come realizzare uno stendardo personalizzato

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Uno stendardo è una sorta di stemma da usare per determinate circostanze, quindi per commemorare santi o anche associazioni culturali, e veniva usato molto già nel Medio Evo dai reggimenti di soldati. In merito a ciò, ecco una guida in cui con pochi e semplici passaggi, vi spieghiamo come realizzare uno stendardo personalizzato.

26

Occorrente

  • Stoffa bianca da ricamo
  • Matassine da ricamo colorate
  • Cordoncino colorato
  • Colla
  • Bacchetta sottile di legno o plastica
36

Iniziate la realizzazione del vostro stendardo, acquistando in una merceria della stoffa adatta per confezionare bandiere, generalmente di raso, oppure potete anche utilizzare un lenzuolo di lino in disuso. Le forme degli stendardi nella maggior parte dei casi sono rettangolari, ma molti avevano anche dei tagli conici ai lati. Noi ci occupiamo invece della realizzazione del primo tipo.

46

Prendete quindi la stoffa bianca e ritagliate un rettangolo 40 cm x 50 cm. La misura dello stendardo sarà questa: le due basi 40 cm e i due lati 50 cm. Imbastite un orlo sulla base alta, con uno spessore largo, in modo da poter far passare la bacchetta di legno. Se non possedete nessuna bacchetta di legno potete utilizzarne anche una in plastica. Trasferite con la carta carbone tutti i disegni e le scritte che avete scelto per ricamarli sullo stendardo. Se volete inserire la data di nascita e il nome del bambino, ricamate in maniera sparsa dei soggetti di cuccioli o personaggi dei cartoni classici. Utilizzate punti semplici, come il punto scritto o il punto erba, che nel ricamo di lettere e nomi sono molto indicati. Utilizzate anche matasse da ricamo colorate, prendendo due fili per ciascuna gugliata. Quando il ricamo sarà completato, iniziate a cucire a macchina l'orlo in alto, e poi fate un piccolo orlo anche in basso.

Continua la lettura
56

A questo punto introducete l'asta dentro l'apposito orlo che avete realizzato precedentemente sulla parte alta dello stendardo. Poi sulle due estremità dell'asta stessa (che devono fuoriuscire dalla stoffa), applicate un cordoncino attorcigliandolo in modo che partendo dall'alto si dirige verso il basso. A questo punto lo stendardo personalizzato può dirsi completato, e se intendete aggiungere altre figure, allora potete in alternativa al suddetto ricamo acquistare in merceria degli stemmi in stoffa o in feltro da cucire e la stessa cosa dicasi se preferite delle stellette oppure dei fregi dell'aviazione, dell'esercito o della marina, che in tal caso potrete trovare facilmente nei negozi che vendono proprio forniture militari, oppure acquistandoli su specifici siti web.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come realizzare un copripiumino personalizzato

Il copripiumino svolge anche la funzione di copriletto. Dal momento che una fodera del piumino costa molto meno del piumino vero e proprio, potrai permetterti di creare diversi coordinati e di cambiare gli arredi della camera da letto in base all'umore...
Cucito

Come creare uno schema personalizzato per lavorarlo a punto croce

Il punto croce rappresenta una tecnica di ricamo su tela o lino, a trama regolare o larga. La sua particolarità risiede nel fatto che i fili devono risultare ben visibili da chi li osserva, per poter individuare delle piccole aree quadrate. Su di esse...
Cucito

Come fare un polsino personalizzato

Avete un look sportivo e sbarazzino e non vi piace la classica bigiotteria perché magari ha un'aria troppo elegante che non rispecchia la vostra personalità? Se amate i gioielli alternativi e vi piace farvi notare, leggete questa bellissima guida dove...
Cucito

Come realizzare un capoculla

Se si è sul punto di partorire un bambino si può accoglierlo con qualcosa di simbolico ed al tempo stesso beneaugurante. L'ideale è un capoculla, cioè una composizione di tessuti vari con nome e ricco di colori. Rosa se è una femminuccia, celeste...
Cucito

Come realizzare un corredo a punto croce

Il corredo è quell'insieme di indumenti e accessori indispensabili per intraprendere una nuova situazione, sia essa un matrimonio, una nascita o un viaggio. Ogni corredo si compone di pezzi che, a seconda dei casi possono essere acquistati, oppure realizzati...
Cucito

Come realizzare uno scialle ai ferri

Lo scialle viene considerato da sempre uno tra gli indumenti femminili per eccellenza. Oggi in commercio ne esistono di svariati tipi, forme, misure, colori e materiali. Se avete la passione per la maglia e volete realizzare con le vostre mani uno scialle...
Cucito

Come realizzare una gonna in tulle

Se in casa ci sono delle bambine quasi sicuramente capiterà l'occasione in cui dovranno indossare una gonna in tulle, che sia in occasione di una recita scolastica oppure di una festività come il Carnevale. In questo caso la soluzione ideale sarebbe...
Cucito

Come realizzare un pullover con il collo a polo

Oggi il fai da te è un'arte che appassiona un numero sempre crescente di persone. Realizzare qualcosa con le proprio mani, ad esempio un pullover, rappresenta un modo divertente per avere un capo su misura e personalizzato. A tal proposito, nella seguente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.