Come realizzare un punto occhiello

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nella seguente guida vi sarà spiegato come realizzare il punto occhiello. Precisiamo da subito che ciò di cui ci occuperemo sarà il punto ad occhiello, troppo spesso confuso con il punto a festone che è in realtà tutt'altra cosa. Vedremo infatti come il punto ad occhiello si differenzi, innanzitutto dal fatto che viene tagliata la stoffa precedentemente di quanto permetta di fare il punto a festone, e poi perché il lavoro finito risulterà più "pulito", senza che siano presenti e in vista i fili della stoffa tagliata. Prepariamo tutto l'occorrente necessario e vediamo insieme come procedere passo dopo passo.

26

Occorrente

  • Ago
  • Filo
  • Forbici
  • Spilli da sarta
36

Gli occhielli possono essere verticali o orizzontali, grandi o piccoli. Per intraprendere questa tecnica utilizzate un filo più spesso del comune filo da cucito, come ad esempio un filo mouliné, le cui caratteristiche si legano a quelle richieste. Il compito del filo infatti non sarà tanto rendere più resistente la stoffa nel punto tagliato, ma coprire le sfilacciature causate dallo strappo. Prima di cominciare, preparate uno spezzone di filo di una lunghezza tale che basti a coprire tutto l’occhiello, ricordando che questo andrà utilizzato da sinistra verso destra e viceversa, e per ambi i lati della fessura.

46

Scelto il filo più adatto, potete semplificarvi il lavoro segnando il contorno dell'occhiello, ricorrendo alla filza a punti corti. Munitevi adesso di un paio di forbici e tagliate il lembo di stoffa su cui intendete apportare la modifica, al centro del segno precedentemente apportato. Il taglio è generalmente meno di un centimetro e dovrebbe rispettare questa lunghezza qualora dalla fessura intendiate far passare un comune bottone. Risulta essere utile quindi accostare il bottone interessato alla fessura, per valutarne le dimensioni effettive.

Continua la lettura
56

Definite adesso l'apertura. Infilate l'ago dal diritto del lavoro e fatelo uscire dall'occhiello. Mentre tirate l'ago assicuratevi di non tendere eccessivamente il filo, poiché dovete lasciare che questo compia un cerchio, in cui infilerete l'ago appena uscito dall'occhiello. Ripetete quindi più volte l'operazione, ponendo i punti molto vicini tra loro, fatta eccezione però nel momento in cui dovrete curvare: qui, dovete infatti accompagnare la sequenza dei punti girando, allargando di un po' la distanza tra loro.
Una volta terminato, potrete constatare come i bordi dell'occhiello risultino puliti, a dispetto del punto a festone. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripetete quindi più volte l'operazione, ponendo i punti molto vicini tra loro, fatta eccezione però nel momento in cui dovrete curvare.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come realizzare un fiocco nascita

Ti piacerebbe poter donare un regalo originale a dei futuri genitori, allontanandoti dai banalissimi e sorpassati oggettini di buon augurio? Non c'è cosa migliore di realizzare qualcosa fatto a mano e, senza dubbio, un bel punto croce con una graziosa...
Cucito

Come realizzare degli orecchini pon-pon

Se volete realizzare dei simpatici ed originali orecchini fai da te, seguite con attenzione questa guida e tutte le istruzioni riportate di seguito. Imparerete come realizzare degli orecchini pon-pon, adatti sia per una giornata invernale in compagnia...
Cucito

Come sostituire i bottoni con gli alamari

Se vi trovate ad avere a che fare con gli alamari, sapete sicuramente che questi costituiscono un tipo di allacciatura piuttosto particolare. Questa, infatti, è costituita da un cordoncino di seta o pelle chiuso in modo tale da creare un occhiello attraverso...
Cucito

Come realizzare un tutù di Tulle

Il tutù è una gonna indossata come costume durante i balletti e molto spesso è allegato ad un corpetto (il più delle volte è cucito insieme al tutù solo con delle alette elastiche per consentire un maggiore movimento); si compone di un basco (è...
Cucito

Come realizzare uno scialle

Gli scialle sono dei capi utilizzati soprattutto in inverno, in quanto sono realizzati nella maggior parte delle volte con la lana. In commercio esistono anche in cotone, per poterli utilizzare nelle mezze stagioni. In estate, invece, è proprio difficile...
Cucito

Come realizzare un guanto da forno

I guanti da forno sono indispensabili per poter utilizzare il forno quando è caldo, senza la paura di bruciarci prendendo le teglie roventi solo con uno strofinaccio che, fine e poco adatto all'uso, potrebbe rivelarsi un pericolo per le nostre mani....
Cucito

Come realizzare un reggiseno fai da te

In passato i reggiseni si producevano in casa, con le proprie mani. Attualmente tutte le marche del settore dell'abbigliamento intimo ne offrono una grande varietà. In commercio un reggiseno è facilmente reperibile nei negozi specifici. Ma anche nei...
Cucito

Come realizzare un pigiama di flanella

Se abbiamo intenzione di realizzare un pigiama caldo per le fredde nottate invernali, la scelta del tessuto deve per forza di cose ricadere sulla flanella. Si tratta infatti di un tessuto molto morbido, un misto tra lana e cotone, facile da lavorare anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.