Come restaurare un mobile in formica

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Qualsiasi tipologia di mobile ha la necessità di essere protetto da agenti esterni come ad esempio l'umidità che, con il passar del tempo contribuisce all'usura. Per quanto riguarda quelli in legno massello, è tuttavia necessario eseguire una manutenzione periodica con l'utilizzo di prodotti che contengono sostanze come l'olio vegetale o le cere. Queste due sostanze infatti, sono un ottimo aiuto al fine di andare a ripristinare il colore e la lucidatura originale di un mobile in formica. In riferimento a ciò, vediamo nel dettaglio come restaurare un mobile rivestito con questo materiale.

27

Occorrente

  • Formica nuova
  • Scalpello e raschietto
  • Carta vetrata
  • Colla per formica
  • Olio paglierino o cera solida
  • Righello e cutter
37

Usare una spugna con del sapone

I mobili in formica hanno il grande pregio di essere resistenti ai graffi ed allo sporco. Si tratta dunque di un materiale molto pratico che presenta il vantaggio di essere pulito facilmente usando una semplice spugna, e prodotti specifici come sapone o sgrassatori. Tra l'altro si prestano bene ad arredare ambienti domestici come ad esempio le cucine; infatti, la formica nella maggior parte dei casi è un rivestimento in grado di riprodurre fedelmente le venature naturali del legno e creare degli effetti decorativi del tutto particolari. Se dunque il mobile si presenta soltanto sporco, la soluzione appena descritta è l'ideale per ottenerlo come nuovo.

47

Riposizionare le schegge di formica sul mobile

Con l'umidità i mobili in formica hanno la tendenza a scollarsi o scheggiarsi nei punti più delicati, come ad esempio gli angoli dei ripiani e quelli delle ante. In questi casi, se i pezzi di formica mancanti non si sono persi, è possibile riposizionarli nei punti specifici con della colla acrilica dopo aver pulito e carteggiato la superficie sottostante. A restauro ultimato, va poi usata della cera solida ideale per ricompattare le giunture. Se tuttavia risultasse necessario, diversamente potrete andare a sostituire l'intero pannello. In questo caso dovrete portare con voi un campione e recarvi in un centro per il bricolage o in una segheria, in modo da avvicinarvi il più possibile alla stessa tinta e venatura della formica. Se il restauro del mobile invece non richiede il suddetto riposizionamento delle schegge, ma presenta soltanto piccole zone con grinze, allora si può intervenire con dello stucco epossidico opportunamente arricchito di un colorante uguale a quello della formica.

Continua la lettura
57

Rimuovere la vecchia impiallacciatura in formica

Se invece il mobile in formica da restaurare presenta dei vistosi pezzi mancanti ed intendete rimuovere la vecchia impiallacciatura, potete servirvi di uno scalpello ed un raschietto, cercando di rimuovere il piano incollato sul mobile. Una volta terminata questa fase di lavorazione, con della carta vetrata a grana grossa provvedete a levigare la superficie. A questo punto, non vi resta che ritagliare su misura la nuova formica e fissarla con della colla acrilica. Per ottimizzare la presa sul ripiano sottostante, il consiglio è di utilizzare dei pesi equamente distribuiti su tutta la superficie oppure delle morse opportunamente protette con delle ganasce di feltro. Una volta che avviene l'essiccazione del collante, con un taglierino ed un righello incidete la lastra di formica in eccesso, prestando però attenzione a non scheggiarla.

67

Applicare della cera solida

A questo punto per completare il restauro del mobile appena rivestito con un nuovo pannello in formica, non vi resta che applicare della cera solida oppure dell'olio paglierino. Entrambi vanno poi lasciati assorbire per almeno un paio d'ore, dopodichè trascorso tale tempo, potete procedere con un panno di cotone per eliminare gli eccessi e poi con uno di lana per lucidare la formica. In alternativa anche l'uso di un trapano elettrico dotato di una cuffia di peluche serve ad ottimizzare il risultato e a rendere la superficie liscia, setosa e compatta.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se si deve riparare solo una piccola parte della formica, conviene incollare il pezzo rotto, oppure sostituirlo con dello stucco epossidico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Restaurare Le Impiallacciature Di Un Mobile Di Legno

L'arredamento in legno è sempre molto bello e affascinante, uno stile senza tempo e sempre di moda, nonostante esistano tantissimi modelli e tipologie diverse. Questo genere di mobilio acquista valore con il passare del tempo e, proprio per questo motivo,...
Bricolage

Come restaurare un mobile con la gomma lacca

Se possediamo un mobile antico e abbiamo il desiderio di rimetterlo a nuovo e di restaurarlo, ripristinandolo in tutte le sue caratteristiche originali, possiamo intervenire utilizzando alcune tecniche di lavorazione e, soprattutto, dei prodotti particolari...
Bricolage

Come recuperare un mobile col decoupage

Avete un mobile piuttosto invecchiato e desiderate adottare una tecnica che gli ridia vita e bellezza? Se la risposta è sì, questa guida potrebbe fare proprio al caso vostro, poiché, grazie alla tecnica del decoupage, scoprirete come recuperare correttamente...
Bricolage

Come Restaurare Una Sedia In Stile Luigi Filippo

In ogni casa, soprattutto di quelle più vecchie o che appartenevano ai nostri nonni, sono presenti mobili antichi, sedie e quant'altro facente parte dell'antiquariato di famigli. Per non dover buttare un oggetto che potrebbe valere moltissimo, il più...
Bricolage

Come decorare un mobile in stile country chic

Se si possiede un vecchio mobile invece di buttarlo via si può restaurare cambiandone un po' l'aspetto iniziale e le caratteristiche. Un restauro eseguito da un falegname comporta una spesa non indifferente, ma si può anche decidere di effettuare questo...
Bricolage

Come incollare una bolla e riparare un'ammaccatura al supporto di un mobile impiallacciato

Ormai sono di moda da diversi anni i mobili impiallacciati, cioè quei mobili realizzati con legno compensato e rivestiti di una pellicola molto spessa che simula i vari tipi di legno. Purtroppo però questo tipo di mobile è molto soggetto ad usura....
Bricolage

Come restaurare un vecchio annaffiatoio di latta

Chi pratica giardinaggio spesso si ritrova ad usare degli annaffiatoi di latta, soprattutto per il fatto che questi sono molto più resistenti di quelli in plastica. Tuttavia succede spesso che, per via delle intemperie e dei cambiamenti climatici a cui...
Bricolage

Come restaurare un ferro da stiro a carbone

In questo articolo, che ci accingiamo a scrivere, abbiamo deciso di trattare il tema del restauro. Questo è un argomento sempre attuale ed anche molto interessante. Sono veramente in tante, infatti, le persone, che si avvicinano a questo mondo e che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.