come recuperare qualcosa nello scarico del lavandino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Sarà capitato un po a tutti che, un oggetto sia andato a finire accidentalmente nello scarico del lavandino. Tante sono le ragioni affinché possa verificarsi questo tipo d'incidente, le più probabili: quando abbiamo troppa fretta o perché non abbiamo usato le dovute precauzioni, cioè quella di chiudere il tappo del lavandino. Tuttavia, recuperare l'oggetto non è un'impresa ardua, in quanto il lavandino nella parte sottostante è dotato di un sifone dove l'oggetto, generalmente viene bloccato. Ed è proprio nel sifone che dobbiamo intervenire. Muniamoci degli utensili più consoni e, leggiamo gli utili suggerimenti contenuti nei passi di questa guida su come recuperare qualcosa nello scarico del lavandino.

27

Occorrente

  • chiave inglese regolabile
  • pappagallo
  • bacinella
37

Innanzitutto, il momento in cui malauguratamente cade l'oggetto nello scarico del lavandino, la prima cosa che dobbiamo fare è quella di interrompere immediatamente il flusso d'acqua. In questo modo evitiamo che essa possa spingere l'oggetto e, che venga trascinato via irrimediabilmente. Nel caso si verificasse questa situazione non avremmo nessuna possibilità di recupero. Infatti, con l'interruzione del flusso d'acqua l'oggetto resterà sicuramente nel sifone. Ricordiamo che in commercio ci sono due tipi di sifoni.

47

Il sifone a forma di bicchiere e il sifone ad forma di U; essi hanno entrambi la medesima funzione, cioè quella di raccogliere i detriti che scendono dal lavandino. È proprio in questo posto che noi dobbiamo riporre le nostre speranze per il recupero dell'oggetto. La prima cosa da fare è procurarci una bacinella che, dobbiamo collocare sotto il sifone. Questa operazione ci consente di contenere le perdite e quindi evitare di sporcare il pavimento. In seguito, mediante l'utilizzo della valvola di spurgo dobbiamo far scendere le acque reflue che, generalmente, si accumulano nel sifone. Ora è il momento di utilizzare la chiave inglese o il pappagallo in modo da svitare energicamente i due rapporti:.

Continua la lettura
57

Quando effettueremo l'operazione di smontaggio prestiamo la massima attenzione alla posizione delle guarnizioni. Ciò per il semplice motivo che, successivamente, in fase di rimontaggio, per evitare eventuali perdite, le guarnizione devono essere riposizionate esattamente come stavano prima dello smontaggio. Al termine di questa parte del lavoro, il sifone a bicchiere lo possiamo tranquillamente svitare con le mani; adesso è possibile fare lo svuotamento. Se, invece, il lavandino ha un sifone a forma di U, occorre semplicemente svuotare il suo contenuto all'interno della bacinella. Giunti a questo punto, con un po' di fortuna, possiamo ritrovare il nostro oggetto perduto.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come sbloccare lo scarico del lavandino

Quando un lavandino è bloccato e proprio non si riesce a liberarlo dall'intasamento nonostante le continue pressioni con la ventosa conviene chiamare un idraulico che venga a ripararlo. Tuttavia, con l'attuale crisi economica, risparmiare un po' di denaro...
Casa

Come sturare il lavandino con metodi naturali

Vi sarà sicuramente capitato, una o più volte, di ritrovarvi con lo scarico del lavandino intasato.Si tratta di un problema molto comune, che si verifica in tutte le case.  Ed ecco che vi sarete ritrovati alle prese con mille metodi per risolvere la...
Casa

Come stappare il lavandino della cucina

Il lavandino della cucina è uno degli elementi di essa che ci creano più problemi in assoluto.Lo sporco rilasciato dalle varie pentole o dai vari piatti spesso e volentieri va ad otturare le vie di scarico del nostro lavandino.Cosi facendo il lavabo...
Casa

Come sturare il lavandino o il lavello

Senti un odore molto sgradevole in bagno o in cucina e non ne conosci la causa? I depositi di grasso, sapone o sporco bloccano il drenaggio e c'è un intasamento nei tubi di scarico. Può succedere che il tubo di scarico di un lavandino o lavello si otturi....
Casa

Come sturare un lavandino

Un lavandino intasato è una situazione abbastanza comune che può divenire problematica se non risolta in tempo. Con l'uso quotidiano, i detriti lentamente si accumulano nei tubi di scarico del lavello arrivando ad intasare il lavandino. La prima cosa...
Casa

Come sturare il lavandino

Ad intasare lo scarico del lavandino possono essere: residui di cibo, pezzetti di verdure, grassi vari, capelli, cellule morte e tanto altro ancora. Prima di chiamare l'idraulico e spendere un sacco di soldi, possiamo provare noi stessi a sturare le tubature,...
Casa

Come cambiare un lavandino

Se il vostro lavandino si sfortunatamente rotto, potete cambiarlo con le vostre mani, magari con uno a due vasche. È più facile di quanto pensiate e non è affatto necessario chiamare alcun artigiano. Per la messa in opera non ci vogliono specifici...
Casa

Come sbloccare lo scarico della cucina

Quando si lavoro in cucina, specie quando si preparare qualcosa di gustoso, il più delle volte ci si dimentica di quello che si deve fare per ripulire tutto l'occorrente utilizzato. Infatti la pulizia delle proprie stoviglie purtroppo è un ingrato compito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.