Come realizzare un'asparagiaia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'asparago (conosciuto anche con il nome scientifico Asparagus Officinalis), ortaggio saporito e versatile in cucina, è una pianta erbacea con rizoma costituito da molte radici (dette zampe) da cui nascono i carnosi germogli commestibili (turioni). La coltivazione di questa pianta, che si adatta ad ogni tipo clima pur prediligendo quelli temperati in pianura o collina non è particolarmente difficile, benché richieda 2-3 anni di tempo prima di diventare davvero produttiva. A tal proposito, nella presente guida, spiegherò come realizzare un'asparagiaia nella maniera corretta. Procediamo!

27

Occorrente

  • terreno sabbioso, calcareo e drenante
  • argilla espansa
  • concime organico
  • acqua
  • coltellini
37

Innanzitutto, l'asparagiaia richiede un terreno sabbioso, giustamente calcareo, ben drenante e un luogo soleggiato. Quest'area, dovrà essere dedicata unicamente all'asparago senza alternare altre colture. Non impiantare l'asparagiaia su un terreno che ha precedentemente ospitato patate, fagioli, carote e barbabietole, poiché queste ultime possono trasmettere una malattia. Il ciclo dell'asparago va diviso in 4 fasi: allevamento (cioè i primi due anni durante i quali si assiste allo sviluppo della pianta e scarsa raccolta), produttività crescente (dal terzo al quarto anno nei quali si avrà la vera raccolta), produttività stabile (dal quinto al decimo) ed infine produttività decrescente (dal decimo in poi).

47

Successivamente, il terreno dell'asparagiaia dovrà essere preparato in autunno o al limite nell'inverno che precede l'impianto dell'asparago. Si lavora in profondità (60-70 cm), si stende uno strato di argilla espansa e si arricchisce con concime organico (30 kg ogni 10 mq di terra) e fertilizzanti (azoto e potassio). Gli asparagi sono avidi d'acqua e soprattutto nel periodo estivo, bisognerà fornire alla pianta una notevole irrigazione. Solitamente, l'asparago si riproduce con l'impianto di zampe (acquistate in vivaio) di uno o due anni (raramente invece per semina diretta). In autunno o inizio primavera, si preparano le fosse d'impianto profonde 20-30 cm e larghe 50-80 cm.

Continua la lettura
57

Oltre alla prima concimazione, è bene arricchire il terreno anche prima della ripresa vegetativa e dopo la raccolta. La raccolta degli asparagi non si effettua nel primo anno, e nel secondo dovrà essere limitata. La vera raccolta (turioni di 10-15 cm) si realizza a partire dal terzo anno in aprile e maggio, quando la temperatura del rizoma raggiunge 10-12°C, con appositi coltellini, senza strappi, per non danneggiare le radici. Dopo la raccolta si attuerà il diserbo, l'irrigazione e la concimazione, dopodiché in autunno-inverno, si taglieranno i fusti secchi lasciandone solo un piccolo pezzo come riconoscimento delle radici.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare gli asparagi in giardino

Crearvi un piccolo orto è un'esperienza che dovreste provare almeno una volta nella vita. Il piacere di curare e successivamente mangiare un ortaggio nato grazie alle vostre attenzioni dedicate alla terra, è un qualcosa che vi porterà indietro nel...
Giardinaggio

Come coltivare l'asparago

L'asparago (Asparagus officinalis) fa parte della famiglia botanica delle Liliacee che annoverano tra le loro fila anche l'aglio, la cipolla e il porro e così altre numerose varietà.Si tratta di una pianta che dimostra di avere una buona adattabilità,...
Giardinaggio

Come realizzare un frutteto biologico

Come vedremo nel corso di questo interessante tutorial, con un po' di impegno e pazienza è possibile realizzare un efficiente frutteto biologico, senza investire cifre considerevoli. È sufficiente infatti seguire alcuni trucchi basilari per realizzare...
Giardinaggio

5 micro giardini semplici da realizzare

Se si sogna un giardino ma non si hanno ampi spazi dove poterlo realizzare perché magari si ha solo un balcone, o semplicemente si ha uno spazio all'aperto troppo limitato, niente paura, oggigiorno è possibile realizzare dei giardini in miniatura per...
Giardinaggio

Come realizzare un orto verticale in giardino

Realizzare un orto verticale in giardino è semplicissimo, basta avere un po di inventiva, del tempo libero, e, cosa importantissima, avere voglia di realizzare qualcosa di belo. Iniziamo subito col dire che non servono grandi spazi per realizzare un...
Giardinaggio

Consigli per realizzare un prato inglese

Un prato verde e rigoglioso, come quello inglese, in giardino non possiede solamente un valore estetico. Possiamo definire questo manto erboso il polmone verde della nostra casa: la nostra fonte di ossigeno. Nei mesi più caldi, inoltre, garantisce un...
Giardinaggio

Come realizzare un comodino in legno e marmo

Quando intendiamo arredare la nostra casa con mobili che non riusciamo a trovare in commercio perché non adatti allo stile impostato, in alternativa è possibile realizzarli, copiandoli da quelli che invece già possediamo. Un esempio può essere quello...
Giardinaggio

Come realizzare aiuole in legno

In questa guida vi spiegherò in breve come realizzare aiuole in legno. Avete letto bene, in puro legno massiccio. Vi starete chiedendo come sia possibile una cosa del genere. Bene, leggete tutta la guida e resterete increduli nel risultato finale. Se...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.