Come Realizzare Una Dima Guida Per La Lavorazione Al Tornio

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La dima è una sorta di calco di un piano che deve essere riprodotto nella realtà nello stesso identico modo. Il lavoro richiede l'uso di particolari strumenti oltre che di specifiche tecniche. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni consigli su come realizzare una dima guida per la lavorazione al tornio.

26

Occorrente

  • Trapano.
  • Due pezzi di legno.
  • Filo di acciaio-diametro un millimetro.
  • Due viti con farfallina.
36

Passiamo alla fase di costruzione dell'oggetto, tagliando cento listelli di filo in acciaio; altri due lunghi dodici millimetri e lunghi cento quarantacinque millimetri. Per bloccare le viti foriamo un pezzo di legno alle due estremità formando due fori all'incirca di cinque millimetri. Incolliamo i due listelli larghi un millimetro e li posizioniamo in modo verticale. Vanno messi verso l'esterno, affinché i fili si blocchino quando la vite viene serrata. Prima di metterci la colla, curiamo però con attenzione l'allineamento. Il loro compito è infatti di fondamentale importanza per i fili in acciaio. Senza di loro toccherebbero le viti o si inclinerebbero, con il risultato finale che si alterano le misure della lavorazione.

46

Nell'assemblare tutto, inseriamo tra i due pezzi di legno, i vari listini senza piegarli. Li mettiamo correttamente, più in squadra possibile. Stringiamo le viti e regoliamo la stretta dei fili di acciaio perché siano capaci senza problemi di adattarsi alle linee dell'oggetto da misurare. Se corrispondono alle misure del pezzo stringiamo le farfalline delle viti per ottenere la regolare la misura. Di conseguenza se lo riteniamo opportuno riportiamo il lavoro su carta. A partire dal legno, per passare dal settore tessile e arrivare al metallo. Con una dima siamo più sicuri di ottenere un lavoro buono ed efficiente. L'importante è che deve essere costruita con un materiale resistente come ad esempio il metallo e di uno spessore non superiore ai cinque millimetri.

Continua la lettura
56

Una fascia deve avere almeno cinquanta millimetri di profondità e munita di fori. Inoltre gli angoli più stretti di trenta gradi non vanno bene. La parte finale deve infatti essere necessariamente di trenta millimetri rettilinei. La zona più importante inizia da cinquanta millimetri dal primo foro e gli angoli concavi non devono essere meno di due millimetri. Queste sin qui elencate sono dunque le operazioni e le tecniche atte a realizzare una dima per la lavorazione al tornio, e per approfondire l'argomento è importante sapere che ci sono anche dei manuali cosi come dei siti web che propongono in merito dei dettagliati tutorial con tanto di passi esplicativi e corredati di foto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usa maschera e guanti di protezione quando saldi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Tornio: guida all'utilizzo

Oggi, in questo articolo, vogliamo proporvi una vera e propria guida, mediante il cui aiuto essere in grado di capire meglio un attrezzo davvero molto vecchio ma anche attuale, e cioè il tornio.Vorrà essere questa che proponiamo, una vera e propria...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un tornio per metallo

Uno dei primi e più versatili strumenti di lavorazione dei metalli è sicuramente il tornio. Il tornio è uno strumento che viene utilizzato da epoche molto antiche, praticamente la sua invenzione è avvenuta nel periodo della preistorica, fino a subire...
Materiali e Attrezzi

Come modificare il mandrino di un tornio

In un tornio, il mandrino è un morsetto metallico usato per tenere fermo un oggetto, rendendo più agevole il lavoro. Alcuni torni, soprattutto quelli più grandi, hanno dei mandrini con fili integrali o altri meccanismi di montaggio di forma conica....
Materiali e Attrezzi

Come Realizzare Lo Swirl Nella Lavorazione Col Fimo

Vi state avvicinando adesso al mondo dei fimo e desiderate allargare i vostri orizzonti creativi? Allora dovrete assolutamente provare ad effettuare la meravigliosa tecnica dello swirl, con la quale potrete facilmente creare degli oggetti caratterizzati...
Materiali e Attrezzi

Vetro di boemia: tecniche di lavorazione

Il vetro di Boemia, chi non ha mai avuto modo di ammirarne la trasparenza in suppellettili di produzione artigianale alzi la mano? Splendido vetro-cristallo decorativo e trasparente, i cui resti più antichi ritrovati in Boemia sono datati intorno al...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere il vetro per la lavorazione

La lavorazione del vetro è un'arte antichissima grazie alla quale è possibile realizzare dei manufatti di ottima qualità, essendo il vetro un materiale naturale al 100%. Infatti, le sostanze che lo compongono sono tutte materie prime, come la sabbia...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare gli utensili per la lavorazione del legno

La lavorazione del legno è un'attività artigianale che porta grande soddisfazione a chi la pratica. I benefici più significativi sono da ricercare nel contatto diretto con un materiale naturale, nelle infinite possibilità di modellazione e nell'acquisizione...
Materiali e Attrezzi

Vetro temperato: tecniche di lavorazione e taglio

Il vetro temperato è un tipo di vetro di sicurezza elaborato con trattamenti termici o chimici, eseguiti per aumentarne la resistenza. Durante questi trattamenti le superfici esterne e interne del vetro vengono messe in compressione. Grazie alla sue...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.