Come ricavare dell'ottimo concime

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Le piante, specie quelle quelle da appartamento, che non hanno un ricambio di terra, soffrono perché con il passare del tempo la terra stenta a fornire loro un adeguato apporto alimentare. Per questo le piante generalmente vengono concimate ed esistono svariati tipi di concimi. I concimi chimici, reperibili in tutti i negozi specializzati in giardinaggio e cura delle piante sono veramente molto efficaci ma, allo stesso tempo sono cari e non garantiscono un prodotto genuino. In questa guida, vi verranno dati degli utili suggerimenti su come ricavare dell'ottimo concime a cominciare dagli scarti organici (spesa zero e pari rischio), ricavati anche semplicemente dai nostri pasti quotidiani.

25

Preparare il compost

La prima tecnica per realizzare del buon concime è quella di preparare il cosiddetto compost. Tuttavia, dovrete procurarvi un grosso secchio (come ad esempio un vecchio barattolo di vernice ben lavato, o un secchio in plastica da pulizie domestiche), sul fondo di questo mettete uno strato di terra, poi uno di residui della tavola (bucce, frutta o verdura andata a male; ovviamente, MAI la carne) e alternate: un altro strato di terra, un altro di residui, un altro di terra. Rimescolate il tutto con una paletta ogni 10 giorni, per circa 1 mese. A fine mese, vi accorgerete che le bucce e la terra saranno scomparse, sostituite da un composto nerastro e grasso, altamente nutritivo per le piante e i fiori.

35

Mescolare il terriccio con la cenere

La seconda tecnica per creare del concime naturale e fai da te è quella di mescolare al terriccio della cenere. Difatti le ceneri, essendo ricche di fosfati, costituiscono un ottimo concime naturale. Quindi dovrete recuperare della cenere ottenuta esclusivamente bruciando legname, foglie secche, tabacco e, mescolarla al terriccio cercando di rispettare queste proporzioni: terriccio 70%, cenere 30%. Mescolate bene evitando di mettere la cenere direttamente sulla superficie del vaso.

Continua la lettura
45

Interrare residui del giardino

Un'altra tecnica altrettanto efficace per concimare naturalmente e adatta a tutti coloro che, invece dei vasi, si servono di un vero e proprio giardino consiste nell'interrare, dopo avere accuratamente vangato bene il terreno e ad una profondità di circa venti centimetri ogni residuo esistente in giardino (fogliame secco, rami rimasti dalle potature e frutta marcia). In questo caso a differenza degli altri due metodi menzionati in precedenza non sarà necessario rimescolare il terreno in quanto la decomposizione di tali residui interrati nel terreno daranno automaticamente la giusta nutrizione al suolo.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare concime organico

In questa guida ci occuperemo di come realizzare il concime organico in maniera molto semplice e pratica. La distribuzione del concime organico sull'orto e sui propri giardini, è la migliore soluzione per garantire una crescita sana, naturale e vigorosa...
Giardinaggio

Come fare il concime

Chi ama io giardinaggio e ha il pollice verde sa bene quanto sia importante prendersi cura delle proprie piante. Qualora alcune di queste venissero utilizzate per fini alimentari, sarebbe bene prendersene cura in maniera più attenta e speciale. Un modo...
Giardinaggio

Come preparare un concime naturale per le piante

Quando si decide di coltivare qualcosa nel proprio orto, la prima cosa da pensare è quella di utilizzare dei concimi che proteggano le piante, ma che allo stesso tempo non facciano danni alla nostra salute. Oggi molte aziende puntano proprio sul fatto...
Giardinaggio

Come Utilizzare La Cenere Come Concime

Tutti conosciamo il potere sbiancante delle ceneri, se usate per il bucato dei capi delicati, ma non tutti sappiamo che, questo elemento naturale, può diventare un ottimo alleato nella cura delle nostre piante. Se durante l'inverno e la primavera (per...
Giardinaggio

Come ottenere un ottimo fertilizzante per l'orto

Chi possiede un orto o un picolo appezzamento di terreno in cui coltiva ortaggi sa bene quanto è importante usare un fertilizzante nella terra nel modo giusto. Per rispettare gli equilibri ambientali è preferibile evitare prodotti inquinanti, chimici...
Giardinaggio

10 piante ideali per ricavare un bonsai

I bonsai solo dei piccoli alberi in miniatura che vivono in vasi di dimensioni ridotte proprio per mantenere al minimo la crescita di questo tipo di pianta. I bonsai sono delle vere e proprie opere d'arte in miniatura, e sono dotati di un'eleganza e di...
Giardinaggio

Come ricavare lo zucchero dalla barbabietola

In commercio esistono moltissime aziende che producono zucchero, ma quello che si acquista nei supermercato non sempre è zucchero di buona qualità. Esso viene infatti trattato e raffinato, mentre sarebbe più salutare adottare zucchero naturale senza...
Giardinaggio

Come ricavare piante ornamentali da frutta e verdura

All'interno della fattispecie che riguarda il giardinaggio, molto spesso vi sono tanti dubbi e poche certezze in merito alle migliori tecniche di coltivazione e di cura di alcune piante e di alcuni fiori. Non a caso negli anni sono stati pubblicati una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.