Come realizzare un lavandino in muratura

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In edilizia, il termine muratura sta a significare la tecnica che viene utilizza per costruire una parete in pietre naturali o artificiali, come ad esempio il mattone.
Nel nostro caso andremo a vedere in questa guida i vari passaggi per poter realizzare perfettamente un lavandino in muratura nella vostra dimora.

27

Occorrente

  • Blocchi siropex
  • Collante
  • Piano
  • Lavabo ad incasso
  • Recipiente per l'impasto
  • Porte da montare sul vano rimasto aperto sotto il lavabo
37

La prima cosa in assoluto da fare è cercare di capire che tipo di materiale verrà utilizzato per la costruzione del vostro lavandino in muratura. Solitamente vengono utilizzati dei mattoni in siropex, ovvero un calcestruzzo cellulare areato costituito da un impasto di cemento e sabbia silicea.

47

Vi occorreranno circa 1,5 metri quadri di mattonelle, quindi una quantità moderata. Ora siamo pronti per poter procedere con con la realizzazione delle due parati che ci serviranno successivamente per sostenere il nostro piano mobile. Fatto ciò, dovrete stabilire la lunghezza del piano dove andrà incassato il lavandino, questo è da fare in base allo spazio che potrete utilizzare, che va da un minimo di 90 centimetri fino ad un massimo indefinito, tutto dipende dallo spazio che avete a disposizione.

Continua la lettura
57

Per avere un'idea di quali siano gli ingombri della vostra struttura, e quindi per valutare se la misura sia corretta e sia quella che vogliate, prendete due blocchi e posizionateli a 141 centimetri uno dall'altro, se la lunghezza va bene potete così procedere altrimenti modificatela. Successivamente impastate il collante per i blocchi, esiste il collante apposito per il siropex eventualmente. Posiamo le due pareti, generalmente per l'altezza non c'è una regola, diciamo che di solito viene posto a circa 80 centimetri da terra. Sistemate le due pareti. Passiamo a bloccare i piano e poi incassare il lavabo, quest'ultimo lo possiamo trovare di diversi materia e diversi costi. Preso il piano lo andremo ad incollare sulle due pareti, (prima di incollarlo si dovrà fare il foro per il lavabo, in base alla misura scelta) fatto ciò si procederà con il rivestimento delle pareti.

67

In alternativa per realizzare un lavandino in muratura, prendiamo come prima cosa le misure e acquistiamo il lavello nello stile in cui ci piace di più. Installiamo il lavello come spiegato nei passi precedenti e realizziamo un mobile in muratura. Per un arredamento classico è indicato il legno scuro, mentre per un arredamento moderno, è indicato il legno laccato con venature in acciaio. Per un arredamento etnico, è consigliato invece, un mobiletto in legno antico. Ricordiamo infine, di trattare il lavello sempre con prodotti specifi. Ci.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Stare attenti alle varie misure e all'altezza delle pareti

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come realizzare dei pensili in muratura

La cucina è la stanza più importante della casa; essa deve essere sempre funzionale, sotto qualsiasi punto di vista. Bisogna tener presente lo stile, gli spazi ed i componenti che la completano. La cucina deve contenere delle dispense attrezzate, cassetti...
Casa

Come avere una doccetta nel lavandino

Le doccette sono dei complementi d'arredo molto utili in quanto possono supportare il rubinetto principale del lavandino; queste si possono trovare in commercio in materiali differenti e stili diversi, pronti a soddisfare tutti i gusti. La maggior parte...
Casa

Come montare un lavabo sottopiano

Avete la necessità di eseguire dei lavori in casa e, con l'occasione, volete cambiare anche il lavandino? Il lavabo sottopiano potrebbe essere un'ottima idea, particolarmente originale e molto diffusa al giorno d'oggi. Principalmente, si tratta di un...
Casa

Come sturare un lavandino

Un lavandino intasato è una situazione abbastanza comune che può divenire problematica se non risolta in tempo. Con l'uso quotidiano, i detriti lentamente si accumulano nei tubi di scarico del lavello arrivando ad intasare il lavandino. La prima cosa...
Altri Hobby

Come realizzare dei comodini in muratura

Realizzare dei comodini in muratura può essere un'ottima idea se li dobbiamo abbinare ad uno stile minimalista o ad uno Country Chic. Si tratta, in questo caso, di renderli funzionali, capienti ed esteticamente in armonia con il resto dell'arredamento....
Casa

Come sturare il lavandino

Ad intasare lo scarico del lavandino possono essere: residui di cibo, pezzetti di verdure, grassi vari, capelli, cellule morte e tanto altro ancora. Prima di chiamare l'idraulico e spendere un sacco di soldi, possiamo provare noi stessi a sturare le tubature,...
Casa

Come sturare il lavandino o il lavello

Senti un odore molto sgradevole in bagno o in cucina e non ne conosci la causa? I depositi di grasso, sapone o sporco bloccano il drenaggio e c'è un intasamento nei tubi di scarico. Può succedere che il tubo di scarico di un lavandino o lavello si otturi....
Casa

Come sgorgare un lavello o un lavabo

L'accumulo di molte impurità (come residui di sapone, capelli, avanzi di cibo, ecc.) sono la causa principale degli ingorghi degli scarichi. I metodi per disintasarli prevedono l'uso di un prodotto chimico oppure l'adoperare metodi meccanici come lo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.