Come regolare il cavo della frizione

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Tutti gli automobilisti più prudenti e saggi sanno come sia molto importante il buon funzionamento della propria auto al fine di evitare rotture durante i viaggi. Durante le revisioni annuali vengono infatti controllate tutte le parti che possono usurarsi per via del frequente utilizzo della vettura, come ad esempio i freni e la frizione. Se quest'ultima non funziona correttamente, non sarà possibile ingranare bene le marce o, peggio ancora, potremmo rischiare che, dopo aver spinto il pedale, questo non ritorni indietro perché inceppato. Come evitare questi brutti imprevisti? La frizione ha bisogno di essere regolata in modo che spingendo il pedale a vuoto, ossia senza che il motore sia acceso, essa torni da sola al punto di partenza nel più breve tempo possibile. A volte questo non accade, causa un evidente mal funzionamento dell'interno comparto della frizione. Se non è periodo di revisione e vediamo che la frizione non funziona correttamente, è preferibile provare a regolare immediatamente il cavo. In questa guida vi illustreremo come regolare questo importante elemento della frizione, senza recare danno all'auto e utilizzando sempre il massimo della prudenza.

27

Occorrente

  • Chiavi
  • Pinze
  • Riga calibrata per misurazioni
  • Carrello da meccanico
  • Cric
  • Cavalletto di sostegno
37

Osservate la lunghezza del cavo

La corsa a vuoto è un elemento che dovremmo verificare ad ogni tagliando. Ma a prescindere da ciò, dovremo sempre controllarla al primo segnale di problemi. Se proprio non ne capiamo niente di macchine e rischiamo di far più danni che altro, rivolgiamoci ad un buon meccanico. Se invece pensiamo di saperne abbastanza da poter intervenire senza ulteriori aiuti, potremmo anche occuparcene di persona. In questo modo, risparmieremo anche qualche soldo. Mettiamoci dunque all'opera. La posizione del dispositivo di regolazione può cambiare da modello a modello. Il più delle volte lo troviamo all'estremità del cavo di comando: esso è composto da un dado provvisto anche di un controdado. Per non sbagliare, verifichiamo sempre le specifiche sul manuale della nostra vettura. Una frizione che si disinnesca in modo ottimale, ha il cavo che non deve essere troppo lungo e neanche troppo corto, altrimenti la farebbe slittare. Osserviamo dunque la lunghezza del cavo sotto l'auto, con l'uso di un carrello da meccanico e dopo aver sollevato la macchina con dei crick.

47

Effettuate le misurazioni

Una volta individuato il dispositivo di regolazione, procediamo misurando la corsa della leva, dal punto in cui ha origine al punto in cui entra in contatto con la frizione. Dopo le rilevazioni dovremo spingere la leva finché non si fermerà. Per essere sicuri delle condizioni, procediamo con una seconda misurazione, poi sottraiamo il nuovo risultato al primo in modo da avere una misura più precisa. Facciamo un confronto diretto coi valori presenti sul manuale dell'auto. L'ideale è ottenere la stessa cifra che si trova sul manuale. Se i valori che abbiamo ottenuto sono abbastanza diversi da quelli di riferimento, allentiamo il controdado immobilizzando il dado. Serviamoci di due chiavi della giusta misura. Ruotiamo il dado per allungare o accorciare la corsa a vuoto, fino a trovare la giusta posizione. Siamo dunque giunti al termine del nostro lavoro. Ancora un piccolo sforzo, prima di avere un cavo della frizione teso in modo ottimale. Vediamo come procedere.

Continua la lettura
57

Fissate la giusta tensione del cavo

Se si trova nella giusta posizione, non ci resta che fermare il controdado e azionare più volte il pedale della frizione. Questa operazione ci servirà per verificare che il cavo abbia raggiunto la giusta tensione. Se dovessimo notare ulteriori anomalie, possiamo ripetere i procedimenti precedenti effettuando nuove misurazioni e regolazioni fino ad arrivare ai valori prestabiliti per il nostro modello di auto. Dopo aver terminato la regolazione, sarà opportuno effettuare una prova su strada della vettura. Durante la guida, provate più volte la frizione, alzandola ed abbassandola durante l'inserimento delle varie marce. Valutate che il pedale termini il suo movimento fino in fondo e che questo non presenti delle resistenze, quando azionato dal vostro piede. Valutate inoltre la possibilità di oliare il meccanismo del pedale, per un movimento ancor più fluido ed ottimale. Ripetete questa prova su vari tipologie di percorso, per assicurarvi che tutto funzioni per il meglio. Regolare il cavo della frizione, così come altre parti meccaniche, richiede esperienza. Se non ci sentiamo troppo sicuri rivolgiamoci ad un meccanico professionista. Non dimentichiamo, inoltre, di sottoporre a revisione periodica e obbligatoria l'intera vettura.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dopo aver regolato il cavo della frizione, procedete sempre a una prova su strada
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come dimensionare la sezione di un cavo elettrico

Un cavo elettrico tipico contiene un filo che è spesso avvolto da un rivestimento esterno. La larghezza del filo determina il carico che può reggere in modo sicuro. Gli ispettori misurano i diametri dei fili per accertarsi che siano sicuri per l'uso...
Materiali e Attrezzi

Come cambiare il cavo del freno della bicicletta

La bicicletta tra le tante funzionalità ha ovviamente un impianto frenante, che si compone di un cavo che viene teso nel momento stesso che si aziona l'apposita pinza situata sul manubrio. Spesso capita tuttavia che bisogna sostituirlo in quanto si...
Materiali e Attrezzi

Come sdoppiare il cavo ethernet

Con l'era della connessione e del sistema di internet ormai si è diventati autonomi anche nell'ingegneria informatica, almeno per piccoli utilizzi domestici e di lavoro. Il sistema di connessione ad internet è ormai "obbligatorio" in tutte le unità...
Materiali e Attrezzi

Come sdoppiare il cavo della parabola

La parabola in casa è oggigiorno un'attrezzatura indispensabile per poter aumentare l'offerta di canali televisivi e magari per poter vedere anche buona parte dei programmi trasmessi dai Paesi stranieri. Se in una casa sono presenti più apparecchi televisivi...
Materiali e Attrezzi

Come sdoppiare un cavo elettrico

I cavi sono dei componenti essenziali per un circuito elettrico, insieme alla resistenza ed al generatore di elettricità, se venisse a mancare soltanto uno di tali elementi, il circuito non funzionerebbe. Il compito dei cavi è quello di trasportare...
Materiali e Attrezzi

Come regolare la saldatrice a filo

Al giorno d'oggi, esistono tantissime tipologie di saldature, e vanno dalle saldature più classiche a quelle più articolate. Abbiamo quelle classiche come la ossiacetilenica, o ad elettrodo rivestito. Oppure quelle più complesse, come quella a laser...
Materiali e Attrezzi

Come riparare un cavo jack audio

Ascoltare la nostra musica preferita è diventato ormai una forma di rilassamento, un modo come un altro per staccare la spina e goderci in santa pace momenti di assoluta tranquillità. Alzarsi alla mattina e cercare il nostro affidato apparecchio ed...
Materiali e Attrezzi

Come regolare una sedia per ufficio

Ci sono persone che riescono a stare comodamente sedute persino su una panca di legno o su un gradino di cemento e, se devono riposarsi un poco, può andare bene anche un semplice sgabello. Ma quando si lavora in ufficio, rimanendo diverse ore fermi su...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.