Come recuperare lo smalto sbeccato di un oggetto antico

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

C'è chi lo ricorda per averlo notato in vecchi film, chi lo ha trovato nella credenza dei nonni, e chi ne va a caccia per i mercatini dell'antiquariato: è il bellissimo oggetto in latta smaltata che una volta era diffusissimo. Brocche, barattoli, bacinelle, oggigiorno sono vere rarità e, talvolta, necessitano di piccoli interventi. In questa guida illustrerò come recuperare lo smalto sbeccato di un oggetto antico: continuate a leggere per scoprire come fare!

25

La prima operazione che dovrete effettuare consistente nel recuperare tutti i vostri oggetti di latta smaltata che necessitano di una piccola restaurazione, quindi procedete pulendo con delicatezza e con particolare dovizia l'intera superficie su cui opererete mediante un panno di lana morbida. La rimozione di ogni particella di polvere e sporco è essenziale affinché i prodotti, che applicherete nella fase successiva, facciano presa e diano un effetto credibile. Dopo che avrete pulito la superficie, carteggiate laddove lo smalto si è staccato e, impiegando della carta abrasiva a grana fine, eliminate lo strato di ruggine che si è formato nel corso degli anni.

35

Successivamente, adoperando un pennello di piccole dimensioni e dalla punta piatta, stendete una mano di primer aggrappante per metalli (servirà per consentire alla pittura di aderire perfettamente). Ora passate ancora una mano di vernice a smalto bianca, cercando una gradazione di bianco più vicina possibile a quella del vostro antico oggetto sbeccato (ricordate che, tra una mano e l'altra, devono passare almeno 2 o 3 tre ore affinché la vernice si asciughi perfettamente), poi levigate delicatamente con la carta abrasiva a grana finissima per eliminare qualsiasi dislivello. In seguito, di strato in strato, procedete passando il primer, lo smalto e la carta vetrata. L'obiettivo finale è quello di raggiungere lo spessore necessario a colmare la sbeccatura. Raggiunto il giusto livello, date un'ultima mano di bianco e avrete terminato.

Continua la lettura
45

Un piccolo suggerimento: il metodo illustrato nei passi precedenti dovrà essere applicato unicamente su una superficie di smalto sbeccata pdi piccole dimensioni, infatti se vi fossero grosse parti mancanti il risultato non sarà dei migliori e dovrete ricorrere all'aiuto di un professionista. I vostri oggetti di latta smaltata sono ritornati nuovi e affascinanti come se il tempo non fosse mai passato. Il restauro di un antico oggetto è certamente un simpatico passatempo che vi darà grosse soddisfazioni, inoltre vi consentirà di rinnovare la vostra abitazione e recuperare tanti piccoli oggetti ormai introvabili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Realizzare Patine Oro Antico E Rame

Non è un compito molto difficile ma con la nostra guida sicuramente riuscirete ad imparare come realizzare patine oro antico e rame. Se desideriamo conferire ad un oggetto l'aspetto antico, possiamo tentare di realizzare patine oro antico e rame, dando...
Bricolage

Come Spruzzare Lo Smalto Sulle Opere Di Ceramica

La ceramica è disponibile in commercio in tutti i tipi di forme e dimensioni, è un materiale refrattario, che viene realizzato anche mescolando l'argilla e altri materiali naturali e viene cotta in forno a temperature molto elevate. La maggior parte...
Bricolage

Come pitturare un oggetto metallico

Quante volte ci sarà capitato di dover pitturare la ringhiera, il cancello o anche piccoli oggetti in metallo della nostra casa e, abbiamo rinunciato a dedicarci, perché non sapevamo come fare e, quale materiale impiegare per questo tipo di lavoro....
Bricolage

Come capire se un dipinto antico ha subito restauri

Le modifiche significative, nell'arte, possono compromettere il valore di un'opera e, proprio per questo, quando si ha intenzione di maneggiare un manufatto antico e di valore, bisogna prestare particolare attenzione e capire se ha subito restauri. Per...
Bricolage

Come Realizzare Lo Smalto Vetroso Per La Ceramica

La lavorazione della ceramica è una delle attività artigianali più antiche. L'uomo preistorico lavorava l'argilla, uno dei suoi componenti, per la realizzazione di recipienti da cottura o vasellame. Nel tempo la lavorazione ha avuto diverse evoluzioni....
Bricolage

Come conferire un effetto antico alle stampe

Molti professionisti amano appendere alle pareti molte vecchie stampe; capita spesso, infatti, di vederle abbellire gli studi professionali e, grazie al loro effetto, di creare un ambiente d'altri tempi. Particolarmente adatte ad essere rappresentate...
Bricolage

Come creare un oggetto di cartapesta

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di perdere molto tempo per la ricerca di un oggetto unico e particolare da regalare ad un amico o parente o per noi stessi e dopo tanto tempo per la ricerca, il suo costo è risultato molto elevato. In...
Bricolage

Come realizzare un oggetto antistress

Quando si parla di stress e nervosismo chi di noi non ha mai impugnato un oggetto e ha iniziato a farlo roteare nelle mani? Gli oggetti più disparati vengono sovente usati: penne, temperini, matite temperate fino all'inverosimile... Perché non realizzare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.