Come riciclare il filo di ferro plastificato

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il filo di ferro, conosciuto anche come ferro filato, è un materiale che non deve mancare in una cassetta degli attrezzi. Il motivo è molto semplice: può essere utilizzato per numerose applicazioni e non è assolutamente difficile usarlo. Può essere impiegato per tenere uniti due oggetti o come corda per stendere il bucato; inoltre, essendo plastificato, può essere impiegato tranquillamente anche nelle applicazioni in campo elettrico. Tuttavia, dopo il suo utilizzo, si tende a buttare via i resti, non sapendo che questi possono risultare molto utili per diversi motivi. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come riciclare il filo di ferro plastificato.

25

Occorrente

  • Filo di ferro plastificato
  • Foglio di carta
  • Chiodo piccolo
35

Spesso, i bambini piccoli hanno la tendenza a rompere le stringhe delle scarpe con estrema semplicità: in caso di emergenza, se nella vostra abitazione non avete a disposizione delle nuove stringhe, avrete la possibilità di impiegare appunto il filo di ferro plastificato, acquistabile in una qualunque ferramenta e collocabile nella vostra cassetta degli attrezzi. Specificatamente, potrete utilizzarlo anche in colori differenti, per riuscire a distinguere facilmente le chiavi di casa da quelle del portoncino. Inoltre, esso si potrebbe addirittura usare su lana o cotone pesanti dei vostri lavori all'uncinetto, per imbastire.

45

Se vi manca una cartelletta ad anello, potete tenere insieme i fogli, unendoli con il filo di ferro plastificato comprato precedentemente, inserendo vari pezzi di filo nei buchi e arrotolandoli (infatti, sono facilmente malleabili). Utilizzatelo nella vostra cucina come un promemoria, attaccandolo ad un foglio di carta sul quale riporterete le notizie che vi interessano oppure le ricette che avete intenzione di cucinare (costruendo un rudimentale appoggio) e mediante l'applicazione di un piccolo chiodo sul muro.

Continua la lettura
55

Il filo di ferro plastificato, però, fa la sua enorme figura nel giardino, in cui può essere impiegato per innumerevoli utilizzi, soprattutto nelle serre, per realizzare dei sostegni alle piante rampicanti e creare conseguentemente delle vere e proprie opere d'arte. Ad esempio, se desiderate dare un aspetto gradevole e caratteristico alla vostra edera, potrete acquistare un filo di ferro plastificato verde e dargli la forma di un cuore: chiudete le due estremità di quest'ultimo con un altro e piantate il sostegno in un vasetto di edera e, cosi facendo, vedrete aggrapparsi la pianta, durante la propria crescita, alla struttura che avete creato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come Preparare E Regolare la Macchina A Filo Continuo Per Saldare

L'unione dei componenti metallici può determinare longevità, qualità e resistenza in qualsivoglia prodotto disponibile, ed è bene fare luce su un punto fondamentale di questo processo: la realizzazione di una buona saldatura con un tipo specifico...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare il filo di rafia

Il filo di rafia è una fibra naturale che deriva da una palma dalla quale prende anche il nome. La palma di rafia è presente in Madagascar e, solitamente, viene essiccata per poi essere trasformata in nastro naturale. In commercio, esiste anche una...
Materiali e Attrezzi

Come Utilizzare Il Filo A Piombo

Uno strumento impiegato specialmente nel settore dell'edilizia e che non può assolutamente mancare all'interno del proprio fabbricato (villa, appartamento, villetta a schiera, monolocale, ecc.) è rappresentato dal filo a piombo. Al giorno d'oggi, comunque,...
Materiali e Attrezzi

Come intarsiare un filo d'argento nel legno

In questa guida vi spiegherò brevemente come intarsiare un filo d'argento nel legno. Sarà un procedimento molto lungo e difficile che richiederà parecchia pazienza e precisione. Il risultato finale però sarà qualcosa di meraviglioso. Quindi, se siete...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un saldatore a filo continuo

Questa riportata di seguito è una guida di base su come saldare utilizzando un saldatore a filo continuo. La saldatura MIG (metal inert gas) è un processo impressionante che utilizza l'energia elettrica per fondere ed unire insieme vari pezzi di metallo....
Materiali e Attrezzi

Come usare il filo caldo

In questo articolo, che stiamo per presentare ai nostri cari lettori e lettrici, abbiamo deciso di parlare del come poter usare, nella maniera più semplice, veloce e corretta possibile, il filo caldo. Ci occuperemo di come realizzare dei lavoretti fai...
Materiali e Attrezzi

Saldatore a filo continuo: errori da evitare

Cos'è la saldatura? È l'insieme dei processi per mezzo dei quali, sotto l’azione di una fonte di calore, con o senza apporto di materiale, è possibile unire pezzi metallici per creare una struttura unica. Lo strumento con cui si opera in questi casi,...
Materiali e Attrezzi

Come regolare la saldatrice a filo

Al giorno d'oggi, esistono tantissime tipologie di saldature, e vanno dalle saldature più classiche a quelle più articolate. Abbiamo quelle classiche come la ossiacetilenica, o ad elettrodo rivestito. Oppure quelle più complesse, come quella a laser...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.