Come restaurare un tessuto antico

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Alcuni ricercatori cinesi hanno di recente trovato il modo di restaurare e rafforzare antichi tessuti utilizzando una reazione enzimatica studiata per riempire le piccole crepe nelle fibre. Il team sostiene che il loro lavoro potrebbe offrire una nuova tecnica di conservazione che eviterebbe di usare polimeri sintetici, che possono rendere i tessuti tossici nel corso del tempo. I tessuti antichi, soprattutto la seta, sono estremamente delicati e perciò vengono di solito trattati con degli appositi adesivi per ripristinare tali manufatti, grazie alle loro buone qualità meccaniche e di legame. Tuttavia, tali adesivi sono chimicamente incompatibili con le maggior parte dei tessuti e possono danneggiarli a lungo termine. Vediamo allora come restaurare un tessuto antico.

27

Occorrente

  • Alcool o aceto
  • Ovatta
  • Spazzola
  • Pennelli sottili
  • Colori a olio e per tessuti
  • Ago e filo
37

Come primo tessuto ci occupiamo del restauro del raso, per cui iniziamo con un batuffolo di ovatta imbevuto in alcool o aceto, e tamponando cerchiamo di rimuovere tutte le impurità presenti, compresi eventuali escrementi di insetti. La cosa importante è non strofinare e soprattutto dopo aver reso umido il tessuto, cospargerlo di bicarbonato di sodio, lasciandolo asciugare per circa un'ora ai raggi del sole, ma non diretti. Trascorso tale tempo, con una spazzola pulita rimuoviamo il tutto, ottenendo il tessuto pulito, e pronto per essere rifinito in base agli altri inconvenienti presenti sulla superficie.

47

A questo punto, con un pennellino sottilissimo, applichiamo della colla vinilica per ricompattarle; dopo circa 30 minuti prendiamo della vernice ad olio e con un pennellino ultra sottile ricomponiamo i colori, in modo da rendere la superficie del tessuto omogenea e vellutata. Infine per completare il lavoro di restauro, controlliamo il merletto e lo cuciamo con del filo dello stesso colore, oppure bloccandolo definitivamente con delle striscette sottili di fettuccia che incolliamo, specie se si tratta di un piccolo tappetino.

Continua la lettura
57

Come già accennato, uno dei tessuti antichi più pregiati è sicuramente la seta, particolarmente bella quando si presenta con la sua colorazione naturale tendente al lucido. Inoltre, se il tessuto è anche damascato, per restaurarlo in modo perfetto possiamo utilizzare dei colori adatti per dipingere la stoffa. Prima di applicarli, li mescoliamo con della vernice finale per quadri di tipo lucido, in modo da integrarli perfettamente con le altre parti di tessuto che non presentano alterazioni.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come cucire con la tecnica del sopraggitto antico

Un modo alternativo di cucire è rappresentato dal metodo a sopraggitto antico. Iniziamo col definire il sopraggitto: esso non è altro che l'unione di due pezzi (o lembi) di tessuto, già pronte o fatte all'uncinetto. Spesso vengono anche utilizzate...
Cucito

Come scegliere il tessuto per le tende

Le tende giocano un ruolo importante nel definire il tono dell'intero arredamento di una casa. Quando si sceglie il tessuto per crearle, così come il colore, la consistenza ed il prezzo, occorre fare prima delle considerazioni importanti legate principalmente...
Cucito

Come plissettare un tessuto

Sicuramente la plisettatura è più elegante e resistente su capi di abbigliamento in tessuti o su particolari capi di arredo, oggi vediamo su questa semplicissima e pratica guida come plissettare un tessuto. Questa tecnica esiste già dall'antico Egitto,...
Cucito

Come realizzare un vestito da antico romano

Quando arriva il Carnevale, quasi tutti i bambini amano travestirsi da personaggi fantastici e molto spesso i genitori sono costretti a spendere delle cifre talvolta considerevoli per acquistare degli abiti già cuciti e confezionati. L'alternativa per...
Cucito

Come cucire un tessuto in spugna

Il tessuto in spugna ha diverse qualità fondamentali, tra le quali è fortemente assorbente, tant'è che la maggior parte degli accappatoi e degli asciugamani è realizzata proprio con questo tipo di materiale. La spugna non è difficile da cucire, ma...
Cucito

Come decorare un tessuto con lo stencil

Quando si compra un tessuto e si decide di lavorarlo, la prima cosa che viene in mente è capire come decorarlo. Esistono moltissimi modi per decorarlo in maniera originale ed elegante, ed uno di questi consiste nell'applicare degli stencil, facilmente...
Cucito

Come attaccare il pizzo chiacchierino al tessuto

Il pizzo chiacchierino può essere una raffinata e delicata decorazione per ogni articolo in tessuto e per ogni tipologia di stoffa. Un bordo in pizzo chiacchierino, ad esempio, può rendere speciale un semplice asciugamano per gli ospiti da esporre in...
Cucito

Come cucire un tessuto elasticizzato

Quali tecniche occorre utilizzare quando si deve intervenire su un tessuto elasticizzato? Quando diviene necessario operare delle cuciture, l'essenziale è rispettare appieno le caratteristiche del capo di abbigliamento per non rovinarlo o deteriorarlo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.