Come restaurare mobili intarsiati

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'intarsio del legno è una tecnica di lavorazione antica e rappresenta il top della lavorazione. Si tratta di un lavoro paziente che richiede abilità e conoscenza del settore, soprattutto quando si deve intervenire per restauri su mobili antichi. Nella seguente guida presenteremo due metodi su come restaurare correttamente i mobili intarsiati.

27

Occorrente

  • Filetti e tasselli di legno
  • Filetti di ottone
  • Limette per legno e per metalli
  • Carta e tela abrasiva
  • Collante (collaprene)
  • Scalpellini per intarsio
37

Le due tecniche per l'intarsio del legno

Ci sono due diverse tecniche per l'intarsio del legno. La prima è quella che prevede l'incastonatura di listelli e tasselli dello stesso materiale, che vanno poi lavorati con attrezzi specifici e carta abrasiva in modo da abbassarli e portarli a livello del piano di appoggio. La seconda è quella con i filetti di ottone, particolarmente diffusa nei mobili antichi di ebano dove l'applicazione contrasta in modo eccellente con il fondo nero, facendone risaltare il colore dorato.

47

Il primo metodo: incollaggio dei pezzetti di legno o dei filetti mancanti

Inserite i pezzetti di legno o i filetti mancanti, cercando di sagomarli preventivamente il più possibile. Se ciò non è fattibile si è costretti a rimodellare l'intera struttura visto che per portarli a livello bisogna carteggiarli e abbassarli. Se l'intervento è di questo tipo, dopo aver riempito di nuovo gli spazi mancanti, e a seguito del relativo carteggio della superficie, occorre riprendere la finitura originale a cera o a tampone.
Il problema subentra tuttavia quando uno di questi filetti manca del tutto. In questo caso ci si può recare in un negozio di ferramenta e acquistare del filo di ottone della stessa misura della calettatura dell'intarsio e posizionarlo accuratamente dove manca. Il procedimento di incollaggio è uguale al caso precedente, ma in aggiunta bisogna utilizzare limette per metalli e tela abrasiva per riportarlo in piano con conseguente ritocco finale della superficie con i prodotti con cui in origine è stato lucidato.

Continua la lettura
57

Il secondo metodo: levigatura con la carta vetrata e successiva verniciatura

In alternativa per restaurare i mobili intarsiati prendete la carta vetrata e lavorate sul legno livellando la superficie. Quando risulterà liscia e ben levigata passate una mano di vernice lucida e lasciatela asciugare per circa sei ore. Con un pennellino sottile lavorate le parti intagliate con la stessa vernice del mobile in questione. Continuate a restaurare lentamente in tutte le sezioni. Lasciate asciugare perfettamente la vernice per circa sei ore. Dopodiché passate un fissante lucido e lasciate asciugare per sei ore. Infine passate un'altra mano di fissante e la lacca per impostare il restauro. Lasciate trascorrere altre sei ore prima di toccare il mobile.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come restaurare una cassettiera

Avete trovato dei vecchi complementi d'arredo in soffitta o magari presso un mercatino dell'usato? Perché non approfittarne per ridare loro una nuova vita cercando di recuperarne l'antico fascino? Nei prossimi passi vi spiegheremo come restaurare una...
Altri Hobby

Come restaurare una cassapanca

L'arte del restauro consiste in un lavoro accurato per il recupero, il ripristino e la conservazione di opere d'arte, monumenti, manufatti, dipinti ed architetture. Con il passare del tempo sia gli affreschi delle chiese che i monumenti esposti alle intemperie...
Altri Hobby

Come restaurare delle foto antiche

Se siamo amanti della fotografia e ci piace collezionare quelle antiche, possiamo restaurarle in diversi modi, utilizzando alcuni dei programmi disponibili sul web per il computer. Tuttavia, esistono dei metodi artigianali, che consentono il restauro...
Altri Hobby

Come decorare i mobili con gli stencil

Avete qualche mobile vecchio/nuovo che vorreste restaurare o che vorreste decorare, personalizzandolo con alcuni disegni? Ecco allora una guida che farà, di certo, al caso vostro. Leggendola con attenzione, capirete come eseguire dei favolosi lavori...
Altri Hobby

Come restaurare oggetti arrugginiti

La ruggine purtroppo va ad intaccare tutti quegli elementi ferrosi che abbiamo in casa. Riesce a raggiungere ogni strato fino a quando non lo sgretola del tutto, soprattutto se si trovano all'esterno a causa delle intemperie, o nei luoghi di mare a causa...
Altri Hobby

Come restaurare una bambola vintage

Le bambole antiche rappresentano delle vere e proprie opere d'arte che, nella maggior parte dei casi, hanno anche un preciso valore affettivo per chi le possiede. Cosa fare quando l'usura del tempo e la cattiva conservazione ne hanno determinato un certo...
Altri Hobby

Come restaurare una credenza

Chi ha la passione per il fai da te ha spesso a che fare con il restauro di mobili. Ridare nuova vita ad un qualsiasi complemento d’arredo richiede grande attenzione, non solo per ciò che concerne le fasi della lavorazione ma anche, in relazione alla...
Altri Hobby

Come restaurare un dipinto antico

La restaurazione di un quadro rappresenta sicuramente un lavoro piuttosto complicato da svolgere soprattutto se non si è esperti nel settore. Tuttavia non è impossibile da fare: basta infatti solamente avere buona volontà e un pizzico di manualità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.