Come realizzare un tavolino in vetroresina

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Nelle case capita spesso di sostituire i mobili usurati o semplicemente fuori moda; ciò che invece non sempre si fa, è decidere di utilizzarne alcuni per creare dei nuovi arredi. Ormai, volendosi dedicare al bricolage per cimentarsi nelle più svariate opere manuali, si possono trovare sul mercato ampie gamme di soluzioni e di prodotti da sfruttare. Spesso è possibile optare per materiali facili da applicare, caratterizzati da prezzi contenuti e da ottime rese finali. Nella presente guida vogliamo spiegarvi come realizzare uno splendido tavolino moderno in vetroresina: una sostanza composita termoindurente e contenente fibra di vetro. Potrete così disporre di un originale complemento d'arredo per il vostro salotto.

29

Occorrente

  • vetroresina trasparente, vecchi fumetti, colla vinilica bianca, taglierino, righello, carta vetrata fine, stucco per legno, spatola, smalto atossico nero, due pennelli, nastro adesivo di carta, rullo di gommapiuma
39

Preparare il materiale occorrente

Prendete il vostro tavolino ormai inutilizzato e portatelo in un locale sufficientemente aerato, quindi procuratevi il seguente materiale: una confezione di resina vetrificante (vetroresina) trasparente, qualche vecchio fumetto preferibilmente in bianco e nero (eventualmente da sostituire con le pagine di qualche quotidiano), un barattolo di colla vinilica bianca, un taglierino, un righello, un foglio di carta vetrata fine, dello stucco per legno, una piccola spatola, una confezione di smalto atossico nero, due pennelli (uno per pitturare e uno per stendere la colla), un rotolino di nastro adesivo di carta e un rullo di gommapiuma non più lungo di 28/30 centimetri.

49

Iniziare il lavoro

Con uno straccio bagnato e strizzato in acqua e sapone, pulite e sgrassate bene il vecchio tavolino in ogni sua parte (usando, se occorre, del detersivo per piatti), poi asciugatelo; con la spatola stuccate eventuali fori o scheggiature. Fate essiccare lo stucco per il tempo indicato sulle istruzioni e procedete carteggiando le parti trattate con la carta vetrata fine. Continuate il lavoro carteggiando leggermente tutto il tavolino: è una procedura importantissima poiché permette di eliminare dall'intera superficie anche la più piccola imperfezione.

Continua la lettura
59

Stendere la pittura

Ora, con uno straccio inumidito togliete ogni traccia di polvere presente sul legno. Disponete dei fogli di carta o di plastica sul pavimento e capovolgete il tavolino, poi con vernice nera e pennello iniziate a dipingerne i bordi laterali, le gambe e le parti relative al sotto. Fate asciugare bene il colore, stendete una seconda mano di pittura e lasciate riposare il lavoro un paio di giorni. Nel frattempo, con taglierino e righello, staccate diverse pagine di vecchi fumetti praticando dei tagli netti e precisi (vanno bene anche le pagine delle normali riviste): devono servire per ricoprire la superficie superiore del piccolo tavolo.

69

Rivestire la superficie

Trascorso il tempo necessario, girate il tavolino rimettendolo nuovamente in piedi e proteggetene le gambe dipinte precedentemente per non rischiare di crearvi dei danni: fasciatele con qualche foglio di carta da tenere ferma con il nastro adesivo di carta. Ora, prendete il pennello per collanti e stendete la colla vinilica sulla superficie superiore del tavolo; applicatevi i fogli in maniera irregolare e volutamente disordinata, sovrapponendole in alcuni punti; dopo aver incollato tutte le pagine sulla superficie, stendetevi sopra uno strato di colla vinilica, poi lasciatela essiccare: appena asciutta non sarà più visibile.

79

Stendere la vetroresina

Ora, seguendo scrupolosamente le istruzioni presenti sulla confezione, prendete la confezione di vetroresina trasparente e iniziate a versarla con moderazione sul tavolo (procedete quindi senza eccedere ogni volta in quantità, aggiungendola sempre poco a poco tavolo); usando il rullo di gommapiuma, stendete il denso prodotto in maniera uniforme con movimenti piuttosto veloci e incrociando le direzioni. Arrivate a filo dei bordi e pareggiate bene il prodotto, che essendo denso e ben malleabile, si lascia stendere e livellare con facilità senza colare eccessivamente: l'importante è non applicarne troppo in una sola volta. Passate il rullo sui bordi, eliminandovi le gocce e allo stesso tempo passando anche su questi un leggero strato di prodotto. Ripetete l'operazione e fate essiccare perfettamente lo strato: ora il vostro moderno e brillante tavolino in vetroresina è pronto.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Eseguire questo lavoro in un ambiente ben arieggiato; meglio utilizzare anche una mascherina
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un tavolino da esterno

In questa guida vedremo come realizzare un tavolino da esterno. La procedura non è semplice, quindi segui con attenzione tutti i passi. Il risultato sarà eccezionale. Il tavolino starà benissimo sotto un gazebo oppure all'interno di una veranda. Completa...
Bricolage

Come realizzare un tavolino con piano alzabile

La realizzazione di un tavolino con piano alzabile è un progetto di falegnameria abbastanza semplice, più di quanto vi possiate immaginare. Il piano alzabile permette di portare il tavolino ad un'altezza ottimale per facilitare tutta una serie di normali...
Bricolage

Come realizzare un tavolino di cartoncino

Tanti sono i materiali che quotidianamente cestiniamo, trascurando il fatto che la maggior parte di essi possono essere riutilizzati. È infatti possibile trasformare tali materiali, per realizzare oggetti che potrebbero tornarci utili. Nella seguente...
Bricolage

Come realizzare un tavolino usando una finestra

I punti di appoggio sono sempre troppo pochi in casa o nel giardino, quindi un tavolino può rivelarsi utile. Negli ultimi tempi però c'è la moda di arredare le case non solo con oggetti di riciclo ma secondo un preciso stile chiamato "shabby chic",...
Bricolage

Come realizzare un tavolino con gambe a spillo

Personalizzare un oggetto di arredamento rappresenta sempre un hobby simpatico e fantasioso. In questi casi occorre sono un pizzico di originalità e qualche idea davvero geniale. In questa guida vogliamo illustrarvi come realizzare un tavolino con le...
Bricolage

Come realizzare un tavolino con un ceppo

Il legno è un'ottima idea per arredare e decorare la propria casa. L'inserimento di elementi naturali all'interno della nostra abitazione ci riconnette alla natura anche se viviamo lontani da essa, per esempio in una grandissima città. Negli ultimi...
Bricolage

Come realizzare un tavolino per il soggiorno con i pallet

Ecco pronta una bellissima ed interessante guida, molto utile, nei confronti di tutti i nostri lettori, che sono amanti non solo del classico ed in intramontabile metodo del fai da te, ma anche del famoso riciclo creativo. Proprio così, tenteremo questa...
Bricolage

Come Realizzare Un Tavolino Habilleè

Il tavolino Habilleè è una tipologia di comodino che possiede una forma rotonda ed un'altezza poco più elevata. Viene rivestito da cima a terra da tessuti abbastanza eleganti, fornendo un elemento di design tipico di fine 800. Per non essere troppo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.