Come realizzare una trina macramè

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il fai da te è una tendenza che non passa mai di moda. Oggi sono sempre di più le persone che decidono di cucirsi da sé non solo abiti ma anche tende e tutto ciò che riguarda l'arredamento della casa. L'arte di fare a maglia o di usare l'uncinetto è un "lavoro" costante che ha bisogno di tempo ed esperienza per poter essere affinato. Tra le varie arti si differenzia quella che ruota attorno alla realizzazione di quello che viene comunemente denominato pizzo in macramè. In questa guida vogliamo indicarvi come realizzare una trina macramè.

26

Occorrente

  • Un gomitolo di cotone
  • Una forcella per capelli o un uncinetto
36

Scegliete un capo di abbigliamento

Intanto va precisato che il macramè è una sorta di frangia di origine orientale che veniva generalmente utilizzata per decorare la biancheria, le lenzuola, gli asciugamani etc. In questi ultimi anni si sta riscoprendo un uso un po più ampio del macramè. Infatti molti capi di abbigliamento delle più svariate fattezze vengono utilizzati seguendo i dettami di questa vera e propria arte creativa. Le regole del macramè non sono certo facili da imparare dall'oggi al domani. Per affinare la propria tecnica di ricamo è quindi necessaria molta pratica e buona volontà. Ma con le nostre indicazioni sarà comunque possibile giungere a risultati davvero molto buoni. Vediamo quindi come procedere.

46

Annodate il filo nella forcella

La tecnica consiste nell'annodare il filo in una forcella in maniera tale da realizzare quello che sarà il disegno finale. Le varie tecniche possibili sono quelle che vi consentiranno di realizzare il disegno che avete in mente. Ma questo non rappresenta l'unico metodo che si utilizza per realizzare una trina macramè. Il secondo metodo possibile sta nell'utilizzo di un semplice uncinetto. La comprensione delle varie tecniche è la parte più difficile, infatti, imparata questa parte si procede semplicemente a fare la pratica che vi sarà necessaria per realizzare in maniera più veloce e spedita i vostri lavori in macramè.

Continua la lettura
56

Usate i punti bassi

Ora veniamo a descrivere gli aspetti più tecnici. La realizzazione di una trina avviene utilizzando quelli che in gergo vengono chiamati "punti bassi" e che consistono nel far ruotare tra le mani il filo di cotone sempre in senso orario, in maniera tale da formare una spirale. Ovviamente, a seconda di quello che sarà il disegno finale che intendiamo ottenere, esistono svariato tipi di trine: la trina semplice di base, la trina doppia piatta ed infine la trina doppia bombata. Vi consigliamo di iniziare dalla trina semplice. Una realizzazione che vi porterà via poco tempo e che, se effettuata nel modo descritto, vi darà subito grandi soddisfazioni. Insomma, c'è davvero l'imbarazzo della scelta. Affinate la vostra tecnica nel modo che vi abbiamo suggerito e buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Procedete con calma e delicatezza per evitare di creare dei nodi nel filo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come cucire i merletti

I merletti, che vengono chiamati anche pizzo o trina, sono una lavorazione di filati che consentono di poter ottenere un tessuto molto leggero e ornato da decorazioni davvero preziose. Solitamente i merletti vengono realizzati con del filo di cotone color...
Cucito

Come realizzare dei lumi in merletto

ll merletto che passione! Si tratta di una pregiata ed antichissima lavorazione di filati, detta anche trina o pizzo, volta alla realizzazione di tessuti ornati, leggeri e preziosi. I metodi e gli utensili usati per ottenere questo particolare procedimento...
Cucito

Come fare un pizzo macramè

Il Macramè è una tecnica che ha origini molto antiche. Mentre il nome Macramè deriva dall'arabo. Questo indica un merletto definito a pizzo. La lavorazione consiste nell'eseguire una serie di nodi legati fra di loro. Naturalmente partendo da una base...
Cucito

Come realizzare un segnalibro a macramè

Il macramè è una tecnica di cucitura di merletti che ebbe origine in Turchia. Questa tecnica consente di creare, tramite l'unione di più nodi realizzati in modo differente, moltissime decorazioni su tessuti e oggetti. Il macramè viene utilizzato per...
Cucito

Come realizzare un vestito in macramè

Il macramè è tornato da un paio di anni a fare breccia nel cuore della moda. Canottiere, borse e addirittura gioielli fatti con questa tecnica di origine araba, sfilano sulle passerelle e per le strade delle città. Anche diversi manufatti decorativi...
Altri Hobby

Come realizzare un gufo in macramè

Molto spesso quando abbiamo bisogno di qualche orecchini, collane, ecc. Preferiamo recarci presso appositi negozi per acquistare questi oggetti già confezionati ed essere sicuri di fare sempre una bella figura, ma spendendo la maggior parte delle volte...
Cucito

Come creare una farfalla a macramè

Il macrame è una particolare tipologia di pizzo in tessuto che impiega diversi nodi per realizzare degli elementi utili e decorativi. Nel macramè su posdo usare essere diversi fili ed è impiegato anche per la realizzazione dei gioielli. Inoltre, il...
Bricolage

Come usare due colori nella lavorazione del macramè

Il macramè è una tecnica da ricamo, che si esegue intrecciando i fili; quest'ultimi possono essere di tipo moulinè oppure quelli da ricamo ovvero quelli classici, che sono un po' più doppi e si impiegano ad un filo. Normalmente il moulinè deve essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.