Come rendere il terreno acido

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Alcuni alberi e arbusti il più delle volte necessitano di un terreno con un PH acido, ossia al di sotto di 7.0, altrimenti si svilupperebbero con un eccesso di clorosi ferrica. Per esempio, se intendete coltivare la betulla, i mirtilli, le azalee e i rododendri, sappiate che, anche se prolificano ugualmente, modificando il PH del terreno, è possibile renderlo ideale ed ottenere una resa migliore. Vediamo insieme attraverso gli utili suggerimenti di questa guida come rendere il terreno acido.

26

Occorrente

  • provette con liquidi catalizzatori
  • solfato di alluminio
  • solfato di ferro
  • letame decomposto
  • torba
  • zolfo
36

Procurarsi le provette con dei liquidi catalizzatori

Innanzitutto, al fine di calcolare la quantità di terreno da modificare, è fondamentale conoscere lo stato attuale del PH. A tale scopo, in commercio esistono delle provette con dei liquidi catalizzatori o le cosiddette cartine di tornasole. Sicuramente sono facilmente reperibile presso dei vivai oppure in un centro di botanica specializzato. Una volta conosciuto l'esatto valore, regolatevi di conseguenza per portarlo al valore ideale che, come accennato in fase introduttiva deve essere inferiore a 7.0. Dopo questa importante introduzione, ecco adesso le modifiche più comuni che è possibile fare sul terreno per renderlo più acido.

46

Aggiungere il solfato di alluminio in base a determinati ettari

Il primo metodo consiste nell'aggiungere il solfato di alluminio che, andrà aggiunto in base a determinati ettari. Le proporzioni sono in genere riportate sulla confezione, anche se l'ideale è farsi consigliare da un esperto del settore per stabilirne il giusto dosaggio. Un'altra modifica da effettuare nel suolo, in grado di renderlo più acido, è l'utilizzo del solfato di ferro che come l'alluminio va mescolato insieme ad un buon quantitativo di torba sminuzzata, così da ottenere un ottimo drenaggio del terreno e, consentire al sottosuolo di riceverne il giusto dosaggio gradualmente. La torba in questo caso deve essere piuttosto acida, per cui il letame decomposto è indicato.

Continua la lettura
56

Unire al terreno dello zolfo

Molto importante è inoltre interrare la torba almeno a venti o trenta centimetri di profondità, e successivamente inserire del terriccio fresco con l'aggiunta di altra torba affinché possa costituire un mantello protettivo nel terreno con le sostanze inserite. Una volta stabilizzato il suolo, sul valore ideale del PH inferiore a 7.0 prima della coltivazione effettiva (almeno un anni prima), va inoltre aggiunto al terreno dello zolfo, che è possibile versare in polvere o mediante nebulizzazione mista all'irrigazione di routine, che in assoluto è da considerare la migliore tecnica, in modo preservare a lungo il grado di acidità ottenuto, con le suddette tecniche di pacciamatura e concimazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le proporzioni sono in genere riportate sulla confezione, anche se l'ideale è farsi consigliare da un esperto del settore per stabilirne il giusto dosaggio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come ravvivare il terreno del nostro giardino

Chi ha la fortuna di possedere un giardino, si sarà accorto che con l'alternarsi delle stagioni e con il passare degli anni il terreno perde molte delle sostanze nutritive in esso contenute, che portano ad un minore resa dello stesso. In questa una guida,...
Giardinaggio

Come riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo

Chi possiede un piccolo o grande giardino sa bene quanto sia importante possedere le giuste conoscenze e competenze al fine di dare il giusto benessere alle piante che coltiva. L'elemento principale, senza il quale evidentemente le piante non potrebbero...
Giardinaggio

Come concimare il terreno in maniera corretta

La concimazione del terreno è una pratica eseguita ciclicamente per rendere la terra più produttiva e favorire la crescita sana e rigogliosa delle piante. Proprio come noi necessitiamo di cibo, anche la pianta ha bisogno di nutrimento: altrimenti avrà...
Giardinaggio

Come livellare il terreno

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se il terreno è relativamente livellato, degrada più lentamente e non occorre poi livellare eventuali strutture che verranno...
Giardinaggio

Come lavorare il terreno

Come saprete, il terreno prima di poter essere utilizzato per qualsivoglia coltivazione, ha bisogno di essere lavorato e preparato per accogliere semi o piante. L'obiettivo di questa guida sarà quello di illustrarvi i principali sistemi di lavorazione...
Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
Giardinaggio

Come Arare Il Terreno

Arare un terreno potrebbe sembrare un lavoro da poco, ma chi lo fa da anni sa bene che invece è necessaria molta pazienza e bravura per ottenere degli ottimi risultati e fare in modo che il terreno diventi adatto per la semina. Da secoli gli uomini hanno...
Giardinaggio

Come preparare il terreno per un tappeto erboso

Volete ottenere il prato dei vostri sogni? Niente paura, questa guida fa certamente al caso vostro! Infatti, con pochi e semplici passaggi ma soprattutto con i miei infallibili consigli, vi spiegherò nella maniera più chiara e comprensibile possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.