile utilizzare anche dei panni che solitamente vengono impiegati in cucina: avvolgiamoli tutt'intorno al braccio, in maniera tale che non risultino troppo stretti, quindi fissiamoli saldamente con del nastro adesivo in modo che non si aprano. Creiamo adesso il gesso vero e proprio, mescolando della polvere di gesso con l'acqua, facendo in modo che questa miscela risulti non troppo liquida altrimenti i tempi di asciugatura potrebbero essere eccessivamente lunghi. A questo punto, immergiamo delle normali bende (o delle garze) nella miscela e, una volta che saranno ben impregnate, cominciamo ad avvolgerle intorno al braccio. Creiamo ora uno strato spesso pochi millimetri, in modo tale da non rendere l'operazione troppo lunga e impegnativa ma che, allo stesso tempo, non sembri tutto finto. Questa tecnica, pur essendo un po' più impegnativa, garantirà senza dubbio il risultato migliore.

47

Metodo della cartapesta

Una seconda tecnica, decisamente più artigianale rispetto alla precedente, consiste nell'utilizzo di uno dei materiali preferiti dai bambini, ovvero la cartapesta. Così come descritto nel passo precedente, cominciamo avvolgendo il braccio, ma questa volta con del cartone o del cartoncino, o comunque con un materiale flessibile ma, allo stesso tempo anche abbastanza rigido da fungere da supporto. Uniamo quindi i vari fogli e colleghiamoli saldamente utilizzando anche in questo caso del nastro adesivo. A questo punto, armiamoci di colla vinilica e di vecchi fogli di giornale, che andremo a sovrapporre, strato dopo strato, sulla base in cartoncino che abbiamo appena avvolto intorno al braccio. In questo caso, dobbiamo tenere presente che il segreto della buona riuscita della cartapesta sta in un buon bilanciamento tra i diversi materiali: la carta di giornale deve essere abbastanza piena di colla vinilica, in modo tale da formare uno strato solido e compatto una volta che si sarà asciugata; tuttavia, quest'ultima non dovrà essere neanche troppa, altrimenti il risultato finale risulterà grezzo e poco simile a quello che è un gesso vero, oltre al fatto che si sentirà parecchio l'odore. Una volta che sarà completamente asciutto, questo strato risulterà davvero simile al gesso vero. L'unico problema della tecnica appena descritta è che il colore finale risulterà essere grigiastro, ma è possibile ovviare facilmente al problema colorando il "braccio ingessato con un po' di vernice bianca, oppure con delle normali tempere, in modo tale che si possa ottenere un risultato quasi perfetto.

Continua la lettura
57

Applicazione della paglietta

Sia che si utilizzi la tecnica del gesso vero, sia quello della cartapesta, una volta che il lavoro è terminato, ovvero quando il finto gesso sembra veramente uguale o molto simile a quello vero, sarà possibile applicare il tocco finale: con l'aiuto di una paglietta da cucina, grattiamo leggermente la superficie del finto gesso, ma soltanto in alcuni punti. In questa circostanza, però, bisognerà procedere con estrema delicatezza poiché in questo modo il colore bianco applicato verrà parzialmente grattato via, facendo apparire nuovamente il grigio al di sotto in alcuni punti, dando al finto gesso un effetto usurato, facendolo apparire proprio come quello autentico. Armiamoci infine di matite, penne e pennarelli per scrivere le firme e le frasi degli amici, le quali non possono assolutamente mancare su qualsiasi ingessatura che si rispetti.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un gufo di gesso

In questa bella guida, che abbiamo deciso di scrivere per tutti i inostri cari lettori, vogliamo proporre il metodo per capire come poter realizzare, con le nostre mani e la nostra buona volontà, un gufo di gesso, del tutto originale e fuori dal comune.Gli...
Bricolage

Come realizzare un bassorilievo in gesso

In questa guida, vi spiegherò come realizzare un bassorilievo in gesso. Per l'esecuzione di calchi, modelli, sculture ed elementi decorativi, si fa spesso uso del gesso, poiché è un minerale cristallino molto tenero e scalfibile, che si presta agli...
Bricolage

Come realizzare una copia in gesso

Se desiderate realizzare una copia di un vostro lavoro in gesso ma non sapete come fare, o magari non siete voi a desiderarne un'altra, ma un vostro amico che l'ha vista proprio da voi, seguite questa guida e vi sarà spiegato proprio come procedere....
Bricolage

Come realizzare un finto affresco

Nell'Era moderna appare sempre più limitata la propensione verso le arti e in particolar modo la pittura. Tecniche professionali o di svago che mirano a riprodurre determinati oggetti, paesaggi, elementi astratti, ma che sono tutti accomunati da tecniche...
Bricolage

Come realizzare degli stampi in gesso

Anche se si ha poca dimestichezza in materia di creazioni realizzate in gesso, ricorrendo ad alcune tecniche di facile applicazione si possono creare graziosi suppellettili, semplicemente realizzando stampi degli oggetti più comuni. Per iniziare si...
Bricolage

Realizzare una fruttiera in cartapesta e gesso bianco

In questa bella guida che stiamo per proporre, vogliamo presentare un altro lavoretto fai da te, da utilizzare per dar vita a qualcosa di unico, nel proprio appartamento. Nello specifico cercheremo d'imparare come poter realizzare una fruttiera, che sia...
Bricolage

Come realizzare un finto caminetto natalizio con vecchi scatoloni

Per rendere accoglienti gli spazi domestici durante il periodo di natale, spesso ci si inventa di tutto. Il simbolo del natale non sono solamente il classico albero, la stella e tutti gli accessori ad esso ricollegati. A rendere magiche la convivialità...
Bricolage

Come realizzare un portacandele di gesso

Le candele sono una fonte luminosa sempre intramontabile che rende speciale qualunque ambiente. Per avere una candela basta immergere uno stoppino in una colonna di combustibile solido, come ad esempio la cera. Attualmente la paraffina è il materiale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.