Come realizzare un tappetino da bagno con un vecchio accappatoio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tutti di noi prima o poi devono compiere il fatidico passo di prendere la roba vecchia e buttarla, anche se spesso pare un peccato fare ciò perché si è troppo affezionati a ciò che si ha. Per evitare questa tragedia, è possibile riciclare gli indumenti per ottenere oggetti per la casa che sono utili durante la vita quotidiana. Uno di questi esempi, è sicuramente l'impiego di vecchi asciugami per creare un comodo tappeto da bagno. Scopriamo insieme come realizzare un tappetino da bagno con un vecchio accappatoio.

26

Occorrente

  • vecchie accappatoio di colori diversi, spilli, forbici, ago e filo
36

Perchè realizzare un tappetino

Perché realizzare un tappetino? Beh, i motivi sono tanti. Se usiamo l'accappatoio, che viene utilizzato da noi tutti nel nostro bagno di casa, ci viene naturale pensare di creare qualcosa che possa servire in bagno. Un tappeto, può essere comodissimo perché può essere posto in corrispondenza della doccia, e appena di esca da essa si poggiano lì i piedi bagnati senza sporcare il pavimento. Oppure, può essere messo come ornamento del bagno, sotto il lavandino, il bidet e il water. Insomma, potete comporre un vero e proprio set da bagno in modo fai da te e senza alcun costo aggiuntivo.

46

Come realizzare il tappeto

In questo passo vi spiegherò step by step come realizzare il tappeto. Dopo esservi preparato l'occorrente, ovvero delle vecchie accappatoio che ormai non utilizzate più, degli spilli e delle forbici, e ago e filo. Potete cominciare il lavoro e quindi la procedura. Prima di tutto, dovete tagliare i vostri accappatoio in modo da ottenere delle forme uguali con la stessa dimensione: quindi, per esempio, potete creare tanti rettangoli o quadrati. Fate lo stesso procedimento per i vari accappatoio che avete a disposizione. Successivamente, sovrapponete delle strisce di colore diverse una sopra l'altra. Dopo, ripiegate i loro bordi all'interno e cuciteli attraverso l'impiego di ago e filo. Ripiegate ancora un volta i lati verso l'interno e fermateli insieme attraverso degli spilli, per garantire la loro immobilità. Ripetere anche lungo i lati e su tutti e tre le sezioni. Dopo di ciò, sarà necessario intrecciare le tre strisce creando una treccia molto lunga (unendo poi altre strisce).

Continua la lettura
56

Terminare il tappeto

Per terminare il tappeto, dovrete cucire insieme le estremità delle trecce, togliere gli spilli, applicati inizialmente per evitare di farvi male una volta terminato il lavoro. Se volete potete anche tagliare il cotone applicato inizialmente, per una questione di estetica. Dopo, arrotolate la treccia ottenuta su se stessa e fermatela con una cucitura.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usate delle accappatoio pulite e fate attenzione all'uso di spilli e forbiciIl

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come realizzare una borsa mare da un vecchio accappatoio

Se avete un accappatoio che non usate più perché magari presenta qualche foro o svariate parti sfibrate, potete sfruttarlo e creare qualche manufatto che possa rivelarsi di grande utilità. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni consigli su...
Cucito

Come realizzare un accappatoio in spugna per bebè

Quando pensiamo ad un accappatoio, l'idea che ci salta in mente, è quella di una struttura con cappuccio e relative maniche. L'idea è corretta solo se l'indumento in questione deve essere utilizzato da un bambino o da un adulto, ma se invece ad usufruirne...
Cucito

Come realizzare un accappatoio in microfibra

Se vi piace cucire e non avete ancora provato a farlo, potreste fare un bel lavoro proprio leggendole istruzioni di questa guida per realizzare un originale accappatoio in microfibra o in spugna, da utilizzare dopo una piacevole doccia calda, o da regalare...
Cucito

Come realizzare un poncho accappatoio

Per asciugare i neonati dopo il bagnetto è molto utile l'utilizzo di un poncho accappatoio. I negozi specializzati in articoli per bambini ne sono ricchi, sia in modelli che in colori. Può essere però molto gratificante provare a realizzare in totale...
Casa

5 modi creativi per riutilizzare un vecchio accappatoio

Il riciclo è un'attività che consente il riutilizzo di molti oggetti e accessori. Inoltre, è un'ottima soluzione per risparmiare denaro e per creare cose utili per la casa. Se avete ad esempio un accappatoio vecchio, potete realizzare dei set da bagno,...
Cucito

Come trasformare un asciugamano in un comodo accappatoio

Avete dei vecchi asciugamani consumati e non sapete come utilizzarli? Siete stanchi di vedere quell'ammasso di biancheria e di asciugamani che non fa altro che creare confusione e disordine nella vostra casa? Bene! Perché non provare ad utilizzare i...
Cucito

Come cucire un accappatoio per neonato

In casa vengono realizzati molti accessori per abbellire le stanze da letto, il salotto, ma anche la cucina. Tra questi fantastici oggettini troviamo uno specchio da appendere, un porta cenere, ma anche abiti da poter indossare. In oltre possiamo cucire...
Cucito

Come realizzare un accapatoio partendo da un asciugamano

Con un pizzico di creatività ed un utilizzo sapiente delle mani, è possibile portare l'arte del fai da te persino in bagno, trasformando un semplice e vecchio asciugamano di spugna in un bellissimo accapatoio, nuovo di zecca! Leggi questa simpatica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.