Come realizzare una bobina di tesla

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Questa guida ha l'obiettivo di fornire dei consigli su come è possibile realizzare una bobina di Tesla, dal nome dello scienziato NikolaTesla, e come fare degli esperimenti per la produzione di scariche elettriche. Questo strumento che incuriosisce tantissime persone è abbastanza pericoloso, in quanto si possono generare impetuosi fenomeni e tensioni quali i fulmini. È importante non dimenticare che con l'alta tensione non si scherza per cui bisogna agire solo in sicurezza. Vediamo quindi insieme come procedere.

25

Reperite il materiale necessario

La bobina di Tesla ha un trasformatore di alta tensione che è possibile comprare nei negozi di elettronica, installazioni e riparazione di insegne luminose. È indispensabile accertarsi che la tensione di uscita sia almeno di 5.000 V. Un altro strumento della bobina è il condensatore per alte tensioni; esso non si trova facilmente nei comuni negozi per cui la via più semplice e sbrigativa è la ricerca via Internet. Inoltre la bobina ha lo spinterometro che scatena scariche elettriche nello spazio atmosferico; esso si trova in un qualsiasi negozio specializzato oppure su Internet.

35

Avvolgete un tubo di plastica con il filo smaltato

Ai componenti principali occorrono altri elementi elettrici per la bobina. Per una bobina primaria si deve utilizzare un tubo di rame facilmente pieghevole di diametro minimo di 6 mm. Si costruisce poi una spirale piatta con circa 10 giri di tubo; quest'ultimo va disposto saldamente su un supporto isolante. La bobina secondaria si può comprare oppure costruire. Per l’assemblaggio bisogna avvolgere un tubo di plastica con il filo smaltato di dimensioni più piccole. Non bisogna fare accavallare le spire o il tratto di conduttore, ma si devono distanziare tra loro. Successivamente spruzzate lo spray anticorona per 2 volte. Infine occorre un toroide di metallo oppure una sfera da mettere sulla bobina secondaria.

Continua la lettura
45

Collegate la bobina primaria in parallelo

La parte che riguarda il collegamento elettrico non è difficile da realizzare in quanto si possono utilizzare cavi di piccole dimensioni per affrontare le correnti non elevate. Essi devono essere isolati in quanto le tensioni sono intense. Bisogna collegarli ad un circuito di condensatori in parallelo al circuito secondario del trasformatore. Dopodiché fate delle prove fino a quando non otterrete un ottimo risultato. Collegate adesso la bobina primaria in parallelo ai condensatori e mettete quella secondaria al centro della bobina primaria. A questo punto, dopo avere mandato tensione al circuito, la bobina è funzionale. Buon lavoro.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La bobina secondaria si può comprare oppure costruire
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come calcolare la potenza di una bobina

Una bobina rappresenta un complesso di spire il cui numero potrebbe variare tra le migliaia ed una singola frazione: il materiale che la costituisce è un conduttore elettrico, ovvero un materiale dove la corrente scorre velocemente. Gli utilizzi di una...
Materiali e Attrezzi

Come verificare il funzionamento di una bobina

A tutti noi è capitato nella vita di avere problemi con la propria automobile: piccoli imprevisti che possono accadere, per scarsa manutenzione o per l'usura del tempo. Uno degli imprevisti che capita spesso è quello di avere problemi con l'accensione...
Bricolage

come manutenere la griffa e l'alloggiamento della bobina della macchina da cucire

La macchina da cucire è un'apparecchiatura meccanica o elettromeccanica impiegata per unire mediante una cucitura, stoffe o pelli attraverso il passaggio di uno o più fili di cotone o altri materiali per mezzo di un ago oscillante in modo alternato...
Bricolage

Come creare un tavolino con una vecchia bobina per cavi elettrici

Avete presente quella vecchia bobina di legno che serviva ad avvolgere i cavi elettrici che avete visto abbandonata in un magazzino? Se ne sta lì da anni, senza essere utilizzata; eppure è fatta di legno, un materiale che meriterebbe più rispetto....
Cucito

Come smontare un guidauncino

Cucire, ricamare oppure rammendare è un'arte che si tramanda da millenni. Mani instancabili e occhi attenti consentono di realizzare piccoli capolavori con il filo. L'arte del cucito si avvale anche di macchine che danno la possibilità di eseguire lavori...
Cucito

Come Applicare L'Increspatura Nel Cucito

Nel cucito si usa spesso fare l'increspatura, che non è altro che una sorta di arricciatura schiacciata, che serve per ridurre l'ampiezza della stoffa. Le stoffe più adatte ad essere increspate sono quelle più morbide e leggere, come batista, tessuti...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un mulinello spinning

La pesca è una passione che va per la maggiore tra gli uomini. Chi di voi non ha mai fatto una gita al lago o al fiume insieme al nonno per andare a pescare e riportare a casa un ricco bottino? Ebbene, per avere successo in questa attività non basta...
Materiali e Attrezzi

Come calibrare un metal detector

In questa bella guida, vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter calibrare per bene ed in modo preciso, un metal detector, in modo tale da poterlo eseguire quando ne avremo veramente bisogno. I rivelatori di metalli, meglio conosciuti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.