Come restaurare una pendola

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nel XVII secolo Galileo Galilei studiò la regolarità del moto del pendolo. Più tardi, nel 1936, fu Christiaan Huygens a sfruttare questo movimento creando un affascinante arredo che ancora oggi troviamo nelle case degli appassionati di antiquariato: l'orologio a pendolo. Col passare del tempo tuttavia è possibile che la pendola si rovini e si usuri. Ecco dunque come restaurare perfettamente una pendola.

26

Occorrente

  • Prodotti per levare la cera
  • Sverniciatori
  • Pagliette di lana
  • Guanti
  • Cera o vernice
36

Sganciare il pendolo oscillante

È importante innanzitutto sganciare il pendolo oscillante per evitare di romperlo. Dopodiché dovrete estrarre la parte meccanica per restaurare il legno e renderlo come nuovo. Per aiutarvi troverete delle piastre esterne che dovrete avere cura di estrarre delicatamente per evitare di piegare le leve dell'orologio. A questo punto lubrificate la parte meccanica e lasciatela da parte.

46

Verificare se vi sia la presenza di parassiti

Eseguite un trattamento specifico contro questi parassiti le cui larve potrebbero danneggiare irrimediabilmente il vostro orologio. Per applicare il prodotto specifico dovrete utilizzare un pennello direttamente sulle larve oppure potrete aiutarvi con delle iniezioni dirette nelle gallerie scavate dagli insetti, per prevenire qualsiasi deposizione di uova.

Continua la lettura
56

Restaurare la superficie dell'orologio

Una volta rimossi i parassiti dal legno dovrete restaurare la superficie del vostro orologio; è importante distinguere tra una pendola in legno incerato o in legno verniciato. Nel primo caso dovrete utilizzate un prodotto che toglie la cera. Il prodotto viene applicato con un pennello o con un panno. Strofinate poi delicatamente con un tampone di lana di ferro sottilissima (non utilizzate tamponi per lucidare!). Infine, asciugate con un panno e non sciacquate, perché l'acqua potrebbe far gonfiare il legno, danneggiando non solo il suo aspetto, ma anche la sua struttura. Il decapaggio avrà messo in evidenza delle macchie fino a quel momento coperte dalla cera. Utilizzate un prodotto schiarente nel caso in cui la macchia non sia scomparsa con la cera.

66

Eliminare la vernicie

Nel caso il legno sia verniciato dovrete rimuovere la vernice con l'aiuto di guanti e uno sverniciatore che la scioglierà, formando delle bolle. A questo punto dovrete eliminare la vernicie con una spatola per le parti più grosse e definire la sverniciatura con una paglietta di ferro per levarne i residui. Dopodichè potrete passare uno straccio con alcool per pulire. Una volta asciugata la parte interessata, potrete riverniciare e potrete di nuovo collocare la vostra pendola nel vostro salotto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come restaurare un mobile in stile shabby

Restaurare autonomamente tutto ciò che si trova in casa, è uno degli obiettivi più ambiti dalle persone, che si tratti di tavoli, sedie o mobili. Riferendoci a quest'ultima categoria, possiamo passare ad esaminare lo stile "shabby". Shabby, in italiano,...
Bricolage

Come Restaurare Una Sedia In Stile Luigi Filippo

In ogni casa, soprattutto di quelle più vecchie o che appartenevano ai nostri nonni, sono presenti mobili antichi, sedie e quant'altro facente parte dell'antiquariato di famigli. Per non dover buttare un oggetto che potrebbe valere moltissimo, il più...
Bricolage

Come restaurare uno specchio antico

Malgrado i bravi artisti operanti nel campo e l'applicazione dei moderni maestri di design, gli antichi specchi conservano comunque un fascino insuperabile. Se poi aggiungete loro il valore affettivo che nutrite e l'eleganza e la raffinatezza che riescono...
Bricolage

Come restaurare una testiera del letto in massello

Quando si ha in casa un mobile antico e di un certo pregio, nonostante gli anni che passano si preferisce spesso non buttarlo, ma tenerlo come un prezioso ricordo, soprattutto se esso è stato tramandato da un parente che non c'è più. Ogni tanto però...
Bricolage

Come restaurare una carriola in legno

Se avete un bel giardino ed avete voglia di abbellirlo maggiormente con qualcosa di insolito, allora potreste prendere in considerazione l'idea di posizionare in qualche angolo una favolosa carriola in legno. Solitamente è conveniente acquistarla usata,...
Bricolage

Come restaurare un violino

Se l'arte del restauro è uno dei nostri hobby preferiti, e amiamo la musica, allora possiamo provare a cimentarci con il restauro di un violino. L'esigenza di restaurare questo strumento, nasce anche dalla sempre più carente figura del liutaio, uno...
Bricolage

Come restaurare un ferro da stiro a carbone

Il ferro da stiro è uno strumento piuttosto antico, ma che ha svolto e svolge ancora, fin dalla sua creazione, un'utile funzione per la cura e l'aspetto dei nostri vestiti. Grazie al calore prodotto è possibile eliminare le fastidiose pieghe dei nostri...
Bricolage

Come restaurare un gazebo in legno

Far da soli in casa non significa soltanto notevole risparmio, ma possibilità di svago e di utile intelligente impiego del tempo libero. Per quanto riguarda l'arredo del proprio giardino, è risaputo che esso è esposto alle intemperie e al freddo, quindi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.