Come rialzare un pozzetto ceduto in giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Dopo aver realizzato l'impianto d'irrigazione in un nuovo giardino per il quale sono stati installati alcuni pozzetti tecnici indispensabili per l'inserimento di elettrovalvole o dove vengono solitamente raccordate le differenti tubazioni, l'assestamento naturale del terreno o le piogge frequenti, potrebbero provocare il cedimento dei pozzetti, compromettendo sia l'integrità degli impianti idraulici interrati sia la planarità della superficie del tappeto erboso. Pertanto è necessario procedere con dei lavori di manutenzione ed in questa guida vi mostriamo come rialzare un pozzetto ceduto e rinnovarlo con un design raffinato.

28

Occorrente

  • Badile e zappa
  • cazzuola
  • pietrisco di pezzatura media
  • mattoni pieni
  • sabbia e cemento
  • acqua
38

Svitiamo tutti i raccordi tra le tubazioni presenti all'interno del pozzetto e procediamo alla rimozione dei dispositivi in esso installati mettendoli da parte; asportiamo, quindi, lo strato di tappeto erboso circostante al pozzetto per almeno 20 cm di larghezza e scaviamo il terreno fino a raggiungere la profondità necessaria per estrarre il pozzetto; solleviamolo, estraiamolo e continuiamo ad asportare il terreno per ulteriori 30 cm di profondità e per tutta la larghezza della buca.

48

Disponiamo sul fondo dello scavo il pietrisco di pezzatura media miscelandolo con un impasto di sabbia, acqua e cemento preparato in precedenza. Con la cazzuola misceliamo bene il pietrisco alla malta cementizia ottenendo un conglomerato omogeneo che dovrà avere uno spessore minimo di 5 cm e la sua superficie deve risultare sufficientemente piana. Copriamo lo scavo con un telo di nylon e lasciamo asciugare il manufatto per almeno un giorno.

Continua la lettura
58

Terminata l'asciugatura, realizziamo un basamento di mattoni pieni direttamente sulla superficie del conglomerato, incollandoli con una buona malta cementizia e raggiungendo l'altezza adeguata su cui appoggiarvi il pozzetto; non è necessario realizzare un basamento che occupi tutto il fondo dello scavo, è necessario invece che sia largo almeno quanto la base del pozzetto. Completiamo quindi il basamento e adagiamo su di esso il pozzetto in modo che la faccia superiore del suo coperchio si trovi allo stesso livello del terreno circostante.

68

Completato il basamento e posato il pozzetto, inseriamo al suo interno le tubazioni che avevamo rimosso all'inizio dei lavori; blocchiamo provvisoriamente il pozzetto nella posizione corretta e riempiamo la parte restante dello scavo con la terra estratta inizialmente, compattandola moderatamente. Terminata l'operazione di assestamento del terreno, se il periodo stagionale lo consente, potremo seminare subito il nuovo prato e ricollocare all'interno del pozzetto tutti i dispositivi dell'impianto di irrigazione.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Idee per realizzare un giardino zen

Fare il Giardino Zen, è una pratica che si è divulgata da pochi anni anche in Occidente. Nasce infatti nella cultura giapponese. Il Giardino Zen non è un giardino nel senso convenzionale del termine, ma ha delle caratteristiche essenziali, la terra...
Giardinaggio

Come sistemare un giardino trascurato

Se il giardino è stato trascurato per un anno o più, sbarazzarsi delle erbacce fornirà una migliore visione della bellezza del giardino stesso. Ci sono due tipi di giardino trascurato: quelli che si ereditano quando si acquista una nuova casa, o il...
Giardinaggio

Come creare un giardino roccioso mediterraneo

Il giardino rappresenta un'area domestica molto importante: arredare e progettare un giardino o un grande terrazzo è proprio come arredare un ambiente della casa, come una sala da pranzo oppure una camera da letto. Il giardino, infatti, richiede le stesse...
Giardinaggio

Come creare un giardino roccioso

Se abbiamo intenzione di rendere il giardino della nostra casa originale ed affascinante, possiamo creare un giardino roccioso. Si tratta di una soluzione non solo molto bella esteticamente ma anche molto rilassante. Realizzare un giardino roccioso non...
Giardinaggio

Come progettare un giardino botanico

Con il termine giardino botanico si intendere una sorta di museo di storia naturale all'aperto, ovvero un luogo dove è possibile ammirare specie di fiori e di piante, la cui conservazione è l'obbiettivo primario. Infatti all'interno di questa tipologia...
Giardinaggio

Come creare un'area coperta in giardino

Il giardino è una piccola oasi di pace e relax che ognuno può crearsi, soprattutto se si possiede una bella villa. In un giardino si possono passare momenti di festa, di relax, passare del tempo curando le piante e molto altro ancora. Possedere un giardino...
Giardinaggio

Manutenzione del giardino in inverno: 5 cose da sapere

Se pensi che il tuo giardino non abbia bisogno di cure particolari una volta arrivato l’inverno, ti stai sbagliando, un aspetto fondamentale che tante volte viene sottovalutato è la sua cura durante la stagione invernale, risulta necessario, infatti,...
Giardinaggio

Come eliminare i topi dal giardino

Chi possiede un giardino prima o poi deve affrontare il problema dei topi. Questo problema è davvero molto seccante in quanto questi animaletti sono una minaccia non solo per le piante del giardino, ma anche per la propria salute. Infatti, i topi generalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.