Come realizzare uno scaldino con i noccioli delle ciliegie

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

L'inverno è alle porte e con esso arriverà anche il freddo. Per riscaldarci nelle lunghe giornate invernali possiamo realizzare uno scaldino come le nostre nonne facevano un tempo; la sua creazione è molto semplice, bastano vecchi pezzi di stoffa e i noccioli delle ciliegie: ma dove troviamo quest'ultimi se siamo in pieno inverno? Possiamo fare rifornimento in estate, non buttando via i noccioli ma conservandone quanto più possiamo in vasetti: ci torneranno molto utili nelle stagioni fredde.

28

Occorrente

  • Vecchi pezzi di stoffa isolante (pile, felpa o lana)
  • Noccioli di ciliegia
  • Occorrente per cucire
  • Vasetti o sacchetti per contenere i noccioli
38

Per prima cosa prendiamo i noccioli e facciamoli bollire in una pentola per una manciata di minuti: questo procedimento serve per togliere gli eventuali residui di polpa. Scoliamoli, laviamoli bene sotto l'acqua corrente con una spugnetta (quella di ferro è ottima) e mettiamoli ad asciugare su un tavolino fuori al sole. Una volta che saranno secchi e asciutti, poniamoli in un vasetto o in un sacchettino.

48

Scegliamo, poi, la stoffa per lo scaldino: essa deve avere una buona capacità nel trattenere il calore quindi sono consigliati lana, pile e felpa; non usiamo vecchie lenzuola, federe o magliette poiché tendono a trattenere il calore per poco tempo; possiamo anche servirci di calzini o guanti vecchi per realizzare uno scaldino più piccolo. Scegliamo forma e dimensione e ritagliamo la quantità di stoffa necessaria, cuciamola ai bordi come si fa per un cuscino e lasciamo aperto un angoletto di circa 10 cm. Volendo possiamo anche decorare con stoffa senza usare bottoni, perline o paillettes perché potrebbero sciogliersi e deformarsi con le fonti di calore.

Continua la lettura
58

Riempiamo l'apertura con i noccioli conservati e cuciamola realizzando una federa: possiamo anche optare per una chiusura con una cerniera o con velcro ma al momento del lavaggio dovremo svuotare i noccioli in un sacchetto e mettere la stoffa in lavatrice. Un altro metodo è anche quello di cucire solo tre lati e inserire sul lato aperto uno spaghetto in modo da aprirlo e chiuderlo tirandolo.

68

Ed ecco che lo scaldino è pronto! Perché sia veramente eco-compatibile non sprechiamo ulteriore energia in casa: appoggiamolo sui termosifoni, sulla stufa o nel forno se è già stato acceso per cucinare; una volta caldo mettiamolo sul collo, sulla pancia, sulle ginocchia, sui piedi o nel letto. Se abbiamo tanto freddo possiamo anche inserirlo nel microonde per pochi secondi e si scalderà in men che non si dica! Piccola curiosità: un tempo era usanza in alcuni paesi del Nord Italia regalare uno scaldino fatto di stoffa e noccioli di ciliegia ad ogni bambino che nasceva in una famiglia. Lo scaldino messo nel letto del bimbo lo aiutava a prendere sonno e lo scaldava durante le fredde notti d'inverno.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare una ghirlanda di uva e ciliegie

Una ghirlanda di uva e ciliegie potrebbe essere un buon modo per ornare una tavola imbandita o semplicemente abbellirla nelle occasioni quotidiane casalinghe. Il tutto può essere anche più gradevole ed apprezzato se la ghirlanda può essere realizzata...
Bricolage

Come riutilizzare i noccioli della frutta estiva

Sulla tavole italiane è possibile portare dei buonissimi frutti in ogni periodo dell'anno, ma nella stagione estiva la varietà di frutta aumenta; inoltre con il caldo, è certamente molto facile avvertire l'esigenza di gustarne notevoli quantità. Ecco...
Bricolage

Come giocare ai Cinque Noccioli

Al giorno d'oggi, siamo ormai abituai a comprare ai nostri figli o nipoti, moltissimi giocattoli di ogni tipo, in modo che possano divertirsi ed in alcuni casi apprendere qualcosa. Tuttavia la maggior parte di questi giochi risulta essere molto costosa...
Bricolage

Come decorare un bollitore di metallo con le ciliegie con il decoupage

Il decoupage è una tecnica decorativa ed artistica, ancora molto in voga soprattutto tra gli amanti del "fai da te". Basta avere dei ritagli di carta, della colla e molta creatività. Per fare il decoupage non servono particolari doti artistiche, solo...
Bricolage

Come realizzare la tecnica batik

Lo scopo di questa guida è spiegare l'utilizzo di un antica tecnica orientale con la quale è possibile colorare tessuti e altri materiali come, per esempio, il lego: la tecnica Batik. La cera è il materiale più comunemente utilizzato per realizzare...
Bricolage

Come realizzare una lumaca tigrata

Per donare un tocco esotico alla vostra abitazione potreste Realizzare Una Lumaca Tigrata, da abbinare ad ulteriori arredi animalier. Sono molteplici i materiali che si potrebbero impiegare, ma i più raccomandati sono quelli di facile lavorazione come...
Bricolage

Come realizzare barattoli fruttati

La cucina si abbellisce di stoviglie ed accessori ma talvolta il fai da te è in grado di dar vita ad oggetti molto creativi e decorativi come ad esempio i barattoli di vetro decorati. La decorazione del vetro può avvalersi di varie tecniche tra esse...
Bricolage

Come realizzare un tavolo in bambù

Il bambù è un materiale che viene utilizzato per costruire complementi utili per la casa. Ma, spesso viene impiegato come prodotto di costruzione ecosostenibile. Tanto che, gli amanti del fai da te ne fanno uso per realizzare mobili e accessori. In...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.