Come riconoscere dei ditali antichi

Tramite: O2O 11/11/2014
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sapevate che anche i ditali, quei piccoli oggetti che servono per proteggere il dito quando si cuce, possono rivelarsi bellissimi oggetti da collezione? Esistono alcuni modelli datati che sono particolarmente preziosi; si trovano in diverse forme e materiale e possono avere, in alcuni casi, "storie" secolari.
Vediamo quindi, nella guida che segue, come riconoscere i ditali antichi attraverso la semplice osservazione delle caratteristiche principali. Seguitemi passo passo e procediamo!

26

Occorrente

  • Un ditale
  • Una lente d'ingrandimento
  • Attività di ricerca
36

Il ditale è utilizzato da millenni, addirittura dall'età della pietra. Certo, per risalire al vero e proprio ditale, ossia quello "chiuso", bisogna partire almeno dal Medioevo ma è successivamente, dalla fine del 1600, quando fu realizzata la prima macchina per costruirli, che diventarono degli oggetti preziosi anche grazie ai materiali che venivano impiegati per realizzarli. In quell'epoca, per la loro ricercatezza ornamentale, venivano sfoggiati come veri e propri gioielli; tale caratteristica li ha resi "monili" da collezione.

46

All'inizio del 1800, per venire incontro alle maggiori esigenze di utilizzo, cominciò la produzione industriale ossia in serie: il metallo utilizzato diventò sempre più sottile, la punta piuttosto piatta e la distribuzione dei buchetti laterali regolare.
Per riconoscerne la preziosità bisogna dunque confrontare il materiale del ditale con il periodo in cui è stato realizzato; l'argento e l'oro erano molto impiegati, non solo perché preziosi ma anche perché particolarmente leggeri e facili da lavorare a mano, almeno fino agli inizi del 1800 quando, come detto, furono sostituiti da altre tipologie di metalli. La celluloide in colori insoliti, invece, fece la sua comparsa ai primi del '900 risultando particolarmente gradita ai collezionisti dell'epoca.

Continua la lettura
56

Dal punto di vista del "marchio" questo dovrebbe essere stampato nella parte esterna del ditale, in basso oppure all'interno della corona. Per quanto riguarda le decorazioni, esse possono aiutarvi a ricostruirne facilmente la storia: i ditali risalenti al periodo elisabettiano avevano spesso la scritta 'Good Queen Bess', mentre quelli francesi potrebbero facilmente riportare un fiore stilizzato; ancora, quelli risalenti all'impero russo potrebbero arrecare elementi Fabergé.
Da ultimo, anche le scatole dei ditali possono raccontarvi molto della loro storia, soprattutto se molto elaborate, decorate finemente ed in modo artigianale, magari anche con il ricorso a metalli preziosi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • nella metà del 1900, i ditali fatti in materiali economici venivano utilizzati per slogan pubblicitari.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come riconoscere il diritto di un tessuto

Non sempre è semplice riconoscere il diritto di alcuni tipi di tessuto, specialmente quando si è alle prime armi per la confezione di vestiti. È molto importante riconoscerlo, soprattutto al momento del taglio. Infatti per avere un buon risultato nella...
Cucito

Come riconoscere la seta

La seta è un tessuto composto da fibre naturali ed è costituita da proteine in quanto naturalmente prodotta dagli insetti, in particolare dal baco da seta. La qualità di questo pregiatissimo tessuto può variare a seconda dell'origine del prodotto...
Cucito

Come realizzare un cestino per il cucito

Le sarte e chi cuce occasionalmente sa che è importate avere un contenitore che possa dare ordine agli oggetti utili al cucito. Questi piccoli utensili hanno dimensioni spesso ridotte e necessitano quindi di un posto che possa facilitarne il "ritrovamento"...
Cucito

Come realizzare un puntaspilli con stoffa di scarto

In ogni scatola del cucito che si rispetti, oltre agli aghi ed ai ditali, non può mancare il puntaspilli, comodo proprio per infilarci gli aghi, onde evitare la loro perdita e l'eventuale ricerca nella scatola. Usando la vostra fantasia e la vostra creatività...
Cucito

Come restaurare un tessuto antico

Alcuni ricercatori cinesi hanno di recente trovato il modo di restaurare e rafforzare antichi tessuti utilizzando una reazione enzimatica studiata per riempire le piccole crepe nelle fibre. Il team sostiene che il loro lavoro potrebbe offrire una nuova...
Cucito

Come realizzare una toga

La toga è un indumento che richiama alla mente antichi romani e divinità lontane, ma persino oggi rimane essenziale per gli studenti dei college statunitensi che frequentano regolarmente una confraternita, oppure per i giudici in tribunale. Per tutti...
Cucito

Come riutilizzare le sciarpe di lana

Negli ultimi anni va sempre più di moda l'arte del riciclo. Infatti moltissime persone evitano di buttare via oggetti e vecchi indumenti e li riutilizzano in svariati modi. L'arte del riciclo ha coinvolto tutti che mettono in campo la loro creatività....
Cucito

Come Realizzare Un Tappeto Con Le Lenzuola Riciclate

Tutte le lenzuola, con il passar tempo, tendono a logorarsi, mostrando i classici segni di deterioramento: buchi, fragilità, perdita di colore e di elasticità. Cosa fare con questi vecchi tessuti? La risposta più immediata potrebbe sembrare quella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.