Come realizzare un pupazzo in vetroresina

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La vetroresina è un materiale ricavato da un insieme di componenti, quali il poliestere, il vinilestere, e così via. Questo materiale, viene praticamente, utilizzato in qualsiasi campo. Infatti, andando ad analizzare la sua composizione, questo materiale, è praticamente, resistente a qualsiasi agente atmosferico, che sia acqua o vento o neve, o addirittura, se molto spesso, anche alla grandine. Difatti, possiamo notare molte infrastrutture fisiche, fatte in vetroresina, che vengono esposte per quasi tutta la durata della loro vita, ad agenti atmosferici. Tra questi possiamo portare come esempio, le barche oppure le pale eoliche. Appunto oggetti, esposti praticamente, per la loro intera vita, ad agenti atmosferici. Ma a differenza di ciò che si può pensare riguardo alla vetroresina, non è soltanto un materiale, utilizzato solo in ambiente edile, o nautico. Ma bensì possiamo utilizzarla anche per creare e realizzare, oggetti molto ma molto più piccoli. Ecco perché in questa semplicissima guida, vi illustreremo, nella maniera più dettagliata possibile, passaggio dopo passaggio, quali sono i metodi, per realizzare un pupazzo in vetroresina.

24

Innanzitutto, ci teniamo a sottolineare, una cosa. Questo tipo di lavoro, non sarà affatto semplice. Ed è per questo, che vi consigliamo vivamente, di rivolgervi ad un esperto del settore, se doveste incappare in qualche problematica. Quindi, per poter iniziare al meglio il nostro piccolo lavoretto, dovremo necessariamente, ottenere tutto il materiale, che ci serve per realizzare il pupazzo.

34

Una volta ottenuto tutto il materiale necessario, potremo iniziare tranquillamente a lavorare. Quindi, una volta scelta la forma del pupazzo che vorremo andare a realizzare, dovremo ricavarne uno stampo. Per poterlo ricavare, vi consigliamo vivamente, di utilizzare un materiale come il polistirolo, o il poliuretano. Questi essendo facilmente modellabili, ci permetteranno di ottenere facilmente, la forma da noi voluta. Successivamente, dopo che avremo ottenuto il nostro stampo, dovremo semplicemente, cospargerlo, con uno spray apposito, che ci consentirà di rimuovere facilmente la vetroresina.

Continua la lettura
44

A questo punto, potremo iniziare a fare la colata della vetroresina. Facendo molta attenzione a spargerla in maniera molto uniforme. Per questa procedura, vi consigliamo di utilizzare dei guanti da lavoro, in maniera tale, da non rischiare scottature. Quindi, una volta riempito lo stampo, dovremo attendere che si solidifichi e si raffreddi. Di solito ci impiega dalle 24 ore alle 48, ma in questo caso, è sempre meglio attendere fino alle 48 ore. Successivamente, potremo uscire il pupazzo dallo stampo, facendo molta attenzione a non romperlo. Quindi, colorare con i colori che preferiamo, ed avremo finalmente ottenuto, il nostro pupazzo in vetroresina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Consigli per smerigliare la vetroresina

La vetroresina (VTR) è un materiale leggero ma altamente resistente sia alla pressione che alla compressione. Le sue caratteristiche la rendono perfetta per essere impiegata nell'industria automobilistica, nelle costruzioni residenziali o nella realizzazione...
Materiali e Attrezzi

Come colorare la vetroresina

La vetroresina è un materiale particolarmente robusto utilizzato per realizzare molti oggetti, tra cui mobili e paraurti delle auto. Per colorarla sono necessari però alcuni passaggi fondamentali, affinché i colori attecchiscano e non si stacchino...
Materiali e Attrezzi

Come carteggiare la vetroresina

Quando si eseguono dei lavori di riparazione, soprattutto sulle macchine o su pezzi di essa, il materiale più usato è certamente la vetroresina. Un materiale chimico molto usato per questo tipo di lavori ma che richiede delle piccole accortezze e lavorazioni...
Materiali e Attrezzi

Come lucidare la vetroresina

La vetroresina rappresenta un materiale abbastanza resistente che viene particolarmente utilizzato per la realizzazione di differenti tipologie di oggetti. La vetroresina si tratta di un materiale sostanzialmente plastico, rinforzato mediante l'ausilio...
Materiali e Attrezzi

Come usare la vetroresina

La vetroresina è una tipologia di plastica la quale è rinforzata con il vetro. Esso può essere in forma di tessuti o tessuto non tessuto, impregnato con delle resine termo-indurenti, normalmente in forma liquida a base di vinilestere, epossidica o...
Materiali e Attrezzi

Come riparare superfici in vetroresina

La vetroresina liquida o solida si presta moltissimo per le riparazioni di oggetti della stessa natura; infatti, in circolazione ce ne sono tantissimi come ad esempio barche, paraurti di automobili oppure ripiani di mobili tipo il lavello o il piano...
Materiali e Attrezzi

Come riparare una piscina in vetroresina

Le piscine in vetroresina sono molto resistenti e perciò durano per molti anni se ci si prende cura di esse. In caso contrario saranno più suscettibili a danneggiamenti e richiederanno molto tempo per la loro riparazione. Se possedete una piscina in...
Materiali e Attrezzi

Come applicare la vetroresina su lamiera

Resistente e leggera, la vetroresina è un ottimo materiale plastico. Specialmente per l'impiego nelle industrie automobilistiche, navali ed aeronautiche. Si costituisce di elementi plastici, come la resina poliestere oppure epossidica. Il tutto in abbinamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.