Come realizzare un giardino d'acqua

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Generalmente per giardino si indica uno spazio delimitato e, progettato, alla coltivazione di piante di vario genere. Naturalmente, trattandosi di uno spazio completamente all'aperto, nulla ci vieta d'inserire al suo interno delle fontane o gazebi, per rendere più accogliente il luogo. Quello che verrà proposto oggi in questa interessante guida è un giardino d'acqua; un'idea molto originale, sicuramente apprezzata da chi verrà a visionarlo. Tuttavia la sua realizzazione non richiede tanto tempo e neppure tanto materiale. Per cui armatevi di buona volontà e seguite attentamente i suggerimenti dei passi a seguire su come realizzare un giardino d'acqua.

26

Se la vostra scelta è quella di optare per del pratico materiale plastico, il migliore e più resistente è sicuramente il PVC a doppio strato, provvisto di un reticolato in nailon, o ricoperto in butilite. Per cominciare, Iniziate a scavare una buca, avente i lati inclinati verso la parte centrale: questo accorgimento è utile per evitare il rischio di danni di sprofondamenti dovuti al gelo. Eliminate tutti i sassi, le radici e tutto ciò che potrebbe rovinare in qualche modo il telo di plastica. A questo punto dovete adagiare nella buca una copertura di circa 3 cm di sabbia bagnata, necessaria per rendere più morbidi fondo e pareti.

36

Adesso, posizionate il telo e dopo, fissatelo al bordo della buca aiutandovi con qualche pesante pietra (o con dei mattoni) che poi provvederete a togliere. A questo punto, per mezzo di una canna collegata ad una presa d'acqua, fate arrivare l'acqua sul fondo della buca che avete terminato di foderare e, riempitela. Naturalmente il peso dell'acqua contribuirà a rendere ben teso il telo di plastica, facendolo aderire perfettamente alle pareti e al fondo della buca. Appena si sarà riempita la buca d'acqua, avrete così ottenuto un minuscolo laghetto. Togliete le pietre che vi sono servite in precedenza per bloccare il telo di plastica e, tagliate con una cesoia quello che eccede, lasciando solo un bordo di una ventina di centimetri che dovrete coprire con gli appositi sassi per lastricati.

Continua la lettura
46

È bene ricordare che, mentre eseguite la pavimentazione, prestate molta attenzione a che la malta utilizzata non vada a finire in acqua, specie se è nelle vostre intenzioni inserire dei pesci o delle piante, rischierebbero di morire. Se accidentalmente dovesse verificarsi questo inconveniente, svuotate il laghetto, pulitelo perfettamente e, riempitelo nuovamente. Se scegliete invece di utilizzare una vasca in vetroresina al posto del telo in plastica, dovete scavare una buca profonda tra i 50 e gli 80 centimetri circa, ma ovviamente tenete conto della profondità della vasca che andrete a porvi. Posizionate la pompa sulla vasca e collegatela con un tubo, coprendolo con della sabbia e qualche sasso.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riciclare l'acqua per innaffiare il giardino

La passione per il giardinaggio, al giorno d'oggi è sempre più diffusa in tutte le abitazioni italiane. Questa passione, nasce principalmente con le piante che teniamo dentro casa, e molto spesso, si estende anche fuori in giardino. Infatti, tutti coloro...
Giardinaggio

Come realizzare un giardino in stile barocco

All'interno della seguente guida andremo a occuparci di giardini e, nello specifico, ci concentreremo nell'illustrarvi un giardino in stile barocco. Come avrete sicuramente compreso attraverso il titolo della guida, infatti, andremo a spiegarvi come poter...
Giardinaggio

Come realizzare un impianto di irrigazione nel giardino

Estesi, colorati, maestosi: i giardini appassionano l'uomo fin dalla fondazione delle prime antiche città; sono apprezzati per la loro estetica impareggiabile, e si integrano perfettamente con le abitazioni, capanni, palazzi, non c'è posto dove stonino...
Giardinaggio

7 modi per realizzare un giardino zen in casa

Se in casa abbiamo un angolo abbastanza ampio che intendiamo arredare in un modo originale ed esclusivo, possiamo approfittarne per dedicarci alla realizzazione di un vero e proprio giardino zen in miniatura. Questa tipologia di struttura facente parte...
Giardinaggio

Come realizzare un giardino con piante tropicali

Se amate i fiori ed avete un bel giardino grande, potete approfittarne per renderlo molto raffinato e inserendo nel contesto delle piante tropicali, il che significa arricchirlo anche con acqua e piccole cascate, ricalcando le orme della concezione Zen....
Giardinaggio

Come realizzare un giardino verticale in casa

Poter creare un giardino verticale in casa è un'ottima possibilità per tutti coloro che amano la natura ed il verde, ma che non possiedono uno spazio sufficiente per coltivare questa passione. Il giardino verticale, detto anche parete verde, è costituito...
Giardinaggio

Come realizzare un giardino pensile

Oggi dedichiamo una guida a tutte quelle persone che amano il giardinaggio ma per loro sfortuna non possono praticarlo perché vivono in grandi città o comunque in case prive di giardino. Crearsi un angolo verde su un balcone o una terrazza può essere...
Giardinaggio

Idee per realizzare un giardino zen

Fare il Giardino Zen, è una pratica che si è divulgata da pochi anni anche in Occidente. Nasce infatti nella cultura giapponese. Il Giardino Zen non è un giardino nel senso convenzionale del termine, ma ha delle caratteristiche essenziali, la terra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.