Come realizzare un segnalibro a macramè

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il macramè è una tecnica di cucitura di merletti che ebbe origine in Turchia. Questa tecnica consente di creare, tramite l'unione di più nodi realizzati in modo differente, moltissime decorazioni su tessuti e oggetti. Il macramè viene utilizzato per realizzare centrotavola, braccialetti, finiture ad asciugamani e coperte e segnalibri. In questa guida potrete scoprire come realizzare un segnalibro a macramè anche se non avete mai sperimentato questa divertente tecnica di cucitura.

27

Occorrente

  • Filo o lana di colori diversi
  • Forbici
37

Gli strumenti necessari, per realizzare un segnalibro con la tecnica a macramè, generalmente includono nulla di più elaborato che delle forbici, del filo da ricamo o lana, una tavola di annodatura e alcuni spilli. La dimensione del lavoro che vorrete eseguire ovviamente determinerà l?annodatura del segnalibro in quadrati del progetto simmetrico. Proprio per questo motivo dovrete misurare e tagliare la grandezza desiderata, per completare il progetto.

47

Per iniziare a cucire il segnalibro con la tecnica del macramè prendete due gomitoli di filo da ricamo, o in alternativa dei fili lana, di colore giallo e marrone o di diverse tinte (anche a seconda dei vostri gusti e delle vostre preferenze). Tagliare 33 cm per la lunghezza del filo da ricamo giallo e marrone, che dovrete utilizzare in contemporanea. Piegate quindi i fili a metà allo stesso momento, per poterli legare insieme tramite un nodo a cappio. Sopra il nodo lasciate uno spazio di circa 3 centimetri.

Continua la lettura
57

Continuate a realizzare il vostro segnalibro con la tecnica a macramè separando il filamento in modo che i 4 fili siano due nel centro, uno a sinistra e uno a destra. Le parti del centro, in gergo tecnico, vengono chiamati cavi di tenuta o allodola, il loro scopo è di fornire una base per lavorare con le corde da sinistra e a destra e vengono rispettivamente chiamati cordoni di lavoro; essi sono utilizzati per legare i nodi.

67

Per terminare il vostro segnalibro a macramè unite quindi i fili colorati insieme formando dei nodi per creare i punti. Continuate ad unire i fili annodandoli tra loro ed invertite i fili gradazioni, con due legature nel mezzo. In questo modo potrete continuare la vostra lavorazione dividendo i 4 fili in gruppi separati i gruppi. Continuate formando il simbolo a S, unite i fili con le diverse sfumature formando un quadrato sovrapposto uno su l?altro internamente, esternamente e lateralmente. Il segnalibro a macramè sarà quindi pronto e potrà essere inserito all'interno di qualsiasi libro vogliate.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Chiudete bene i nodi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come realizzare un vestito in macramè

Il macramè è tornato da un paio di anni a fare breccia nel cuore della moda. Canottiere, borse e addirittura gioielli fatti con questa tecnica di origine araba, sfilano sulle passerelle e per le strade delle città. Anche diversi manufatti decorativi...
Cucito

Come aggiungere una frangia a un lavoro a macramè

Il macramè è un tipo di pizzo elegante e molto delicato, viene utilizzato soprattutto per la rifinitura di capi importanti come copertine, centrotavola oppure asciugamani da corredo. Realizzare una frangia in macramè richiede delle conoscenze di base...
Cucito

Come lavorare a macramè

Il macramè è una tra le tecniche di ricamo più apprezzate nel mondo. Spesso si assimila erroneamente al pizzo o a un intreccio gradevole di nodi, mentre invece si tratta di un tipo di merletto a nodi, che possiede delle radici molto antiche e profonde....
Cucito

Come creare una farfalla a macramè

Il macrame è una particolare tipologia di pizzo in tessuto che impiega diversi nodi per realizzare degli elementi utili e decorativi. Nel macramè su posdo usare essere diversi fili ed è impiegato anche per la realizzazione dei gioielli. Inoltre, il...
Cucito

Come fare un pizzo macramè

Il Macramè è una tecnica che ha origini molto antiche. Mentre il nome Macramè deriva dall'arabo. Questo indica un merletto definito a pizzo. La lavorazione consiste nell'eseguire una serie di nodi legati fra di loro. Naturalmente partendo da una base...
Cucito

Come chiudere braccialetti macramè

I bracciali sono un accessorio, femminile e non, sempre di moda.Ce ne sono in commercio di tantissimi tipi, modelli, colori e prezzi, talmente reperibili che ormai ci sono ragazze che li creano da sé.Ed è proprio di questo che tratteremo in questa guida,...
Cucito

Come attaccare un pizzo al macramè

Che meraviglia il pizzo! Sottile e impalpabile come un velo, oppure con i tipici ricami del raffinatissimo macramè, romantico e stupendo in tutti i colori possibili. È elegantissimo in bianco, avorio e rosa chiarissimo, ed è modernissimo anche in tinte...
Cucito

5 oggetti originali da realizzare all'uncinetto

Quella dell'uncinetto è una vera e propria arte capace di creare opere di immenso valore. È di origini molto antiche e ai giorni nostri sono soprattutto le anziane a conservarne i segreti. Ma sempre più giovani stanno riscoprendo i saperi di un tempo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.