Come regolare un chiudiporta pneumatico

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per chiudere la porta d'ingresso del nostro giardino o di un negozio, è importante sapere che l'apparecchio preposto chiamato chiudiporta pneumatico, serve per regolare la taratura di fabbrica, quindi si può aumentare o diminuire la velocità di chiusura della porta, e nel contempo farla rallentare in prossimità della serratura. Se il chiudiporta si presenta con uno o più difetti, è possibile dunque intervenire, agendo su dei punti in particolare. A tale proposito nei passi successivi di questa guida, vediamo come procedere per massimizzare il risultato.

26

Occorrente

  • Chiave a brugola
  • Cacciavite
36

Se il chiudiporta in oggetto è del tipo tradizionale come ad esempio quello ben visibile nella foto, per ottimizzare il risultato che ci siamo prefissati, abbiamo la possibilità di agire su due punti ben precisi. Nello specifico possiamo distanziare il braccetto collegato al battente della porta, dal bussolotto contenente una molla in acciaio. Anche questa parte, può tuttavia essere sottoposta a regolazione, creando una maggiore tensione.

46

Il braccetto di cui si compone un chiudiporta, è collegato a un altro che fuoriesce dal bussolotto contenente la molla in tensione, e per regolarlo è sufficiente allentare o stringere l'apposito dado in modo da accorciare o ampliare il raggio d'azione, e quindi di conseguenza stabilire la giusta velocità di chiusura. Ovviamente si tratta di un margine minimo, che consente una traslazione del braccetto stesso di circa 2 centimetri, per cui se la porta è molto larga e pesante, allora l'angolo deve essere ampio, il che significa spostare verso il centro della porta stessa il braccetto. Una chiave a brugola avente il medesimo diametro del dado, è sufficiente per effettuare questa regolazione gradualmente.

Continua la lettura
56

Un tantino più complessa, è la regolazione della tensione della molla in acciaio contenuta all'interno del bussolotto; infatti, se ciò si rende necessario perché magari la porta si chiude con troppa violenza anzichè dolcemente, allora bisogna agire come segue. Per prima cosa è necessario svitare il braccetto ad esso collegato, dopodichè con un cacciavite basta rimuovere i fermi del coperchio, in modo da accedere alla molla che possiamo avvolgere in un secondo dentino interno che funge da gancio. Tuttavia possiamo anche sostituirla del tutto, con una di tipo più sottile e di conseguenza con meno tensione. Questa operazione che riguarda la regolazione della molla di spinta del chiudiporta, va ovviamente eseguita prima di quella dei braccetti, per evitare poi di doverli tarare di nuovo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Una volta aperto il bussolotto, conviene lubrificare ex-novo la molla

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come scegliere un martello pneumatico

Il martello pneumatico è lo strumento idoneo a demolire e perforare superfici in cemento. La scelta del modello è molto soggettiva, in quanto dipende dal tipo di uso che se ne deve fare e dalle condizioni di lavoro. In commercio si trovano dai modelli...
Materiali e Attrezzi

Come regolare una sedia per ufficio

Ci sono persone che riescono a stare comodamente sedute persino su una panca di legno o su un gradino di cemento e, se devono riposarsi un poco, può andare bene anche un semplice sgabello. Ma quando si lavora in ufficio, rimanendo diverse ore fermi su...
Materiali e Attrezzi

Come regolare la pendenza dei pluviali

L'acqua piovana, negli edifici, viene fatta defluire, mediante la giusta pendenza del solaio, o della grondaia, nei canali di scolo e nei tubi pluviali verticali. Spesso, a causa di calcoli erronei nella pendenza del solaio o di un tetto a falda, può...
Materiali e Attrezzi

Come regolare la pendenza di una grondaia

Avere una grondaia funzionante è essenziale per proteggere la tua casa da scantinati allagati, erosione del suolo e altri problemi causati dal deflusso delle acque nella direzione sbagliata, a volte possono sorgere anche gravi problemi strutturali....
Materiali e Attrezzi

Come regolare la saldatrice a filo

Al giorno d'oggi, esistono tantissime tipologie di saldature, e vanno dalle saldature più classiche a quelle più articolate. Abbiamo quelle classiche come la ossiacetilenica, o ad elettrodo rivestito. Oppure quelle più complesse, come quella a laser...
Materiali e Attrezzi

Come regolare i cardini della porta blindata

Quelle blindate sono delle porte speciali che vengono montate per una maggiore protezione contro eventuali intrusioni in casa. Sul mercato è possibile trovare porte blindate di ogni genere: esse si adattano a qualsiasi tipo di ambiente per cui possono...
Materiali e Attrezzi

Come regolare l'aratro bivomere

Il più importante attrezzo agricolo è l'Aratro. La macchina serve a rimescolare il terreno e a frantumare le zolle. Questo strumento ha contribuito allo sviluppo della civiltà e ha origini antichissime. Inizialmente, esso consisteva di due semplici...
Materiali e Attrezzi

Come regolare un'autoclave

L'autoclave è un impianto di regolazione di pressione, spesso usato per modulare la pressione dell'acqua nel suo passaggio dalla rete idrica al circuito idrico degli edifici in genere.Una autoclave è dunque costituita da un serbatoio di immagazzinamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.